Home / Controlli e Frodi / Reati alimentari, le sentenze più interessanti di luglio 2017: surgelati non dichiarati, Salmonella e Listeria

Reati alimentari, le sentenze più interessanti di luglio 2017: surgelati non dichiarati, Salmonella e Listeria

reati alimentari

Con le pubblicazioni del mese di luglio (qui potete trovare quelle di maggio e giugno), continua la rassegna del Fatto Alimentare sulle sentenze definitive per reati alimentari. Un viaggio, senza alcun fine statistico, per scoprire come sono andati a finire alcuni procedimenti per crimini commessi nel settore alimentare. Ecco quelli più interessanti, ripresi dalla Rassegna normativa di diritto alimentare e legislazione veterinaria redatta da Sial Veneto.

Nel mese di luglio un gran numero di sentenze riguardano la cattiva conservazione degli alimenti negli esercizi commerciali e nella ristorazione. Spicca il caso di un esercizio del Nord Est dove sono stati rinvenuti formaggi, olive e altre conserve mantenute direttamente sotto il sole e invasi da parassiti, costati al proprietario una sanzione da 10 mila euro (pena sospesa). Ancora più eclatante è il caso di un altro esercente che, trovato in possesso di alimenti in cattivo stato di conservazione, ormai secchi, o tenuti a temperature inadeguate, è stato condannato a una sanzione di ben 30 mila euro e 3 mesi di reclusione (con pena sospesa). A un altro esercente è andata meglio: trovato in possesso di ben 190 kg alimenti privi di indicazione di specie, data di congelamento e di scadenza, dell’involucro e in cattive condizioni igieniche, è stato sanzionato per 6 mila euro.

Di tutt’altra entità la sanzione inflitta a un ristoratore milanese per non aver dichiarato nel menu la presenza di alimenti surgelati, un comportamento che configura il reato di tentata frode in commercio. Nonostante la pena fosse di soli 200 euro, l’esercente ha fatto ricorso fino in Cassazione, dove la sanzione non solo è stata confermata, ma gli è stata inflitta un’ammenda aggiuntiva da 2 mila euro. Quando si dice oltre il danno la beffa.

Un ristoratore ha ricorso in Cassazione per un’ammenda da 200 euro per non aver dichiarato alimenti surgelati in menu

La Salmonella è costata cara a un macellaio del casertano, che si è visto sanzionare per 10 mila euro (con le attenuanti generiche) dopo che il batterio è stato rinvenuto in salsicce fresche in vendita nella sua attività. Secondo le analisi, il microrganismo non sarebbe stato presente all’origine nella materia prima con cui sono stati realizzati i prodotti, che sarebbero stati contaminati secondariamente da altri alimenti infetti. In questo caso i giudici sono arrivati a parlare di “frode tossica”.

Listeria monocytogenes è invece al centro di una curiosa disputa, scatenata da quattro tramezzini, quelli prelevati per effettuare i controlli. In tre di essi, infatti, era stata rilevata una quantità di batteri ancora sotto la soglia di legge (100 ufc), ma che per precauzione aveva fatto scattare il ritiro volontario del prodotto dai banchi frigo, perché non era possibile dimostrare il rispetto dei limiti al momento della scadenza. Sebbene non siano stati superati i limiti di legge, il tribunale “ha inteso ravvisare la responsabilità, penale, dell’odierno ricorrente in quanto tre unità oggetto di campionamento presentavano valori superiori a 10” ufc/g (unità formanti colonia per grammo), parametri usati in alcuni ambiti sanitari e che secondo i giudici “comportano la possibilità di moltiplicazione microbica del predetto batterio nel tempo in cui il prodotto è in vendita”, ma che non sono fissati da alcuna normativa. Un ragionamento che non è stato condiviso dalla Corte di Cassazione. Sulla base di questa e altre considerazioni, la suprema corte ha annullato la condanna.

Un altro caso ha invece visto lo scontro tra un’azienda mangimistica e un allevatore di bovini per la morte di sette tori. Secondo l’allevatore sono stati proprio i mangimi dell’impresa a causare il decesso degli animali, oltre a gravi danni ad altri otto animali che hanno dovuto subire degli interventi. Una tesi sposata anche dai tribunali, che hanno riconosciuto il nesso causale tra la morte di sei dei bovini e il mangime, e a imporre all’azienda un risarcimento di 12 mila euro allo sfortunato allevatore.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Dopo lo scandalo Fipronil, Commissione e Stati Ue concordano 19 misure contro le frodi alimentari. Niente sanzioni a Belgio e Olanda per i ritardi di comunicazione sulle uova contaminate

Si è svolta a Bruxelles una conferenza ministeriale di alto livello sul caso delle uova …

Un commento

  1. Valeria Invernizzi

    Sentenze per reati legati alla presenza di allergeni non dichiarati ce ne sono?