Etichette & Prodotti

Gioiaverde: i nuovi ravioli freschi di Giovanni Rana fanno grandi promesse ma conviene leggere bene l’etichetta

La “verdura elaborata che piace anche ai bambini” è un filone di grande interesse per le aziende alimentari. Prendiamo un prodotto tradizionale della cucina regionale, come i ravioli di zucca, aumentiamo la percentuale di ripieno vegetale rispetto alla media e quantifichiamo la dose in rapporto alle indicazioni nutrizionali fornite da istituti internazionali come l’OMS oppure Eufic (Consiglio Europeo dell’Informazione sul cibo). Alla fine otteniamo un prodotto innovativo che focalizza l’attenzione dei consumatori sia sui i bambini che sulla funzionalità dietetica.

 

Questo aspetto, già evidenziato per Barilla con la linea di sughi e pasta Piccolini, viene riproposto nelle confezioni di pasta fresca ripiena di Giovanni Rana della linea Gioiaverde. La dichiarazione della marca leader della pasta fresca ha un chiaro indirizzo: “La verdura così è più buona, anche per i bambini”. I piccoli sono tirati in causa anche nelle diciture poste sul retro della confezione dove si legge: “I Ravioli Gioiaverde alla Zucca sono il modo più divertente e gustoso per far mangiare le verdure ai bambini”. La confezione di ravioli ha inoltre un cartellino sul frontespizio che recita: “I ravioli Gioiaverde Rana promettono di coprire il 50% del fabbisogno di verdure”, ma è solo un’illusione. Si tratta di una frase che ilfattoalimentare.it ha già contestato. Sul retro dei ravioli si dice che una confezione contiene 80 g di verdura e con un semplice disegnino si dice che 1 piatto di ravioli + 1 frutto sono uguali ad un pasto ricco di natura! (si sconfina nella fantasia).

 

Un altro elemento per rendere più appetibile il prodotto è l’indicazione sul contenuto di betacarotene (precursore della vitamina A) e il richiamo all’apporto di fibre che però risulta piuttosto generico. Gli esperti di marketing di Rana hanno lavorato molto per evidenziare le caratteristiche vincenti del prodotto, focalizzando l’attenzione sulla percentuale di verdura, che però non elimina qualche criticità.

 

L’etichetta dice che una confezione da 250 g di ravioli (ovvero due porzioni) contiene il 50% delle verdure necessarie al fabbisogno giornaliero. Vuol dire che una persona mangiando un piatto di ravioli ai broccoli, copre solo il 25% delle verdure da  assumere ogni giorno. C’è un altro aspetto rilevante da sottolineare. Rana negli spot e nella pubblicità usa come riferimento le indicazioni dell’OMS (Organizzazione mondaile della sanità) e non quelle italiane.

 

«I valori del’OMS prevedono almeno 160 g di verdure al giorno – precisa Andrea Ghiselli dell’Inran – e sono calcolati considerando la media delle abitudini e delle problematiche dei vari Paesi. Gli italiani dovrebbero aumentarne il consumo, per questo i Larn e le Linee guida per una sana alimentazione pubblicate dalle autorità sanitarie italiane, invitano a consumare due porzioni di verdure da 250 g (oppure una di verdura e una di insalata da 50 g) perchè  la dieta degli italiani si caratterizza per una scarsa presenza di fibre (meno di 20 g al giorno contro i 30 raccomandati)».

 

Utilizzando quindi come riferimento i Larn, due persone che mangiano una confezione di ravioli Gioiaverde ai broccoli assumono solo il 10% circa delle verdure necessarie al fabbisogno giornaliero. Un po’ poco rispetto a quanto lascia intendere la pubblicità. Per essere in linea con i consigli dei nutrizionisti bisognerebbe aggiungere il 90% di insalate e altri ortaggi e tre porzioni di frutta.

 

 

Mangiare i ravioli Gioiaverde va bene ma forse non è questo il sistema migliore per raggiungere il necessario apporto quotidiano di verdura. Diciamo che in questo caso prevale l’elemento edonistico, unito alla qualità, e contenuto di servizio visto che i ravioli cuociono in 2 minuti.

 

Il prezzo è piuttosto alto, anche se in questo periodo i ravioli sono venduti con 50 centesimi di sconto (3,49 anziché 3,99), ma nonostante ciò il prodotto si colloca in una fascia medio alta rispetto al mercato della pasta ripiena.

 

Francesca Avalle

 

Prodotto Prezzo Ingredienti
Gioiaverde Giovanni RanaRavioli Freschi di zucca

Pasta fresca all’uovo con ripieno a base di zucca.

250 g

3,49 € confezione/ 13,96 €/kg1,75 € a porzione

(prezzo indicato sulla confezione in promozione)

 Ripieno 57%: zucca 62%, formaggio magro, fibre vegetali, oli vegetali, pangrattato (farina di grano tenero, sale, lievito), mostarda (mele cotogne, zucchero, sciroppo di glucosio-fruttosio, aroma naturale senape), formaggio grattugiato, panna, lattosio, amidi, burro, patate disidratate, amaretti (zucchero, mandorle di albicocca 20%, albume d’uovo, aromi naturali), sale, aromi naturali. Pasta 43%: farina di grano tenero, uova 20%, semola di grano duro.Prodotto in uno stabilimento che utilizza anche pesce, crostacei, frutta a guscio, sedano e molluschi.

 

 

 

 

Gioiaverde

Ravioli freschi di zucca Rana

Valori per 100 g

Valori per

porzione (125g)

GDA

per porzione

Valore energetico 245 kcal/ 1030 kj 306 kcal/ 1288 kJ 15%
Proteine   8,0 g 10 g 20%
Carboidrati di cui zuccheri 33,5 g7,0 g 41,9 g8,8 g 16%10%
Grassidi cui saturi   8,0 g4,0 g 10,0 g5,0 g 14%25%
Fibre alimentari   3,5 g   4,4 g 18%
Sodio   0,4 g   0,5 g 21%
Vitamina A 117 µg 221 µg 28%

 

© Riproduzione riservata

Foto: Gioiaverde.it

Tags: , , , ,

Commenti chiusi.