Home / Archivio dei Tag: grassi

Archivio dei Tag: grassi

L’Oms raccomanda: le calorie da grassi saturi devono essere meno del 10%. Consultazione pubblica sulle nuove linee guida per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari

formaggi latte yogurt latticini uova

Per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, le calorie provenienti da grassi saturi non devono superare il 10% di quelle assunte complessivamente ogni giorno, sia dagli adulti che dai bambini. La raccomandazione è contenuta nelle prime linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sugli acidi grassi, che fanno seguito a quelle sull’assunzione di sodio, potassio e zuccheri. Sulle nuove linee …

Continua »

Barilla, i nuovi cracker Gran Pavesi hanno il 30% di grassi in meno: l’etichetta è corretta, ma non sono più salutari

gran pavesi cracker pomodoro grassi

Eccoli, sono arrivati i nuovi cracker Gran Pavesi al pomodoro, alle olive e al rosmarino tutti col il 30% di grassi in meno. Lo dice la pubblicità e lo ribadisce la frase sul frontespizio della confezione “-30% di grassi – senza olio di palma”. Il calcolo è stato fatto considerando il contenuto di grassi presente nei cracker più venduti (dal …

Continua »

“La Paleo Dieta su misura”: nel libro di Wolf tornano i carboidrati (senza glutine), ma rimane un regime squilibrato. La recensione del nutrizionista

paleo dieta robb wolf dettaglio copertina

“La Paleo Dieta su misura” di Robb Wolf (2017) è uno degli ultimi libri scritti sulla dieta “ancestrale” che, secondo una narrazione largamente condivisa, avrebbe seguito l’uomo del paleolitico. L’autore ha ripreso i principi già espressi nel suo bestseller “La Paleo Dieta” (2011) mitigando però il rigido regime alimentare originario – senza cereali, legumi, zucchero, latte o latticini – con …

Continua »

Sostituire l’olio di palma senza modificare il gusto del cibo è possibile. Le alternative proposte dai ricercatori dell’Università di Udine

L’olio di palma è stato per lungo tempo il grasso vegetale più utilizzato dell’industria alimentare perché è solido a temperatura ambiente, economico e versatile. Ma è anche ricco di grassi saturi e ha un impatto ambientale da non trascurare. Non è sempre possibile rimpiazzare questi grassi utilizzando oli vegetali ricchi di grassi insaturi, come l’olio di girasole o di oliva. …

Continua »

Lituania: accordo governo-industrie per riformulare i prodotti ed evitare la sugar tax

In Lituania, il governo ha rinunciato al proposito di introdurre una tassa sulle bevande zuccherate, dopo aver raggiunto un accordo con undici industrie alimentari, nazionali e internazionali, per una riformulazione dei prodotti e una riduzione volontaria del contenuto di sale, zuccheri e grassi. Tra i sottoscrittori dell’accordo figurano Coca-Cola, Nestlé, Mars e Orkla. Secondo i dati del governo, la popolazione …

Continua »

Arriva l’Avocado Light con meno grassi. Ma è davvero una buona notizia? Il frutto contiene molti grassi monoinsaturi, che combattono il colesterolo cattivo

L’azienda Eurobanan ha sviluppato una nuova varietà di avocado per il mercato spagnolo. Si tratta dell’Avocado Light, che viene coltivato esclusivamente in America Latina e richiede specifiche condizioni climatiche e caratteristiche del suolo. Ha tutti i vantaggi nutrizionali dell’avocado normale ma contiene il 30% di grassi in meno e viene lanciato in questi giorni, con il marchio Isla Bonita, durante …

Continua »

Avocado: il boom del frutto tropicale mette a rischio l’ambiente. In Messico la monocoltura è causa di deforestazione e di perdita di biodiversità

Negli ultimi anni l’avocado sta riscuotendo un grande successo anche in Europa. Eppure questo frutto dal colore verde brillante e dalla consistenza burrosa potrebbe non essere sostenibile dal punto di vista dell’ambiente. Ha varcato i confini del Centro-Sud America e raggiunto gran parte del mondo, facendo del Messico il principale esportatore con il 40% del mercato. Il frutto è diventato …

Continua »

Olio extravergine di oliva: quali sono i valori nutrizionali corretti? Risponde l’avvocato Dario Dongo

olio extravergine d'oliva

Vi scrivo per avere un vostro parere riguardo un dubbio. Mi occupo di tabelle nutrizionali, recentemente ho notato che la tabella nutrizionale dei produttori di olio extravergine di oliva indica grassi 91% kcal 822, mentre da tradizione e da riscontro con i dati riportati dall’EnteCra ed altri database risulta grassi 99,9 kcal 899 (valore di EnteCra). Non trovando una giustificazione chimica per questi …

Continua »

Troppe merendine ricche di zuccheri, grassi e calorie. In Italia mancano studi sui consumi reali. Perché nessuno li vuole fare?

È importante educare i bambini a mangiare alimenti semplici come pasta, riso, frutta, verdura, pane, legumi che hanno un sapore molto diverso rispetto agli alimenti industriali studiati per risultare irresistibili e dare il massimo piacere al palato grazie al mix di zuccheri, grassi e sale. Gli snack e le merendine sono i prodotti che meglio rappresentano questo concetto. Le merendine di produzione industriale sono piccoli dolci …

Continua »

Etichette nutrizionali: un lettore ci spiega come dovrebbero essere scritte per essere veramente corrette

etichette

Abbiamo ricevuto e  volentieri pubblichiamo una lettera da un docente che ha insegnato chimica all’università sulle modalità scelte dal legislatore per le diciture relative alle etichette nutrizionali. Il testo evidenzia la conflittualità tra scritte e nozioni di chimica. Se è vero che le etichette nutrizionali devono “chiarire” la composizione di un alimento e che le sostanze contenute in un alimento …

Continua »

Olio di palma: tantissime le botteghe artigianali che lo usano. Un consumo sconosciuto in pasticcerie, ristoranti, rosticcerie e panifici

Gentile redazione, ho apprezzato fin da subito la vostra campagna contro l’abuso dell’olio di palma e sono entusiasta degli effetti che un’iniziativa sostenuta dalle persone sta avendo sul pensiero collettivo tanto da riuscire a smuovere ogni giorno un piccolo tassello di questa catena costruita negli anni dalle multinazionali. Mi preme porre alla vostra attenzione un problema che non va sottovalutato, …

Continua »

Sedotti dall’etichetta. Le informazioni nutrizionali sulla singola porzione possono indurre a mangiare di più e ad assumere più calorie

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università tedesca di Goetingen, pubblicato alla rivista Journal of the Association for Consumer Research, ha analizzato come le informazioni nutrizionali volontarie sulle confezioni alimentari possono influenzare la quantità degli acquisti. Una tattica diffusa tra i produttori è quella di indicare i valori dei vari ingredienti con riferimento a porzioni consigliate piccole, in modo che i …

Continua »

“Il consumo di olio di palma va limitato”. Lo dicono le nuove linee guida dietetiche per gli americani

Le nuove linee guida dietetiche per gli americani, pubblicate pochi giorni fa dal governo statunitense, indicano esplicitamente l’olio di palma tra i grassi saturi, il cui consumo complessivo non dovrebbe superare il 10% dell’apporto calorico quotidiano. Gli alimenti ad alto contenuto di grassi saturi indicati dalle linee guida sono: burro, latte intero, carni non etichettate come magre, oli tropicali come …

Continua »

La tassa sui cibi poco sani serve, anche se di pochi centesimi. Due studi spiegano le dinamiche delle scelte di acquisto delle fasce sociali più a rischio

Gli incentivi economici finalizzati all’acquisto di alimenti e bevande sane funzionano. Lo dimostrano due studi pubblicati in questi giorni, dai quali emerge che sia la fat tax (tassa sul grasso) entrata in vigore in Messico un paio di anni fa, sia una forma di incentivo  presente nel mercato statunitense, determinano in tempi breve un cambiamento sulle abitudini di acquisto favorendo …

Continua »

Latte scremato o intero? Il dubbio sembra ancora senza soluzione. Anche se in USA i nutrizionisti si orientano verso quello intero

Scremato o intero? Dopo aver consigliato a lungo il latte scremato, sembra che tra i nutrizionisti ci sia un’inversione di tendenza. Lo ha rivelato Tom Vilsack, segretario dell’agricoltura americano e presidente dell’USDA. Il dibattito sarebbe ancora acceso in vista delle linee guida sull’alimentazione 2015, il vademecum rilasciato ogni cinque anni per aiutare gli americani a mantenersi in salute con un …

Continua »