Home / OGM / Il supersalmone arriva sulle tavole dei canadesi. Via libera definitivo alla commercializzazione del primo animale geneticamente modificato per l’alimentazione umana

Il supersalmone arriva sulle tavole dei canadesi. Via libera definitivo alla commercializzazione del primo animale geneticamente modificato per l’alimentazione umana

Il salmone geneticamente modificato Aquabounty ha ricevuto il via libera definitivo in Canada

Dopo 25 anni, il momento tanto atteso da alcuni e temuto da molti è arrivato: il supersalmone Aquabounty, geneticamente modificato (GM) e grosso il doppio della media, è arrivato sulle tavole dei canadesi, aspettando di conquistare anche quelle degli statunitensi. Dopo la prima autorizzazione del 2016 le autorità sanitarie di Ottawa hanno infatti dato il via libera definitivo alla commercializzazione e l’azienda basata in Massachusetts ha annunciato di aver venduto i primi 4.533 chilogrammi di salmone a clienti rimasti anonimi, al prezzo di 5,30 dollari a libbra (0,45 chilogrammi).

Il salmone GM è il risultato di una modifica di quello atlantico, in cui è stato inserito il gene dell’ormone della crescita di un’altra specie di salmone, oltre a un secondo gene, anch’esso di un pesce, che assicura i necessari fattori di regolazione genica: l’insieme delle modifiche consente all’animale di produrre costantemente piccole quantità di ormone della crescita, e di raggiungere così la piena maturità nella metà del tempo rispetto alla specie d’origine, arrivando a un peso doppio.

salmone
Il salmone GM raggiunge la maturità in metà del tempo rispetto alla specie di origine

I primi pesci GM sono stati sviluppati a partire dal 1989, e le prime autorizzazioni richieste nel 1995, ma poi tutto si è impantanato nella burocrazia della Food and Drug Administration che, trovandosi di fronte a una richiesta inedita, non aveva norme di riferimento cui appellarsi per prendere una decisione; i primi pronunciamenti sono arrivati nel 2010 per quanto riguarda la sicurezza al consumo, e nel 2012 per l’impatto sull’ambiente. Poi nel 2015 la svolta, con il via libera apparentemente non vincolato e seguito, dopo sei mesi, dalla stessa decisione da parte delle autorità canadesi.

Negli Stati Uniti, però, ricorda Nature in un articolo dedicato alla prima assoluta di un animale geneticamente modificato da mangiare, ci sono state molte proteste per l’assenza nelle indicazioni dell’obbligo di segnalazione in etichetta. Di fatto tutto si è di nuovo bloccato, anche perché alcune proposte associate alla legge di bilancio 2017 impediscono alla FDA di rilasciare l’autorizzazione finale fino a quando non saranno messi a punto gli strumenti opportuni per rendere il consumatore informato.

Associazioni ambientaliste e dei consumatori americane sono contrarie all’arrivo sul mercato USA del salmone GM

Anche quando ciò avverrà, comunque, non è detto che il supersalmone riesca ad arrivare nei supermercati USA, perché molte associazioni di ambientalisti e di semplici consumatori, tra i quali il Center for Food Safety, affermano che la FDA ha concesso il via libera senza che via siano prove sufficienti sulla sicurezza del prodotto.

D’altro canto, diverse aziende stanno lavorando sulla produzione di animali geneticamente modificati per il consumo umano e seguono con trepidazione questa lunghissima vicenda. Tra queste una delle più avanti è la AgGenetics, spin off della Vanderbildt University di Nashville, in Tennessee, che sta sperimentando bovini da carne e da latte. L’azienda si è limitata a sottolineare che, qualora vi fossero nuovi blocchi, tutto il settore ne risentirebbe pesantemente.

Al momento il salmone GM cresce in una piccola factory a Panama in apposite vasche a terra, per evitare che qualche esemplare, pur essendo sterile, sfuggendo possa andare ad alterare l’ecosistema marino, e per limitare il rischio di infezioni. Ma Aquabounty progetta di costruire un allevamento anche nell’isola canadese di Prince Edward e, in seguito, in Indiana, ad Albany.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Il Parlamento europeo contro nuove autorizzazioni all’importazione di mais geneticamente modificato. Contestato il parere favorevole della Commissione Ue

In una risoluzione approvata il 5 aprile con 426 voti a favore, 230 contrari e …

8 Commenti

  1. Se lo mangiassero i canadesi e gli americani questo abbrobrio..peccato vedere immagini rassicuranti di salmone da portare a tavola in questo servizio.

    • Il fatto è che presto ce lo dovremo mangiare tutti, perché per sfamare 6 miliardi di persone una terra non basta.
      Quindi o ci decimiamo noi esseri umani (che non sarebbe una cattiva idea), oppure ci si orienta verso l’ottimizzazione delle risorse come in questo caso.

  2. Ottima notizia! Per quali motivi bisogna essere contro a questo salmone? La salute umana credo che non sia minimamente in pericolo. L’ambiente neanche. Piuttosto è un’innovazione intelligente che rende più efficiente la produzione. Nell’ottica di sfamare 10 miliardi di persone, questa e altre invenzioni come le piante OGM , potranno dare un grossissimo contributo. Se solo in Europa si facesse ricerca…Il problema è che molte (la maggior parte) persone hanno paura della scienza perché non sanno cos’è e non si informano.

    • Perché credi che la salute non sia in pericolo?Io queste certezze non le ho….ma sono sicuro che il problema piu’ grande al momento e’ l obesita’…anche in Africa…e questo salmone non fara’ altro che aumentare il problema

  3. Ma un salmone che pesa il doppio significa che per raggiungere quel peso, come minimo debba mangiare il doppio dei crostacei di cui si nutre. Dunque potrebbe creare degli squilibri nell’habitat?..

  4. Lorenzo, tu invece si che sei informato! Tu che pensi che il problema di sfamare 10 miliardi di persone sia dovuto alla mancanza di cibo e non, invece, alla possibilità economica di accedervi. Non hai paura della scienza però ignori i fondamentali dell’economia!

    • Enrico, ho studiato sia agraria che economia e si, mi reputo informato. E’ vero che la produzione di cibo è già sufficiente, ma una grossa fetta viene utilizzata per biofuels e per gli animali. Interrompere questi fenomeni e destinare tutta la produzione mondiale di cibo per l’alimentazione umana richiede moltissimi decenni. Il problema di sfamare 10 miliardi di persone nel 2050 rimane. In parte si può risolvere riducendo gli sprechi, e in parte aumentando la produzione dove c’è bisogno. Se in africa si usassero piante OGM, cioè migliorate per quel tipo di suolo e quell’ambiente, abbinate a pratiche agronomiche che migliorino la fertilità del suolo (biologico o agroecologia), si avrebbero rese più alte a parità di costi.

  5. Forse bisognerebbe informarsi un po di più…attualmente il cibo prodotto nel mondo potrebbe sfamare più di 12 miliardi di persone…la realtà è che questo cibo è destinato solo ai paesi occidentali…gli OGM servono solo per incrementare il conto corrente delle grandi aziende.la cosa importante è mettere al corrente i consumatori, poi ognuno sceglie cosa mangiare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *