Home / Archivio dei Tag: latte

Archivio dei Tag: latte

Le alternative vegetali al formaggio, per vegetariani e vegani. Il parere del noto blogger Günther Karl Fuchs di Papille Vagabonde

Trend: le alternative vegetali al formaggio (il formaggio vegano). Questo è il titolo del post del food blogger Günther Karls Fuchs di Papille Vagabonde che proponiamo con piacere ai nostri lettori. La Corte di Giustizia Europea sollecitata dalle pressioni delle multinazionali del latte, ha deciso che l’uso della dizione formaggio deve essere un’esclusiva dei prodotti realizzati con latte di origine animale, così …

Continua »

Latte senza lattosio Simply e della Centrale di Brescia: stessa tabella nutrizionale, il prezzo cambia (di poco)

Secondo l’Efsa il 56% della popolazione italiana soffre di intolleranza al lattosio, in misura più o meno grave. Sugli scaffali dei supermercati si moltiplicano le referenze di latte e derivati che riportano in etichetta le diciture “senza lattosio” o “alta digeribilità”. Molte hanno il marchio della catena distributiva, come nel caso del latte Vita & Gioia Simply senza lattosio, confezionato …

Continua »

“Latte di soia”? La dicitura era già vietata dal 1929. La sentenza del 14 giugno è una “non-notizia”. Il parere di Roberto Pinton

In relazione alla notizia “Il latte di soia non esiste: la sentenza della Corte di giustizia europea”, segnalo che non introduce la minima novità. Com’è facile verificare leggendo le diciture sulle confezioni in qualsiasi punto vendita, nessuna impresa denomina il suo prodotto “latte di soia”, “latte di riso” o “latte di avena”: la denominazione è soltanto “bevanda di soia”, “bevanda di …

Continua »

Latte di mandorla: tanti prodotti sugli scaffali ma pochi assomigliano a quello vero. Prezzi elevati e tanto zucchero ma la materia prima scarseggia

Nel 2016 in Italia il consumo di latte fresco è calato del 5,8% e quello UHT del 5,2% (dati Nielsen). Nello stesso periodo, confermando una tendenza già in corso, è aumentato il consumo del latte senza lattosio (+12%) e delle bevande vegetali chiamate impropriamente latte. Fra queste registrano un rallentamento quelle a base di soia + 2%, mentre aumentano del …

Continua »

Gelato alla panna: Esselunga o Sammontana? Stesso produttore ma la ricetta è molto diversa. Entrambi senza olio di palma né glutine

Con la stagione estiva, largo ai gelati! I banchi refrigerati dei supermercati danno spazio al dolce tra i più amati dagli italiani. Siamo i primi consumatori a livello mondiale con un consumo pro-capite di circa 16 kg (anno 2016), rappresentato per 2/3 da gelato artigianale e per 1/3 da quello industriale, con una crescita notevole rispetto all’anno precedente. La domanda di gelato …

Continua »

Mucche e aria condizionata: un sistema di ventilatori e spruzzi d’acqua per combattere il caldo estivo negli allevamenti intensivi di vacche da latte. Per il Ciwf non è abbastanza

mucche

Anche le vacche da latte soffrono il caldo, in particolare all’interno degli allevamenti intensivi, e garantire loro una temperatura accettabile serve a mantenerle in salute e farle produrre di più. Il problema emerge, evidentemente, soprattutto nei paesi caldi, e non è un caso che proprio in Israele sia nata la Cow Cooling Solutions, una società fondata dall’agronomo Israel Flamenbaum che …

Continua »

Origine del latte in etichetta: ecco i marchi che scelgono materia prima italiana. Viaggio tra gli scaffali del supermercato

Tre settimane dopo l’entrata in vigore della legge che impone dal 19 aprile 2017 l’indicazione obbligatoria dell’origine del latte a lunga conservazione (UHT) e di quello usato per i formaggi confezionati, siamo andati a vedere cosa c’è sugli scaffali. Anche se le aziende hanno 180 giorni di tempo dalla data di pubblicazione della norma per mettersi in regola, buona parte delle etichette …

Continua »

Origine del latte: l’avvocato Dario Dongo spiega perché la mozzarella fatta con le cagliate importate non sarà riconoscibile dall’etichetta

Il 19 aprile 2017 è finalmente entrato in vigore il decreto sull’origine latte. Dopo la pubblicazione c’è stato un ping-pong di circolari fra due ministeri Politiche agricole e Sviluppo economico. Alla fine è  rimasta irrisolta la questione delle “cagliate”  importate e utilizzate da molti caseifici per fare la mozzarella, che non dovranno essere dichiarate in etichetta. La normativa (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del …

Continua »

Arriva il latte A2: benefico per gli umani o per il marketing? Secondo i sostenitori è più digeribile. Mancano prove validate ma la ricerca va avanti

In Italia è venduto solo da qualche cascina, e anche in Europa è un prodotto di nicchia, per il momento. Ma in Australia è molto popolare, presente in ogni supermercato, e anche negli Stati Uniti sta conquistando ingenti quote di mercato molto in fretta, al punto da suscitare discussioni e polemiche, perché non si riesce  a capire bene quanto le …

Continua »

Origine del latte e latticini in etichetta dal 19 aprile. Approvato il decreto, dubbi sull’applicabilità

Il decreto sull’origine del latte nei prodotti lattiero-caseari è stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, il 19 gennaio 2017. Le industrie nazionali devono affrettarsi ad aggiornare le etichette e smaltire quelle non conformi, se pure ancora in attesa di chiarimenti e con incerte prospettive sul futuro del provvedimento. Il decreto interministeriale 9.12.16 recante “Indicazione dell’origine in etichetta della …

Continua »

Usa, gli allevatori di mucche contro il latte vegetale. Con l’appoggio di 32 deputati chiedono l’intervento della FDA

La Federazione dei produttori di latte di mucca statunitensi (National Milk Producers Federation) ha chiesto alla Food and Drug Administration (FDA) di intervenire in difesa dei consumatori e degli allevatori, facendo rispettare la definizione ufficiale di “latte” che risale agli anni ’30 e che si riferisce solo alla secrezione di una ghiandola mammaria. I produttori di latte vaccino, appoggiati in …

Continua »

Dal primo gennaio obbligatoria in Francia l’indicazione di origine per latte e latticini. In Italia in vigore ad aprile per quello a lunga conservazione e derivati

Dal primo gennaio in Francia è in vigore l’etichettatura d’origine per il latte, i prodotti lattiero-caseari con almeno il 50% di latte. Il discorso è valido anche per  la carne utilizzata come ingrediente in prodotti alimentari trasformati, dove rappresenta più dell’8% del peso (la cronaca fa registrare la decisione  del ministero presa all’inizio di gennaio di concedere ancora tre mesi di …

Continua »

Un nuovo strumento della Fao apre il mondo della finanza climatica al settore lattiero-caseario. Certificare il taglio delle emissioni di CO2

La Fao ha sviluppato insieme ad altri partner una nuova metodologia che per la prima volta identifica con chiarezza le aree all’interno della produzione lattiero-casearia in cui si possono ridurre le emissioni di gas serra. Per esempio si potrebbero cambiare la composizione dei mangimi e le pratiche dell’alimentazione animale, oppure migliorare l’efficienza energetica delle apparecchiature – consentendo la misurazione delle riduzioni. …

Continua »

Impossibili le informazioni nutrizionali per i prodotti ottenuti da animali al pascolo. Risponde l’avvocato Dario Dongo

La commissione europea vuole costringerci a dichiarare attraverso le tabelle con le informazioni nutrizionali le percentuali di grasso, proteine, ecc contenute nei nostri latticini, pane e salumi. Iniziativa che di per sé non sarebbe neanche riprovevole… se non per la sua obbligatorietà e, soprattutto, per la sua assurdità! Mi spiego meglio: le tabelle nutrizionali forniscono un ulteriore strumento al consumatore finale …

Continua »

Più tasse per tutti: uno studio dimostra che introdurre un’imposta sugli alimenti può contrastare inquinamento e malattie

C’è una soluzione che potrebbe mettere insieme il miglioramento della salute dei cittadini con la riduzione dei gas serra: l’introduzione di tasse elevate su intere categorie di alimenti come la carne. Questa è la proposta contenuta in un articolo pubblicato dai ricercatori dell’Università di Oxford su Nature Climate Change che mostra, numeri alla mano, quali effetti si potrebbero ottenere a livello …

Continua »