Home / Nutrizione / In sovrappeso e con più carne a tavola: ecco come siamo cambiati negli ultimi 100 anni. I risultati del dossier Coop

In sovrappeso e con più carne a tavola: ecco come siamo cambiati negli ultimi 100 anni. I risultati del dossier Coop

tossina di Shiga spiedini carne iStock_000002014351_Small
Troppa carne: i nostri consumi pro capite annuali sono passati da 15 kg agli 80

Identikit, statistiche, ricerche e analisi sui consumi alimentari degli italiani, è quanto promette italiani.coop.it, il nuovo progetto curato dall’Ufficio Studi Coop, che cerca di esaminare i cambiamenti e ipotizzare nel futuro. Il primo lavoro intitolato “Un secolo di italiani”, analizza gli ultimi 100 anni e riflette sulle cose che dci differenziano rispetto al passato?

sovrappeso obesita pancia
Il problema del sovrappeso e dell’obesità spinge gli italiani verso consumi più attenti: bio e vegan le scelte più diffuse

L’italiano medio è passato da una situazione di povertà e sottonutrizione a una condizione di benessere. Nel primo decennio del secolo scorso gli italiani portavano a tavola soprattutto pane, cereali e legumi, sostituiti poi in parte dal consumo di carne e latticini. Negli anni ’30 era sottonutrito un terzo degli italiani: oggi il 59% è sovrappeso e il 21% è obeso.

Come si vede dalla tabella, l’incremento dei consumi riguarda quasi tutti i  prodotti, a eccezione dei cereali e delle bevande alcoliche, per i quali si è registra una tendenza opposta. La carne è passata dai 15,5 kg pro capite l’anno (in media) fino a  80 kg. Un aumento consistente si registra per latte e formaggi. I prodotti ortofrutticoli sono passati da 200 kg pro capite annui a oltre 300. Esagerato e preoccupante risulta  l’aumento di zucchero: da 3,5 kg annui pro-capite ai 27 attuali che rappresenta quasi un record.
Schermata-2016-07-11-alle-15.14.18-700x462
Gli italiani, per rimediare al sovrappeso stanno cercando  di cambiare i consumi: ecco allora registrare un forte incremento di prodotti “bio” e la riduzione  delle proteine animali. «Gli italiani – si legge nel dossier – sono molto sensibili ai contenuti di freschezza e naturalità dei prodotti alimentari (si dichiarano tali il 62% del campione a fronte di una media Ue del 51%). Questo divario già evidente raddoppia, con quasi 20 punti di differenza, quando si parla di sostenibilità ambientale dell’azienda o del prodotto (83 e 81% di preferenze rispetto a valori europei di  66 e 64%)». Sembra infine che sia in atto una simpatia verso le scelte vegane: nel 2015 il 13% degli italiani affermava di consumare questi prodotti.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Non solo dolci e bibite: alla ricerca dello zucchero nascosto. Dai prodotti per la colazione alle minestre, ecco dove trovarlo

Un consumo eccessivo di zucchero favorisce l’obesità, condizione correlata a una maggior incidenza di patologie …

Un commento

  1. Sarebbe stato più utile se avessero scisso la pasta ed il pane dalla voce cereali. I cereali integrali hanno un indice glicemico nettamente inferiore alla pasta ed è un fattore importante se vogliamo parlare di sovrappeso e di disturbi legati al metabolismo.