Home / Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE

Archivio dei Tag: PUBBLICITA INGANNEVOLE

Usa, il produttore dell’energy drink 5-hour Energy condannato a pagare 4,3 milioni di dollari per pubblicità ingannevole

Una Corte dello Stato di Washington ha condannato Living Essentials, società produttrice dell’energy drink 5-hour Energy, al pagamento di 4,3 milioni di dollari – 2,2 milioni di penali e 2,1 milioni di spese legali – per pubblicità ingannevole.Secondo i giudici  il produttore ha indotto i consumatori a credere che la bibita sia più energizzante della caffeina e che garantisca prontezza …

Continua »

Valmora: la pubblicità è ingannevole. Non riduce le calorie. Il parere dello Iap

Anche l’acqua Valmora ha veicolato un messaggio pubblicitario ingannevole secondo quando stabilito dal Comitato di controllo  dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria. Nella pagina apparsa sula rivista DiPiù il 12 dicembre 2016 si legge : “La dieta inizia con Valmora. Un bicchiere di acqua minerale Valmora al posto di bevande zuccherate aiuta a ridurre le calorie in eccesso e a controllare l’appetito …

Continua »

Acqua minerale Rocchetta: ennesimo caso di pubblicità ingannevole. Nella settimana della prevenzione urologica veicola il messaggio che l’acqua abbia proprietà terapeutiche

Il 22 novembre scorso il Comitato di controllo dell’ l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto ingannevole la pagina pubblicitaria dell’acqua minerale Rocchetta pubblicata su Corriere della Sera il 2 ottobre 2016 e anche sul sito aziendale rocchetta.it. Il messaggio era inserito all’interno del mese della prevenzione urologica, quindi di un’iniziativa medica che si prefigge lo scopo di informare ed educare in particolare …

Continua »

Vivident, Happydent, Daygum e Mentos: la pubblicità delle gomme da masticare era ingannevole. Il Tar dichiara legittima la decisione dell’Antitrust del 2013

È legittima la censura dell’Antitrust nei confronti delle pubblicità delle gomme da masticare Vivident, Happydent, Daygum e Mentos. Questo è quanto stabilito dalla sentenza del Tar del Lazio, che ha ribadito come i profili di ingannevolezza sollevati dall’Agcm fossero del tutto in linea con quanto stabilito dalla normativa europea sui claim salutistici e nutrizionali e dall’Efsa. La sentenza arriva più …

Continua »

Pubblicità ingannevoli: lo Iap censura due integratori alimentari. Colpiti Zuccarin e il multivitaminico Fruvis Multi-Vegetalifruit

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha recentemente censurato i messaggi di due integratori alimentari apparsi su quotidiani e settimanali. I prodotti interessati sono Zuccarin di New Nordic e Fruvis Multi-Vegetalfruit di Pool Pharma. In entrambi i casi le pubblicità violano la normativa che regola la comunicazione commerciale degli integratori alimentari. La pubblicità di Zuccarin, integratore a base di gelso bianco, …

Continua »

Censurata la pubblicità del metodo di dimagrimento Salzano. Per lo IAP il messaggio è ingannevole

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria con l’ingiunzione 68/16 ha censurato la pubblicità del cosiddetto “metodo Salzano” di Beauty Line Srl, apparso sul quotidiano il Mattino del 3 ottobre, perché ritenuto ingannevole, in quanto viola l’art.2 del Codice di autodisciplina. Il messaggio era corredato dalla classica testimonianza di una perdita di peso notevole (“-15kg”) e dalle immancabili fotografie prima e dopo il …

Continua »

Pubblicità in rete: nuove regole per blogger e influencer contro i messaggi promozionali nascosti e furberie del marketing. Nasce la Digital Chart

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha pubblicato nel mese di giugno 2016 la “Digital Chart”, un documento che stabilisce le regole che blogger,  persone che pubblicano filmati su YouTube e altri soggetti più o meno famosi sui loro siti e profili social in merito sui messaggi pubblicitari. Con questa mossa lo Iap ha definito un codice di comportamento nel mondo del web, che …

Continua »

Depuratori Apure: la pubblicità è ingannevole. Multa dell’Antitrust da 10 mila euro: l’acqua depurata non previene nessuna malattia

donna acqua

La pubblicità dei depuratori d’acqua ad uso domestico Apure è stata sanzionata dall’Antitrust perché ritenuta ingannevole e alla società Siro Srl, rivenditore italiano del prodotto, è stata comminata una multa da 10 mila euro. L’indagine dell’Agcm è partita in seguito alla segnalazione di un consumatore, che ha ritenuto sospette alcune caratteristiche del prodotto descritte sul sito internet www.dream-water.it. Nel sito …

Continua »

15.000 euro di multa per pubblicità ingannevole a Emmedent: l’acqua alcalina ottenuta da ionizzatori non previene i tumori

L’autorità garante della concorrenza e del mercato il 6 luglio ha sanzionato Emmedent Forniture di Mittica Domenico per pubblicità ingannevole, con una multa di 15.000 euro. Sul sito internet l’acqua alcalina veniva presentata come in grado di prevenire cancro e malattie degenerative. La pubblicità di Emmedent (società operante nel commercio di apparecchi per il trattamento delle acque e della vendita …

Continua »

Easintol: censurata la pubblicità dell’integratore alimentare. Per il Giurì è ingannevole

L’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha censurato la pubblicità dell’integratore alimentare Easintol. Attraverso la pronuncia del Giurì 34/2016, l’istituto ha disposto l’immediata cessazione del messaggio. Secondo lo IAP  la frase presente nel  testo pubblicato a mezzo stampa “Mai più cibi vietati” risulta ingannevole. Easintol, prodotto da Mival, è un integratore alimentare a base di lattasi, con inositolo, beta glucani e altri …

Continua »

Vibracell, censurata la pubblicità dell’integratore multivitaminico. Per lo Iap il messaggio è ingannevole e senza fondamento scientifico

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha censurato la pubblicità di Vibracell comparsa sul settimanale Oggi. I membri del comitato hanno ritenuto ingannevole il messaggio perché l’azienda non è riuscita a dimostrare le proprietà  del prodotto presentato come un integratore alimentare multivitaminico a base di concentrato di frutti. Secondo il produttore, l’assunzione di Vibracell sarebbe in grado …

Continua »

Plasmon NutriMune: censurato per pubblicità ingannevole. Non si può dire che il prodotto è “rivoluzionario”

Il Comitato di  Controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria (IAP) ha sanzionato Heinz per la pubblicità della linea di prodotti per la prima infanzia Plasmon NutriMune a base di latte fermentato. Il Comitato di controllo ha ritenuto ingannevoli i messaggi proposti negli spot televisivi e ha ordinato l’immediata sospensione. Nella pubblicità viene detto che “Oggi in Plasmon dopo una lunga preparazione nasce …

Continua »

5 cibi da non mangiare: censurata pubblicità della società B2C Media Solution per messaggio ingannevole

Il Comitato di Controllo del Giurì dell’Istituto di autodisciplina  pubblicitaria  si è recentemente pronunciato contro la società B2C Media Solution censurando un messaggio promozionale ritenuto ingannevole. Si tratta del programma dietetico “Sani e snelli Club”, pubblicizzata su internet. Il messaggio dice: “5 cibi da non mangiare: se smetti di mangiare questi 5 cibi perdi addominale, cosce e sedere” ed è …

Continua »

Forsamax: censurata la pubblicità dell’integratore alimentare che promette miracolose soluzioni sessuali

Con l’ingiunzione n. 33/16 del 29/4/2016 l’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria ha censurato la pubblicità dell’integratore alimentare Forsamax, apparsa sul Corriere dello Sport. Questa volta a essere sanzionata è la pubblicità dell’integratore ‘Forsamax’ in cui si affermava enfaticamente che con l’assunzione si potessero risolvere problemi di erezione ed eiaculazione precoce, addirittura con un’efficacia del 100%. Su richiesta del Comitato di Controllo, …

Continua »

Acqua alcalina ionizzata: censurata la pubblicità. Multa di 30 mila €. La precisazione dell’azienda

 La pubblicità dell’acqua alcalina ionizzata proposta come una panacea per tutti i mali (dal cancro al diabete, dal sovrappeso ai foruncoli) continua a girare in rete. Questo è quanto accadeva in rete fino a quando due società  sono state state  condannate dall’Antitrust per messaggi ingannevoli a pagare un importo complessivo di 30.000 €. In seguito a segnalazioni da parte di …

Continua »