Home / Controlli e Frodi

Controlli e Frodi

Controlli: più di mille tonnellate di prodotti falsi sequestrati nel 2016. Bene i residui negli alimenti: contaminato solo lo 0,12%. La relazione del Piano nazionale integrato per la sicurezza alimentare

Come ogni anno, il Ministero della salute fa il punto sui controlli e le analisi svolti sugli alimenti nel nostro paese. Nei giorni sorsi è stato pubblicato il rapporto 2016 del Piano nazionale integrato (PNI) per la sicurezza alimentare, uno strumento nato per tutelare e garantire la salute dei consumatori. La relazione (qui in forma integrale) è stata realizzata con …

Continua »

Telecamere nei macelli: la legge per ora non lo consente. La difficoltà di rispettare lo statuto dei lavoratori e la tutela della privacy. L’analisi di Fabrizio de Stefani

Si sente parlare spesso di installare telecamere nei macelli, proposte che giungono dalle associazioni animaliste e da alcuni fronti politici. Fabrizio de Stefani, direttore del servizio veterinario di igiene degli alimenti dell’Ulss 7 del Veneto, analizza gli ostacoli a un provvedimento di questo tipo (qui la versione integrale dell’articolo). La ricorrente diffusione di filmati girati sotto copertura che testimoniano le …

Continua »

Reati alimentari, le sentenze più interessanti di maggio e giugno 2017: cibi conservati male, parassiti e contaminazioni

Leggendo articoli di giornale, scorrendo le pagine dei social network e guardando servizi televisivi, capita spesso di venire a sapere di indagini dei Nas su frodi alimentari al ristorante, esercenti che vendono prodotti contaminati o aziende che – consapevolmente o meno – commerciano alimenti in cattivo stato di conservazione. Ma raramente veniamo a sapere come vanno a finire queste storie e quali condanne …

Continua »

A Pisa ogni mese centinaia di kg di carne e pesce prelevato per le ispezioni sanitarie e non utilizzato donato alla Caritas. Interessante iniziativa dell’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana

Recuperare gli alimenti in ottimo stato di conservazione, prelevati per le ispezioni sanitarie per donarli a chi ha bisogno.  È questo lo scopo di una bella iniziativa contro lo spreco alimentare promossa dall’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana, e presentata nei giorni scorsi a Pisa. Il progetto si basa su un protocollo approvato dal Ministero della salute che ha già …

Continua »

Grano duro canadese contaminato? Le analisi confermano che è tutto regolare. L’ennesima sceneggiata di Coldiretti a Bari sfiora il ridicolo

50 mila tonnellate di grano duro canadese sequestrate a Bari perché contaminato da deossivalenolo (DON). Così titolavano alcuni quotidiani pochi giorni fa in occasione dell’ennesima manifestazione di Coldiretti nei porti della Puglia. La realtà è leggermente diversa. Le analisi ufficiali sui campioni prelevati dai Carabinieri Forestali in quell’occasione smentiscono le notizie diffuse dai media, visto che il carico di grano …

Continua »

Il laser “anti-frode” per scovare i contaminanti negli alimenti fuori dai laboratori: lo sta sviluppando l’Enea. Primi risultati incoraggianti

Uno strumento per individuare contaminanti e sostanze non dichiarate nel cibo velocemente e senza bisogno di trasportare i campioni in un laboratorio specializzato. Si tratta di un laser a infrarossi che permette di rilevare in tempi brevissimi la presenza di varie sostanze (molecole volatili, adulteranti e composti generati dalla degradazione) nei cibi. Lo sta mettendo a punto il laboratorio diagnostiche …

Continua »

Allevamento online. Zootecnia italiana 4.0, il progetto integrato sulla salute degli animali di allevamento

Proponiamo questo articolo sull’allevamento degli animali pubblicato su Gift (Great Italian Food Trade). Zootecnia italiana 4.0, di questo di parlerà alla prossima tavola rotonda “Zootecnia informatizzata per allevare in salute, dal Modello 4 alla ricetta elettronica. Una cartella clinica europea?” Gli Stati generali di allevamento e sanità animale si incontrano il 26 maggio 2017 a Padova*, per tracciare le linee …

Continua »

Scandalo carne brasiliana: nessun rischio per la Bresaola della Valtellina Igp, anche se Rigamonti è di proprietà di una delle aziende coinvolte

Lo scandalo della “carne fraca” brasiliana continua a destare preoccupazioni nei consumatori europei e italiani che, allarmati dalle notizie provenienti dal Sud America, temono di trovare nel piatto   tagli di carne adulterata, mascherata da additivi. L’Italia è infatti un grande importatore di carni bovine dal Brasile, secondo l’Istat si tratta di 27 mila tonnellate nel 2016. Non ne fanno mistero …

Continua »

Scandalo della carne brasiliana, l’Ue chiede garanzie sui controlli. Cina e Hong Kong passano dal divieto totale all’importazione parziale

Dopo Cina, Cile, Egitto, Corea del Sud e isole Barbados, anche Hong Kong ha tolto il divieto totale all’importazione totale di carne dal Brasile, che è il primo produttore mondiale di carne bovina e di pollami, mantenendo solo quello relativo alla carne proveniente dai 21 impianti di trasformazione oggetto dell’inchiesta per corruzione, che ha coinvolto 33 ispettori federali e che …

Continua »

Scandalo della carne importata dal Brasile: cento rinviati a giudizio, 38 arresti, 21 aziende coinvolte e blocco delle esportazioni

Lo scandalo della carne infetta, avariata e addizionata con sostanze sospette scoppiato in Brasile (primo produttore al mondo di carne bovina e di pollami) probabilmente è il più grande  scandalo alimentare verificatosi a livello globale. Il panico non è ancora scattato ancora, perché probabilmente non ci sono state vittime accertate né infezioni diffuse. La preoccupazione delle autorità sanitarie è grande, …

Continua »

Bufale da sfatare: il grano duro importato dal Canada per la pasta, non è una minaccia per la salute. Le analisi di Arpa Puglia e zooprofilattico Lombardia confermano livelli bassissimi di micotossine

Negli ultimi mesi il grano duro importato dal Canada e impiegato nell’industria della pasta italiana per fare spaghetti e maccheroni, è finito al centro del dibattito accusato di avere un elevato valore di contaminanti tossici per la salute.  I valori di micotossine rilevati nel cereale proveniente dal Canada, sono stati definiti più volte critici per la salute umana e questo implica …

Continua »

Dal “parmesan” al Prosecco alla spina: lotta ai falsi prodotti italiani all’estero e su internet. Il rapporto del nucleo Repressione Frodi del 2016

Da Amazon al falso olio extra-vergine, dai famigerati wine kit made in USA al biologico contraffatto: sono solo alcune delle operazioni effettuate dall’ICQRF, il reparto Repressione Frodi del Ministero delle politiche agricole, che ha da poco pubblicato il rapporto sulle attività svolte nel 2016. Il nucleo ha effettuato oltre 48 mila controlli (quasi 39 mila ispezioni e più di 9 …

Continua »

Tonno: rosso o pinne gialle? Molte le problematiche irrisolte: additivi vietati, pesca abusiva e sindrome sgombroide

Tagliata di tonno fresco in crosta di sesamo, tartare di tonno, paccheri al tonno fresco e peperoni: sono solo alcuni dei piatti a base di tonno che troviamo nei menù di tanti ristoranti. Se consideriamo anche il successo della cucina giapponese, è evidente che ne mangiamo sempre di più, sia a casa che fuori. Il genere Thunnus comprende specie diverse per …

Continua »

Falso extravergine: storica condanna per frode in commercio e associazione per delinquere a Valpesana. 9 mila tonnellate di olio adulterato sequestrato. Il commento di Alberto Grimelli di Teatro Naturale

Francesco Fusi, ex titolare dell’olearia Valpesana, è stato condannato in primo grado per frode in commercio e associazione a delinquere a causa di un lotto di  9 mila tonnellate di falso olio extravergine di oliva. Si tratta della prima condanna di questo genere nel settore oleario, che tuttavia rischia di essere prescritta già durante il procedimento di appello. Riportiamo il …

Continua »

Il video dei gamberetti gonfiati è virale. La sostanza aggiunta è probabilmente un additivo autorizzato dall’UE, ma non per frodare i consumatori

Da qualche mese gira in rete un video che mostra delle lavoratrici asiatiche mentre iniettano una sostanza gelatinosa nei gamberi, utilizzando siringhe e modalità poco rispettose delle “buone prassi igieniche”. Questa procedura non è ammessa dalla normativa europea, se l’aggiunta della sostanza  gelatinosa serve per gonfiare i gamberi,  migliorare l’aspetto e aumentare in modo artificiale il peso. In attesa di …

Continua »