Home / Pianeta / La quinoa quadruplica le vendite e cresce il consumo di farro e orzo. Solo il grano resta stabile. La Nielsen fotografa la situazione italiana

La quinoa quadruplica le vendite e cresce il consumo di farro e orzo. Solo il grano resta stabile. La Nielsen fotografa la situazione italiana

ogm cereali
L’attenzione verso l’alimentazione “sana” spinge i consumatori ad acquistare farro, orzo e quinoa

Il consumo di cereali è in crescita: farro e orzo – secondo i dati  Nielsen – hanno raggiunto volumi di vendita pari a 7.715 tonnellate, con un incremento del 23% rispetto all’anno precedente con un fatturato aumentato del 34%, nei suoi oltre 12 milioni di euro. Solo il  grano registra un andamento stabile.

Come si legge nella nota Nielsen, “i cereali che contribuiscono maggiormente alla crescita sono il farro (+14,5% rispetto al corrispettivo periodo del 2014, con un prezzo medio di 4,61 €/Kg) e il “mix di cereali” (ad esempio “3 cereali” e “5 cereali”) con un prezzo medio che si attesta sui 4,15€ e un trend del +25,2%. Un altro sottosegmento che sta crescendo a ritmi molto sostenuti è quello dell’orzo (+15,1%, con un prezzo al Kg di 3,12€)”.

il trend dei cereali in italia
L’analisi Nielsen sulle vendite dei cereali

Tra le novità del mercato, la quinoa è senza dubbio un cereale di moda, complice l’assenza di glutine, spesso ritenuto negativo anche da chi non è celiaco. Il motivo di questi trend positivi è ricollegabile al cibo salutistico, che spinge i consumatori a spendere di più convinti di nutrirsi in modo “sano”. La quinoa  ha quasi quadruplicato le vendite, “attestandosi su oltre 400 tonnellate e sviluppando 4,4 milioni di euro di giro d’affari, con un prezzo medio di 10,94€/Kg”.

Dal punto di vista della distribuzione geografica, “il 30,4% dei consumi si registra a Nord Ovest, il Centro Italia segue con il 28.6% dei volumi, quindi abbiamo il Nord Est con il 24,5%. Il Sud Italia è la zona dove i consumi di cereali sono più contenuti (16,5% dei volumi).

Fonte: Nielsen

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Il parlamento britannico propone una tassa di 25 centesimi sui bicchieri da caffè usa e getta. 2,5 miliardi di tazze vengono gettate via ogni anno, senza essere riciclate

I parlamentari britannici chiedono l’istituzione di una tassa di 25 centesimi di sterlina sui bicchieri …

2 Commenti

  1. Chiara Simeoni

    Buonasera, in merito all’articolo “La quinoa quadruplica le vendite e cresce il consumo di farro e orzo. Solo il grano resta stabile. La Nielsen fotografa la situazione italiana.” mi permetto solo di segnalare che la quinoa NON e’ un cereale, sebbene venga definito uno pseudocereale per le caratteristiche del suo utilizzo (e non per quelle botaniche) Grazie, e buon lavoro!

  2. Manilla Calabretta

    Vorrei precisare che la Quinoa non e’ un cereale !!!