Home / Etichette & Prodotti / Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi? Il CeIRSA spiega come distinguerle

Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi? Il CeIRSA spiega come distinguerle

Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi da un punto di vista tecnologico

Che differenza c’è tra salsiccia e salsiccia fresca? Come spiega il CeIRSA – Centro interdipartimentale per la ricerca sulla sicurezza alimentare della Regione Piemonte – la confusione nasce dall’utilizzo del termine “salsiccia fresca” per indicare, appunto, la freschezza del prodotto venduto sfuso o confezionato per distinguerla dalle salsicce stagionate, riferendosi solo al suo aspetto. In realtà, contrariamente a quanto si possa pensare, si tratta di due prodotti diversi dalle caratteristiche tecnologiche ben regolamentate.

La “salsiccia fresca”, prodotto tipico di alcuni territori italiani in cui vi è l’abitudine di consumarla cruda, è una preparazione di carne in cui è vietata l’aggiunta di coloranti e conservanti, ma solamente di antiossidanti. Per queste ragioni, ha tipicamente una conservabilità di pochi giorni (48-72 ore), anche se grazie alla conservazione in confezioni con atmosfera modificata e in frigorifero può raggiungere i 15 giorni.

La salsiccia è lo stesso prodotto che può essere sottoposto a stagionatura, ma venduto subito dopo la preparazione

Invece, la “salsiccia” è un prodotto trasformato a base di carne, con un valore di acqua libera (aw) inferiore a 0,97 e che può contenere antiossidanti, coloranti e conservanti. Si tratta dello stesso prodotto che viene sottoposto alla stagionatura, ma venduto subito dopo la preparazione. In atmosfera modificata, la salsiccia può essere conservata fino a 30 giorni.

Come può, quindi, un consumatore distinguere una “salsiccia fresca” da una semplice “salsiccia”? L’aspetto è pressoché identico, quindi è necessario leggere l’etichetta per accertarsi dell’assenza di coloranti e conservanti. Inoltre, le salsicce fresche prodotte con ingredienti di buona qualità hanno generalmente un prezzo maggiore. Infine, una salsiccia fresca assume al momento della cottura un colore grigiastro: pur allarmando molti consumatori, questa è un’ulteriore prova dell’assenza di coloranti e conservanti, che invece consentono alle salsicce di mantenere il colore rosa anche dopo la cottura.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Gorgonzola, Igor è il primo formaggio italiano a ottenere la certificazione “Lfree” perché naturalmente privo di lattosio. Aumentano le diagnosi di intolleranza, ma resta ancora molta disinformazione

Il Gorgonzola Igor è il primo formaggio italiano che ottiene la certificazione “Lfree”, perché “naturalmente …

2 Commenti

  1. giovanni gozzi

    Se l’acido acetico è un antiossidante la luna è quadrata.

  2. Giuseppe Munfuletto

    Un esempio di Prodotto Agroalimentare Tradizionale italiano appartenente alla categoria Salsiccia fesca è la Salsiccia di Bra
    Ottima da consumare cruda solo se prodotta da produttori esperti, ancor meglio se appartenenti al Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione della Salsiccia di Bra