Home / Richiami e ritiri / Eurospin richiama filetti di acciughe in olio di oliva Athena per eccesso di istamina

Eurospin richiama filetti di acciughe in olio di oliva Athena per eccesso di istamina

Eurospin ha richiamato un lotto di filetti di acciughe in olio di oliva Athena per la presenza di livelli di istamina oltre ai limiti consentiti. Athena è il marchio di conserve e prodotti surgelati a base di pesce della catena di discount.

Il prodotto richiamato è venduto in vasetti da 80g (peso sgocciolato 42g) e fa parte del lotto SK343A con scadenza allo 08/06/2018. I filetti di acciughe sono prodotti per Eurospin in uno stabilimento ad Agadir in Marocco (Quartier Industriel Anza côte mer B.P. 6294 Anza-Agadir) e importato da Sea Fish Spa di Ospiate di Bollate (Milano).

Eurospin raccomanda di non consumare il prodotto e di restituirlo presso il punto vendita d’acquisto. L’istamina si forma naturalmente in seguito alla degradazione dell’istidina, un aminoacido presente in alcuni pesci in grandi quantità. L’eccesso di istamina può causare sintomi mal di testa, arrossamenti, prurito, nausea e vomito.

Dal 1 gennaio 2017Il Fatto Alimentare ha segnalato 99 richiamiper un totale di 141 prodotti e 11 provvedimenti di revoca. Per vedere gli altri clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori  interessati a ricevere l’e-book, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro  in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ostriche

Aggiornamento del 24/11: le analisi di Za.Mar sulle ostriche rilevano livelli di PSP sotto i limiti. SoGeGross e Basko richiamano ostriche per presenza di biotossine paralizzanti. Riscontrati livelli oltre il doppio del consentito. Il Ministero della salute richiama altri 22 lotti.

Aggiornamento del 24 novembre 2017: l’azienda Za.Mar informa Il Fatto Alimentare che “grazie all’effettiva rapidità del …

3 Commenti

  1. Interferenti endocrini, Acrilammide, Arsenico, Cadmio, Piombo, PM2 e PM10, Antibioticoresistenza, Istamina, ecc..
    Problemi estesi, impattanti, cumulativi e molto sottostimati.

  2. Ad Abbasanta mi hanno appena detto chi qui non sia comunicato nulla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *