Home / Nutrizione / Regno Unito, piano del Governo per eliminare cinque miliardi di kcal dalla dieta dei cittadini

Regno Unito, piano del Governo per eliminare cinque miliardi di kcal dalla dieta dei cittadini

Un’iniziativa del governo inglese intende ridurre l’apporto giornaliero di calorie. Nel Regno Unito, come abbiamo visto in diverse occasioni, diete squilibrate e stili di vita poco salutari sono un problema più serio che altrove [1]. L’Amministrazione sanitaria e gli operatori privati hanno già sperimentato diversi approcci, dai semafori in etichetta agli incentivi economici a chi riesca a ridurre il BMI (Body Mass Index, l’Indice di Massa Corporea) in eccesso, ma senza apprezzabili risultati. L’ultimo tentativo è il Responsibility Deal, una dieta drastica sui prodotti alimentari, cioè una diffusa riformulazione delle loro ricette in chiave salutistica. Meno grassi, grassi saturi, sale e zucchero, con l’obiettivo di eliminare 5 miliardi di kcal dai consumi quotidiani dell’intera popolazione.

 

L’iniziativa si inserisce nel quadro generale del Public Health Responsibility Deal [2], il programma sviluppato dal governo britannico per affrontare il problema dei crescenti tassi di obesità e sovrappeso. Con il supporto e la sinergia di tutti gli enti pubblici e privati che decidano di aderire a questa battaglia con la bilancia. Perché la riduzione del giro-vita, è chiaro a tutti ormai, non è questione di estetica o di taglia dei vestiti ma di sanità pubblica e costi vertiginosi.

 

Il 26 marzo il Segretario alla salute Andrew Lansley ha annunciato l’avvio delle operazioni. Aderiscono le quattro principali catene della grande distribuzione (Tesco, Asda, Sainsbury’s, Morrison), che da sole detengono una quota di mercato appena inferiore al 75%, oltre ad alcuni gruppi industriali (tra cui Unilever, Nestle, Mars, PepsiCo, Premier Foods).

 

Il primo passo sarà la misurazione delle vendite di alimenti e bevande, su base quotidiana, non in termini di fatturato o di volumi bensì di apporti calorici complessivi. Un’analisi inimmaginabile sino a pochi anni fa, resa ora possibile sia dall’ampia diffusione in UK della tabella nutrizionale sulle etichette, sia dalle tecnologie e i software che registrano i flussi materiali.

 

Una volta misurati i consumi attuali di calorie nel Regno, gli operatori procederanno alla progressiva variazione dell’offerta. Nel senso di ridurre gli apporti energetici dei prodotti a scaffale. Un pragmatismo che ricorda l’epopea della lady di ferro, se non anche la letteratura di George Orwell. Il Segretario alla salute è schietto: “l’apporto di calorie in quantità davvero eccessive è al centro del problema nazionale sull’obesità. Questo impegno è solo l’inizio” – prosegue Mr. Lansley –  “di quello che dovrà essere un più significativo ed esteso impegno dell’industria alimentare. È un buon passo avanti nella giusta direzione e aiuterà milioni di noi a ridurre gli apporti energetici da alimenti e bevande.”

 

Il commento di BRC (British Retail Consortium), l’ente che rappresenta la distribuzione organizzata in Gran Bretagna, è altrettanto pragmatico: il Responsibility Deal è un’apprezzabile alternativa rispetto a misure legislative di politica alimentare. Misure potenzialmente più restrittive, in quanto obbligatorie o magari penalizzanti, come le tasse su determinati alimenti [3].

 

Sarà necessario verificare nel tempo i risultati di queste iniziative congiunte, per garantire che esse procedano nella giusta direzione Non sarebbe una brutta idea investire sull’educazione dei consumatori e sull’importanza dell’attività fisica e del movimento, come sta facendo al di là dell’Atlantico l’Amministrazione Obama con i progetti My plate, e Let’s Move [4].

 

Dario Dongo

Foto: Photos.com

 

Precedenti articoli del Ilfattoalimentare.it su alcuni dei temi trattati:

[1]

Obesi adulti: sempre più numerosi in Europa, soprattutto nel Regno Unito. In Italia va meglio, ma la prevezione è cruciale. Il rapporto Eurostat

L’obesità nel mondo è quasi raddoppiata in trenta anni e affligge un decimo della popolazione

Nei fast-food inglesi si mangia sempre più pollo fritto, le porzioni aumentano e la qualità nutrizionale resta un sogno

Regno Unito: l’obesità è in crescita, ma la colpa non è solo dell’industria alimentare

 

[2]

Regno Unito, industrie e supermercati firmano il patto governativo per la salute

Ti pago se mangi sano: la strategia del Regno Unito per migliorare le abitudini di vita dei cittadini

Inghilterra: meno sale e meno grassi nella dieta di tutti i giorni salverebbero 15 mila persone l’anno

La crociata dei semafori in etichetta, dal Regno Unito agli USA e ritorno. Vantaggi e svantaggi dei tre colori

Nel Regno Unito gusto batte informazioni nutrizionali 10 a 0

[3]

In Europa la povertà aumenta, ma nonostante ciò i governi aggiungono tasse sul cibo

Danimarca e Ungheria: tasse su grassi, zuccheri e cibi confezionati. Dovrebbero promuovere la salute, ma penalizzano i meno abbienti. E, spesso, gli alimenti sani

[4]

Per combattere l’obesità infantile Lady Obama punta sull’allattamento al seno

Negli USA cambiano i menù nelle mense scolastiche, più verdura e meno grassi saturi

USA, Obama firma il “Nutrition Bill”

Il piatto diviso in quattro sostituisce la piramide alimentare: convincerà gli americani a mangiare meglio?

È ora di muoversi. In senso letterale

Passo svelto e bicicletta sono amici della bilancia

 

Guarda qui

Merendine: gli italiani le amano ma sono troppo zuccherate e formulate per essere irresistibili. I risultati di un’indagine e il commento della nutrizionista

Gli italiani amano le merendine confezionate: quattro adulti su 10 le consumano regolarmente, in media …