Home / Pubblicità & Bufale / Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l’azienda Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta. Attraverso il proprio sito internet http://www.acquaefarma.it la ditta commercializza apparecchiature per il trattamento dell’acqua enfatizzando in maniera scorretta, secondo il Garante, i benefici sulla salute.

L’autorità ha iniziato le  indagini dopo la segnalazione di un concorrente fatta lo scorso 4 ottobre che evidenziava messaggi pubblicitari con claim dove si vantavano supposte proprietà dell’acqua ottenibile attraverso i prodotti dell’azienda. In particolare le frasi con riferimenti alla salute: “I benefici curativi di Acqua & Farma alcalina contro: allergie, artrite e dolori articolari, cancro, colesterolo alto, diabete di tipo 2, Edema, ipertensione, invecchiamento precoce, patologie cardiovascolari, stanchezza, stipsi.”

Pratica commerciale scorretta
Cliccare per ingrandire le frasi con riferimenti alla salute sanzionati dall’AGCM per pratica commerciale scorretta

Sul sito è presente, inoltre, un richiamo alla normativa di settore con riferimenti al Ministero della Salute e all’Istituto superiore di Sanità con i rispettivi loghi che possono lasciare intendere che “il dispositivo abbia ricevuto una preventiva verifica e/o certificazione da parte di istituzioni pubbliche preposte alla vigilanza e al controllo in materia di sicurezza sanitaria”.

Le certificazioni che vanta l’azienda sul proprio sito internet

In conclusione l’AGCM ha ritenuto scorretta la pratica commerciale ai sensi degli articoli 20, comma 2, 21, comma 1, lettere b) e c), e 23, comma 1, lettere d) e s), del Codice del Consumo e ne vieta la diffusione o continuazione. L’azienda dovrà inoltre pagare una sanzione di 20.000 €.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

“Le noci per la ricerca” dell’azienda Life per Fondazione Umberto Veronesi: censurato il messaggio ingannevole

Il messaggio pubblicitario “Lo sai che una porzione di noci contribuisce a ridurre il rischio …

Un commento

  1. Con un’ammenda di 20.000, che rappresenta più un costo pubblicitario che una vera sanzione, non si scoraggia nessuno ad usare questi escamotage per lanciare un prodotto, salvo poi aggiustare leggermente il tiro, oppure continuare recidivi a pagare piccole sanzioni come spesso avviene.
    Senza entrare nel merito della salubrità dell’acqua, ma vantare poteri curativi così potenti con il marchio del Ministero della Salute ed un marchio che richiama un farmaco, senza essere un farmaco registrato, sembra proprio un abuso non veniale sanzionabile solamente con una semplice diffida ed una piccola ammenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *