Home / Pianeta / Microplastiche nell’acqua del rubinetto. Secondo uno studio di Orb Media la contaminazione è globale, i risvolti per la salute sono sconosciuti e nessuno ha una soluzione

Microplastiche nell’acqua del rubinetto. Secondo uno studio di Orb Media la contaminazione è globale, i risvolti per la salute sono sconosciuti e nessuno ha una soluzione

L’acqua che esce dai nostri rubinetti contiene microscopiche fibre di plastica. Il problema non riguarda solo il nostro Paese, ma la maggior parte del globo terrestre. Le rivelazioni arrivano da un’inchiesta avviata da Orb Media, un’organizzazione non profit di Washington, che ha condiviso con il Guardian in esclusiva, i risultati. Se i lavori precedenti erano in gran parte focalizzati sull’inquinamento negli oceani, e all’assunzione indiretta da parte dei consumatori di microplastiche attraverso il cibo (frutti di mare e pesci contaminati), il nuovo studio focalizza l’attenzione sull’ingestione quotidiana di microparticelle tramite l’acqua potabile.

Il dossier di Orb Media, denominato “Invisibles: The Plastic Inside Us”,  rappresenta il primo studio a livello globale sull’inquinamento dell’acqua potabile da parte di microplastiche. Nel dettaglio, sono stati esaminati 159 campioni di acqua potabile da mezzo litro provenienti da 14 paesi, localizzati in diverse zone del globo: Cuba, Ecuador, Francia, Germania, India, Indonesia, Irlanda, Italia, Libano, Slovacchia, Svizzera, Uganda U.K e U.S. Gli Stati Uniti sono stati identificati come il Paese con il tasso di contaminazione più elevato: valori che arrivano fino al 94%, con fibre trovate in acqua di rubinetto campionata anche negli edifici del United States Capitol (Campidoglio a Washington), nella sede dell’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente (EPA – Environmental Protection Agency) e persino nella Trump Tower a New York. Nella lista troviamo a seguire Libano e India.

Percentuale di campioni di acqua di rubinetto contenenti microplastiche prelevati in vari Paesi da OrbMedia

Le nazioni europee come il Regno Unito, la Germania e la Francia registrano un tasso di contaminazione più basso, anche se la presenza è stata riscontrata nel 72% dei casi. Per quanto riguarda le concentrazioni rilevate, il numero medio di fibre  in mezzo litro varia da 4,8 unità negli Stati Uniti sino a 1,9 in Europa. Si tratta di una contaminazione distribuita più o meno in mono uniforme in ogni parte del globo, indipendentemente dalla sede di approvvigionamento. I prelievi sono stati condotti allo Sloane Club di Londra, in appartamenti privati a Beirut, da rubinetti domestici in Slovacchia, da un ponte pubblico sulle rive del lago Victoria in Uganda. Benchè gli effetti sulla salute umana non siano a oggi noti, le parole degli esperti non lasciano spazio ai dubbi: “Abbiamo dati sufficienti per affermare che l’inquinamento da microplastiche è preoccupante per la fauna selvatica”, sostiene Sherri Mason, esperto in microplastiche presso l’Università di New York. “Se il fenomeno ha un forte impatto negativo sulla fauna, come possiamo pensare che la salute dell’uomo non ne sia compromessa?”

Incremento dei rifiuti di plastica negli ultimi decenni

Un altro studio condotto in Irlanda nel mese di giugno ha posto l’accento su due questioni importanti: la dimensione delle particelle e le sostanze chimiche o gli agenti patogeni che le microplastiche possono trasportare. “Stiamo rilevando solo le particelle con dimensioni che siamo in grado di misurare – spiega Anne Marie Mahon del Galway-Mayo Institute of Technology irlandese – ma è possibile che ve ne siano di molto più piccole, in grado di penetrare nelle cellule e di conseguenza negli organi con effetti molto preoccupanti”. Non bisogna dimenticare che le microplastiche sono note perché  contengono e assorbono sostanze chimiche tossiche e la ricerca su animali selvatici mostra il rilascio nel corpo. Il professor Richard Thompson, dell’Università di Plymouth, nel Regno Unito, ha dichiarato: “È evidente che le microplastiche una volta assunte dall’organismo rilasceranno sostanze chimiche di diverso tipo: le condizioni nell’intestino sono tali da facilitare un rilascio piuttosto rapido”.

La foto evidenzia in rosso gli oggetti che contengono plastica in una cucina

La scala della contaminazione da microplastiche a livello globale sta cominciando a diventare chiara solo negli ultimi anni, dopo che studi condotti in Germania hanno evidenziato l’inquinamento in prodotti alimentari come: birra, miele e sale da cucina. A Parigi nel 2015, i ricercatori hanno scoperto che frammenti di microplastiche sono presenti nell’aria delle città e anche tra le mura domestiche. È quindi possibile quindi che l’assunzione avvenga anche tramite la respirazione e su questo tema si stanno conducendo indagini al King’s College di Londra. Quale sia il percorso seguito da questi contaminanti per finire nell’acqua di rubinetto resta per ora un mistero, anche se l’atmosfera potrebbe essere  una strada  per  fibre di plastica provenienti dall’usura di vestiti e tappeti. Le asciugatrici sono un’altra fonte potenziale, con quasi l’80% delle famiglie americane che possiede questo elettrodomestico con scarichi all’aperto. Le fibre di plastica possono anche essere scaricate nei sistemi idrico attraverso le lavatrici. Ogni ciclo  di lavaggio potrebbe rilasciare 700.000 fibre e anche le piogge potrebbero  contribuire con l’abbattimento al suolo delle microplastiche presenti in atmosfera. Questo spiegherebbe perché i pozzi domestici utilizzati in Indonesia o l’acqua proveniente da sorgenti naturali a Beirut, in Libano, siano contaminati.

Il disegno mostra le fonti di microplastiche in grado di contaminare l’ambiente e l’acqua potabile (tessuti sintetici, lavaggio in lavatrice, plastica abbandonata nell’ambiente…)

Soluzioni immediate? Nessuna, visto che i moderni  sistemi standard di trattamento dell’acqua non sono in grado di filtrare tutte le microplastiche. Mahon ha dichiarato: “Non esiste un sistema che intrappoli il 100% delle particelle. Considerando un diametro di circa 10 micron, è pressoché impossibile trovare metodi efficaci di filtrazione”. L’acqua minerale in bottiglia non sembrerebbe rappresentare un’alternativa valida all’acqua di rubinetto in quanto la contaminazione da microplastiche è stata evidenziata anche in alcune confezioni prelevate dagli scaffali negli Stati Uniti. I materiali plastici polimerici in virtù delle proprietà funzionali e del costo conveniente sono utilizzati in ogni settore e il  loro impiego è aumentato di 20 volte negli ultimi 50 anni e si prevede il raddoppio nei prossimi 20. Il problema si pone viso che secondo i  ricercatori i rifiuti derivati da quest’impiego sono onnipresenti nell’ambiente.

“Stiamo sempre più soffocando gli ecosistemi con la plastica – afferma Roland Geyer, professore dell’Università della California e Santa Barbara, e promotore dello studio – e sono molto preoccupato per le possibili conseguenze non intenzionali negative che scopriremo solo quando sarà troppo tardi”. Le recenti analisi sull’acqua di rubinetto evidenziano un grosso problema, a questo punto bisogna andare avanti con altri studi per verificare i risultati, trovare le fonti di contaminazione e valutare i possibili impatti sulla salute. Ma tutto ciò richiede mesi e forse anni, ma il tempo stringe.

Ecco i consigli che suggerisce lo studio di Orb Media ai cittadini per ridurre la diffusione delle microplastiche nell’ambiente

Foto: Orb Media

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

UK, le grandi marche di cereali da colazione non usano l’etichetta a semaforo per nascondere la quantità elevata di zucchero. Indagine di Action on Sugar

Una decisione “scandalosa”, così l’organizzazione britannica Action on Sugar definisce la scelta di diversi produttori …

2 Commenti

  1. Ci dimentichiamo che ormai il 90% delle tubature dell’acqua potabile è in materiale plastico. Non potrebbe essere il loro semplice deterioramento a rilasciare particelle nell’acqua? E’ sicuramente più plausibile questa di motivazione che la loro provenienza dal ciclo dell’acqua.

  2. Il problema fondamentale è l’aria.
    Basta usare una torcia di notte in casa nostra per vedere milioni di filamenti galleggianti che si depositano nei nostri piatti quando mangiamo e nei nostri bicchieri.
    Una volta tali fibre erano di natura animale adesso sono diventate soprattutto sintentiche con buona pace dei vegani che considerano il pile, la pelle sintentica, i tessuti sintetici tecnici un prodotto da osannare per condannare fibre ecocompatibili e biodegradabili come la lana e la pelle di animali trattati naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *