Home / Allerta / Mercurio in numerosi tipi di pesce e Listeria monocytogenes in gorgonzola dolce italiano… Ritirati dal mercato europeo 73 prodotti

Mercurio in numerosi tipi di pesce e Listeria monocytogenes in gorgonzola dolce italiano… Ritirati dal mercato europeo 73 prodotti

mercurioNella settimana n°30 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 73 (11 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende tre casi: mercurio in pesce spada congelato (Xiphias gladius) dal Portogallo; mercurio in tranci di verdesca (Prionace glauca) provenienti dalla Spagna; mercurio in tranci di pesce spada congelati (Xiphias gladius) dal Portogallo.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: infestazione parassitaria massiccia da Anisakis in nasello refrigerato (Merluccius spp) proveniente dalla Spagna; Salmonella in fegati di pollo congelati dalla Polonia, attraverso i Paesi Bassi; Listeria monocytogenes in fette di salmone affumicato congelato dalla Spagna, con materie prime dalla Norvegia; Salmonella enterica (ser. Typhimurium) in cannolicchi (Ensis directus) dai Paesi Bassi.

Allerta per la presenza di Listeria monocytogenes in gorgonzola dolce dall’Italia

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala la presenza di Listeria monocytogenes in prosciutto italiano; Mercurio in ricciola refrigerata (Seriola spp.) proveniente dalla Spagna; residui di medicine veterinarie (sulfadimetossina) superiori al limite in carne di maiale refrigerata proveniente dall’Italia; scarso controllo della temperatura (tra -2,2 e -4,7 °C) per strisce e tentacoli di seppia congelati (Sepia pharaonis) dall’India.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono stati segnalati ritiri dal mercato, la Germania segnala un’allerta per la presenza di Listeria monocytogenes in gorgonzola dolce dall’Italia; sempre la Germania segnala un’allerta per la presunta presenza di Salmonella in bacche di goji secche di marca Alesto e prodotte da V. Besana SpA in buste da 100 grammi, scadenza 31.10.2017, provenienti da Germania e Cina, confezionate in Italia (i lotti richiamati sono stati distribuiti nei supermercati Lidl esclusivamente di Austria, L7057002, e Germania, L7057001 e L7057002).

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Principio attivo del Viagra in integratore statunitense e tossine in capesante dal Belgio… Ritirati dal mercato europeo 75 prodotti

Nella settimana n°28 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

5 Commenti

  1. MAURO GALLAZZI

    Scusate ma di che marca di gorgonzola stiamo parlando, perchè dire gorgonzola italiano non vuole dire nulla.
    Saluti.

    • Valeria Nardi

      Il Rasff “Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi” è una struttura coordinata a livello europeo. Molti Stati pubblicano i nomi delle marche i cui lotti sono oggetto di ritiro, richiamo o allerta, ma non sempre. In questo caso neanche a noi è dato sapere di che prodotto si tratta. Ad ogni modo il lotto non risulta distribuito in Italia.

    • Mauro Gallazzi

      La ringrazio per la risposta, ma lei capisce che è importante sapere quale azienda ha prodotto il lotto ritirato soprattutto per non demonizzare i prodotti italiani che già stanno passando un periodo di crisi e concorrenza sleale specialmente nel settore alimentare

    • Valeria Nardi

      La nostra intenzione è di creare consapevolezza nei consumatori: anche facendo conoscere il rasff, le tipologie di alimenti, e i motivi di richiamo, si può aumentare la conoscenza del sistema di sicurezza alimentare europeo e italiano. Purtroppo in alcuni casi neanche noi riusciamo a reperire i dettagli dei richiami. Sono le autorità, i distributori e i produttori che, facendo una valutazione del rischio, decidono a che livello diffondere gli avvisi.

  2. Mauro Gallazzi

    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *