Home / Nutrizione / L’olio di palma fa male alla salute. Ecco i lavori scientifici che lo dimostrano. Il silenzio imbarazzato del Ministero salute, delle aziende e dell’Inran (Cra-Nut)

L’olio di palma fa male alla salute. Ecco i lavori scientifici che lo dimostrano. Il silenzio imbarazzato del Ministero salute, delle aziende e dell’Inran (Cra-Nut)

olio di palma e salute
Olio di palma e salute: fa male. Sono numerosi i lavori scientifici che lo dimostrano

L’olio di palma fa male alla salute? La risposta è affermativa anche se gli studi condotti da alcuni ricercatori in Malesia e in Indonesia (i principali paesi produttori di olio di palma) tentano di dimostrare il contrario. Le aziende italiane che usano il palma in quasi tutti i prodotti alimentari cercano di ignorare questo problema, anche se è ormai difficile sostenere che si tratta di un grasso di buona qualità. Abbiamo chiesto un parere al Ministero della salute, all’Istituto Superiore di Sanità, all’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (ex Inran ora Cra Nut): nessuno ha saputo fornire risposte sulla sicurezza di questo ingrediente. In assenza di fonti ufficiali abbiamo fatto una ricerca per vedere cosa dice la letteratura scientifica a proposito del grasso palma e le conclusioni sono poco rassicuranti.

 

«La situazione non è proprio rosea e i lavori scientifici lo evidenziano – spiega Anna Villarini biologa nutrizionista presso l’Istituto nazionale dei tumori di Milano. Una raccolta di studi condotta dai ricercatori e nutrizionisti italiani come Elena Fattori  (**), Cristina Bosetti, Furio Brighenti, Claudio Agostoni e Giovanni Fattore su oltre 50 lavori diversi e pubblicata nel 2014 su The American Journal of Clinical Nutrition, evidenzia che il consumo abituale di olio di palma fa aumentare in modo significativo la concentrazione di grassi nel sangue, dal colesterolo ai trigliceridi (leggi documento). Non solo, il rapporto tra colesterolo cattivo (LDL) e buono ( HDL) aumenta, per cui alla fine si assiste a maggiori livelli di colesterolo cattivo. Un altro elemento evidenziato è la maggiore presenza di colesterolo cattivo nel sangue tra gli abituali consumatori di olio di palma, rispetto alle persone che impiegano altri grassi decisamente più salutari come l’olio extravergine di oliva. Un’altra considerazione – continua Villarini – è che il palma viene spesso utilizzato in forma esterificata dalle aziende alimentari e questa modifica peggiora il profilo lipidico favorendo il danno cardiovascolare. C’è infine un lavoro pubblicato su Lipids nel 2014 da Perreault M dove si associa il consumo di acido palmitico all’incremento di sostanze infiammatorie circolanti nel sangue. È noto che gli stati di infiammazione cronica favoriscono lo sviluppo di varie patologie come le cardiovascolari, l’aterosclerosi, il diabete e anche alcuni tumori».

 (**) Elena Fattori ci ha scritto una lettera che abbiamo pubblicato sul sito in cui dissente da queste conclusioni. Il il testo si trova a questo indirizzo

nutella
Il grasso di palma è uno degli ingredienti anche di molte creme alle nocciole e cacao

Un’altra informazione interessante riguarda l’India, dove il consumo di olio di palma e di alimenti che lo contengono ha raggiunto alti livelli. Il governo sta valutando di mettere una tassa per disincentivarne l’impiego visto l’impatto che avrebbe sui livelli di colesterolo, sulla mortalità per malattia coronarica e per malattia cerebrovascolari (vedi documento).

Ma le informative scientifiche sul palma non sono finite. Uno degli studi più accreditati condotto in 23 Paesi nel periodo compreso tra il 1980 e il 1997, da Brian K Chen e collaboratori, nel 2011 ha esaminato gli effetti negativi sulla salute riferiti ad un lungo periodo. Gli autori sostengono che per ogni kg di olio di palma assunto in più ogni anno, aumenta il tasso di mortalità per patologia cardiovascolare. La stima parla di 68 morti ogni 100.000 abitanti. Questo valore risulta inferiore per i paesi industrializzati (17 morti ogni 100.000 abitanti) dove questa materia grassa è meno utilizzata. Volendo trasferire la valutazione dell’incremento del rischio cardiovascolare e di infarto in seguito all’aumento di 1 kg di palma pro capite l’anno, al nostro Paese la stima equivale a oltre 10.000 morti l’anno. Nello stesso lavoro, gli autori hanno preso in esame il ruolo degli altri grassi presenti nella dieta, perché i sostenitori del palma basano spesso le tesi difensive sul fatto che l’incremento di colesterolo serico non può essere imputato a un solo grasso ma a tutti quelli assunti nella dieta o, come indicato in una recente review italiana del 2013 da Fattore e collaboratori, dalla struttura dei trigliceridi. Ebbene, secondo i dati raccolti da Chen, l’effetto negativo del palma persiste indipendentemente dagli altri grassi della dieta.

 

biscotti olio di palma
A partire dagli anni ’70 l’industria ha cercato di ridurre i costi di produzione cominciando ad usare il palma

«La rivoluzione dei grassi estranei nei prodotti da forno – spiega Antonello Paparella, presidente del corso di laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Università di Teramo – ha origini lontane. A partire dagli anni Settanta l’industria ha cercato soluzioni per ridurre i costi di produzione cominciando ad usare in modo ancora limitato il palma nel pane, nelle merendine e nei biscotti. I nuovi prodotti più morbidi, più umidi e spesso con farciture, richiedevano però imballaggi particolari e molto costosi come quelle in alluminio dei primi biscotti wafer. In altri casi si usava aggiungere alcool per evitare la formazione di muffe.

Con il progressivo incremento dell’olio di palma nelle ricette, i prodotti sono diventati più stabili e ormai non richiedono né alcool come alcune merendine della prim’ora né imballaggi costosi. Come spesso accade, il consumatore però non si è accorto che in questi anni l’aspetto dei prodotti è rimasto lo stesso anche se sono cambiati gli ingredienti e le ricette».

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

cereali per la colazione iStock_000002602973_Small

Lo zucchero nascosto: quanti cucchiaini sono presenti nei biscotti e nei cereali della prima colazione ? Ecco cosa abbiamo scoperto

Gli zuccheri aggiunti agli alimenti, accusati di essere una delle cause di obesità e diabete ...

58 Commenti

  1. Perché non si riesce mai a dire la verità? Lei caro costante con il suo CV, potrebbe dire cose più incisive invece di provocare e fare confusione. Ma voglio farle una domanda. Ad un suo nipote piccolo, ignorante di tutto, cosa gli direbbe di condire verdure con olio extravergine o con olio di palma? Basta dire mezze verità. Se la mettiamo solo sull’economia, perché è lì tanto che si va sempre a parare, lei sa benissimo che una buona e sana alimentazione è risparmio sanitario.

    • Gabriele Bernardini

      Ragazzi non giriamoci intorno. Nessuno dice di condire l’insalata con l’olio di palma perchè diventerebbe un ABUSO. E sarebbe come abusare del burro, nè più nè meno.
      Smettiamola di confondere la qualità merceologica con quella nutrizionale.

      Lo ripeto perchè sembra che il concetto non sia passato: se io abuso con il palma vuol dire che MANGIO MALE in generale, perchè (dato che si trova in prodotti come biscotti, crackers, merendine ecc.) vuol dire che mangio troppi dolci o prodotti da forno confezionati! E quindi esagero anche con molti altri nutrienti con i quali non dovrei esagerare (zuccheri, sale, calorie). Se il palma fosse sostituito con il burro (che per voi è meglio a prescindere dal quanto), non sarei dispensato dal non esagerare UGUALMENTE con quei prodotti!! Io faccio fatica a capire come non si riesca a comprendere un concetto così semplice.
      E allora forse non è il palma il problema, ma la cattiva educazione alimentare.
      Sempre che non si provi che l’olio di palma è dannoso A QUALUNQUE DOSAGGIO e perciò un tossico. Non mi pare che ci sia questa prova.

    • Roberto La Pira

      Gabriele quanto dici è corretto, il problema è che la gente sa quando mangia il burro e quali sono i prodotti che lo contengono perché li conosce o perché legge le etichette. La gente non sa quando mangia il palma e non consce questo grasso e alla fine se ne mangia troppo-. Presto un articolo che analizza questo aspetto

  2. Sig. Maurizio, sta scrivendo tanti commenti ma sta dimostrando di non capire nulla di ciò ho scritto io e altri commentatori. Rilegga meglio il mio testo, NON ho mai scritto che debba essere sostituito con olio di colza e non c’è nessuna contraddizione tra la dieta mediterranea e la scelta di mangiare delle merendine che contengono olio di palma perché, gli omega3 provenienti dai pasti principali, sono sufficienti a rendere INNOCUI i grassi vegetali delle merendine! Se un individuo abusa di merendine, cioccolata, caffè, alcolici, il problema non è dell’olio di palma, rilegga meglio per cortesia!! Se lei decide di mangiare 1 barattolo di nutella al giorno si tratta di una sua scelta personale! Se al posto dell’olio di palma aggiungessero olio di oliva ovviamente quel barattolo lo pagherebbe il doppio ma non ne gioverebbe la sua salute perché resta il fatto che è un alimento IPERCALORICO, quindi il problema non è la scelta degli olii con cui produrla ma la capacità di darsi una regolata! Sul BURRO poi sono totalmente contrario, innanzitutto perché contiene lattosio che è poco tollerato dagli adulti e non credo che sia migliore dell’olio di palma. Condivido l’idea di scorporare la dicitura “olio di palma” da “grassi vegetali” ma non condivido il desiderio di allarmare la gente per una cosa del genere anche perché, come ho scritto sopra, ho già letto diverse volte questo ingrediente in alcune merendine, quindi, non viene sempre omesso, posso citare la marca se interessa agli autori del sito (che hanno tutti i miei dati per contattarmi). Spero di essere stato chiaro, nel dubbio rilegga bene prima di commentare. Grazie

    • Sig. Nicolò. Lei non ha letto i post attentamente. Per dire ciò che scrive, lei dovrebbe essere anzitutto consapevole di quanti gr di olio di palma ingerisce in una normale dieta del quotidiano, e chi si mette a farlo? Lei conosce l’emivita di tutte le sostanze antiossidanti che si assume inconsapevolmente con la sua nutrizione giornaliera??Cosa ci azzecca le calorie con la natura chimica dei grassi? Se lei abusa di merendine ricche di olio di palma le calorie sono l’ultima cosa che le interessa, io mi guaderei di più dalla nocività della natura dei grassi stessi… se lei pensa di gestire tutto e solo con le quantità, allora il suo corpo potrebbe anche assumere acido cianidrico o arsenico entro certi limiti. L’articolo parlava come detto a più riprese della dannosità intrinseca dei grassi costitutivi del palmisto, olio da estrazione chimica con solventi benzenici, come esano eptano, (utilizzato per la produzione di energia elettrica), e dei danni nel lungo periodo. Come volevasi dimostrare lei punta sulla questione costi. Bene lei si mangi tutto l’olio di palma e accenda il fuoco con olio di oliva, tanto poi per risolvere il problema si comprerà statine o molecole simili. Numero 2, cosa c’entra l’intolleranza al lattosio con la composizione dei grassi?? é come se di una macchina una la valuta per il motore e l’altro per il colore del volante. Siamo distanti.

  3. Gabriele credo che tu non abbia orecchie per intendere. La mia è una provocazione poiché è usuale condire verdure con olio di oliva e nessuno si è mai preoccupato di dare avvertenze al suo utilizzo se non quelle che la nutrizione vorrebbe essendo una materia grassa. Ritornando agli stili di vita in maniera grossolana si dice che no si dovrebbe fumare, bere o drogarsi. La gente lo fa punto. La questione è; se io facessi una alimentazione moderna fatta di tutto ciò che vuoi tu e non trovassi alcun prodotto contenente olio di palma ma, oli e grassi più nobili, la mia salute sarebbe migliore?? Io credo di si. Sostituisci il palmisto con i grassi più naturali e lascia che le industrie lo utilizzino per produrre energia.

    • Gabriele Bernardini

      Maurizio, sei vittima di un pregiudizio e come tale difficilmente cambierai opinione. Qui però non si parla di opinioni ma di evidenze. Rileggi l’ultimo commento di Niccolò se vuoi,ma ormai il concetto è più che chiaro: è lo stile di vita che conta. Non cerchiamo di scaricare le colpe della nostra pigrizia e del nostro mangiar male in genere, verso le “grandi industrie cattive”, perchè non ne verremo mai fuori.

      Continui a dire che esistono oli e grassi più nobili di altri, non è così dipende dal “quanto” e dal “quanto spesso”. E’ l’equilibrio che conta. Poi pensala come vuoi.

  4. Gabriele. Non facciamone una questio personale. Tutto ciò che dici su stili ed equilibrio è sacrosanto. Se parliamo però di composizione costitutiva degli alimenti, non puoi dirmi che non c’è differenza. Perché allora decade proprio il concetto di nutrizione..allora non ha senso discutere di nulla, basta solo equilibrare i contenuti delle sostanze? Non ho preconcetti o pregiudizi. Non si sta parlando di olio di palma estratto a freddo, la materia del discutere è il palmisto. Se ci intendiamo bene, altrimenti non so come dirlo.

  5. Purtroppo l’olio di palma è presente in molti alimenti che consumiamo quotidianamente, soprattutto quando la qualità di essi è bassa. Questo ingrediente è una delle cause della formazione delle placche aterosclerotiche e quindi è bene leggere sempre le informazioni nutrizionali quando si acquistano determinati prodotti (dolci, prodotti da forno ecc.)