Home / Pubblicità & Bufale / “Nutella sei tu”: il nome sul barattolo di crema alla nocciola è un successo. Le etichette si trovano on line e al supermercato e la Ferrero chiama anche i vip

“Nutella sei tu”: il nome sul barattolo di crema alla nocciola è un successo. Le etichette si trovano on line e al supermercato e la Ferrero chiama anche i vip

nutella-eleonora-etichetta2-2013
Un esempio di etichetta personalizzata, ricevuta via mail. Per stamparla si userà una stampante a colori o presso una copisteria si potrà fare un’etichetta adesiva

La nuova promozione della FerreroNutella sei tu” è un grande successo. Dopo Belgio, Francia e Spagna, anche in Italia tutti vogliono l’amato vasetto di crema con il proprio nome. Il procedimento è semplice, si fa la richiesta on line sul sito e poi si riceve nella casella di posta elettronica l’etichetta personalizzata da stampare e attaccare sui barattoli.

 

I più fortunati possono trovare il nome già stampato al supermercato, dove ci sono degli espositori con un centinaio di etichette adesive pronte, ovviamente acquistando un vasetto.

 

nutella personalizzato nome fatto
Un barattolone natalizio personalizzato per Il Fatto Alimentare

Oltre allo spot principale trasmesso su molte reti televisive, in cui il protagonista ha tanti “nomi” quante le persone che lo chiamano, adesso ci sono nuovi video con le testimonianze di personaggi famosi conosciuti dal pubblico con un soprannome, grazie all’iniziativa della Ferrero rivelano il nome vero. Ecco allora Gerry Scotti, che torna ad essere Virginio, il conduttore radiofonico Linus, che in realtà si chiama Pasquale, e anche la deejay “La Pina” che sulla carta d’identità è registrata come Orsola.

 

Il marketing di Nutella ha pensato anche a una promozione “lusso” di breve durata, dal 15 al 24 ottobre. Il progetto prevede la vendita on line di 1.000 vasetti di Nutella da 1kg, personalizzabili e in confezione regalo, a 9,90 €. Su questi barattoloni si possono scrivere due dediche, una davanti e una dietro, per un totale di 80 caratteri, scegliendo anche la grafica, pensata in stile natalizio.

 

Valeria Nardi

© Riproduzione riservata

Foto: Nutella.it

  Valeria Nardi

Valeria Nardi

Giornalista

Guarda qui

Barilla: la pasta – dice l’azienda nello spot- é fatta di grano italiano miscelato a quello importato da Francia, Australia e Stati Uniti. Ma sull’etichetta non c’è scritto

“Sull’etichetta non lo scriviamo, ma nello spot lo raccontiamo”. Potrebbe essere questo lo slogan dei …

25 Commenti

  1. Ma e gratis X avere etichetta?

  2. Quando tempo ci vuole che mi arriva etichetta in via emeil?

  3. L’ho fatto e non mi è arrivato niente

  4. Se basta un nome su una confezione ad aumentare le vendite,i consumatori mi sembrano propio degli ingenui.

  5. Molto astuta questa mossa di nutella, per aumentare le vendite. Immagina quanta gente vorrà avere in casa il proprio barattolo di nutella, col proprio nome…
    Un barattolo di crema di oli vegetali, colorata di cioccolato, dove le nocciole sono solo nella illustrazione dell’etichetta.

    • Ogni azienda deve aumentare le vendite per sopravvivere ed espandersi in questo sistema produttivo. Che abbia un fatturato di 50 mila euro o di 1 miliardo.

      Le nocciole contenute in un vasetto di Nutella sono il 13%, quindi è errato scrivere che non ve ne sono 🙂

    • il 13 per cento di nocciole mi sembra una percentuale davvero esigua, rispetto invece al resto degli ingredienti malsani indicati in etichetta.

  6. Demenziale.

  7. Sì Valentina, ma un conto è dire “dove le nocciole sono solo nella illustrazione dell’etichetta”, un altro “secondo me la quantità è poca” 🙂

  8. io trovo che questa sia la campagna migliore degli ultimi tempi! E’ studiata veramente bene e preferisco personaggi famosi che si spoglano dei loro nomi d’arte a personaggi famosi che si spogliano dei loro principi (vedi tata Lucia che dice di fare colazione con Nutella o Simone Rugiati che dice di cenare con coca cola).
    I messaggi non sono sbagliati e se alle persone basta l’etichetta con il nome per comprare il prodotto… complimenti a noi che siamo proprio dei bamba!!! Credo che chi compra la nutella lo faccia indipendentemente dal nome sul barattolo o dal bicchiere con stampe simpatiche, certo se devo scegliere meglio prenderla in un bicchiere che poi posso riutilizzare piuttosto che in un vaso che finisce nella differenziata (se siamo fortunati) quindi i nomi stampateli sui bicchieri, almeno possono essere riutilizzati….

  9. Secondo me questo non è altro che una trovata di marketing come tante altre, che tra l’altro sfrutta la faccia di tipi della televisione per incrementare le vendite. Tutto qui. La nutella è certamente un alimento troppo grasso e troppo poco sano da offrire ai propri figli, anche se a colazione. Io a colazione preferisco a abituare i miei bambini al consumo di altri alimenti e se devo scegliere tra le creme alle nocciole, personalmente scelgo altri prodotti sul mercato di certo meno carichi di grassi idrogenati e più trasparenti nell’etichetta. Poi, come si sa, c’è ancora gente che si fa influenzare dalla pubblicità e compra di conseguenza.

  10. Per valentina nardi: perche dove lavoro io esselunga di giussano (mb) espositore con eticchette dei nomi non c’e’?

    • Valeria Nardi

      Gentile Andrea, Stando a ciò che scrive la Ferrero sul sito dell’iniziativa, gli espositori sono presenti in alcuni punti vendita.

  11. Ma invece di “rubare” l’idea del nome sull’etichetta alla Coca-Cola non era meglio scrivere i nomi sui bicchieri? Nelle famiglie ognuno avrebbe avuto il suo.
    Scusate l’intrusione.
    Cordiali saluti.

  12. Bella questa invenzione

  13. anche io ho provato più volte ad inserire i dati per avere l’etichetta ma non mi è arrivato nulla : dove ho sbagliato?