Home / Nutrizione / Italia in testa nel consumo europeo di integratori alimentari di origine botanica. Ultima posizione per la Finlandia, dove solo il 9,6% delle persone consumano queste sostanze. Gingko, enotera e carciofo sono i più diffusi

Italia in testa nel consumo europeo di integratori alimentari di origine botanica. Ultima posizione per la Finlandia, dove solo il 9,6% delle persone consumano queste sostanze. Gingko, enotera e carciofo sono i più diffusi

integratori 463114939
L’Italia è in prima fila tra i consumatori di integratori botanici

Il 18,8% degli europei utilizza almeno un integratore alimentare a base di ingredienti botanici. La stima viene da uno studio, che ha coinvolto 2.359 partecipanti ed è stato pubblicato dalla rivista PLOS ONE, che ha indagato l’utilizzo di questi integratori in sei paesi europei: Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Romania e Spagna.

 

La percentuale di persone che utilizzano integratori botanici va dal 9,6 % in Finlandia al 22,7 % in Italia. I prodotti utilizzati sono molto vari e ammontano a 1.288, con punte di 289 nel nostro paese e di 284 in Spagna, mentre in Gran Bretagna la varietà di integratori botanici è circa la metà della media generale. Il Regno Unito si distingue anche per avere il più basso utilizzo di integratori multi-botanici e quello più alto di prodotti che utilizzano un solo ingrediente di natrua vegetale: 84,5%, contro il 20,5% della Finlandia, che si situa all’estremo opposto. In ordine decrescente, le piante più utilizzate sono: ginkgo, enotera, carciofo, ginseng, aloe vera, finocchio, valeriana, soia, melissa, echinacea e mirtillo.

 

integratori 178564399
Lo studio ha messo in luce l’utilizzo di integratori a base di ingredienti botanici per comprenderne meglio effetti e benefici. Non sono stati considerati i succhi di frutta

Lo studio, realizzato per  fornire alle autorità una base di dati per valutare rischi e benefici sull’utilizzo di questi prodotti, ha preso in esame solo gli integratori botanici assunti in dosi misurabili (pillole, polvere in bustine, gocce), escludendo succhi di frutta e alimenti simili, che si possono intendere come un modo per assumere prodotti a base di erbe.

 

 Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

 

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

I dolcificanti artificiali disturbano il metabolismo. Uno studio della Yale University

Quando il gusto dolce di una bevanda o di un alimento e il contenuto calorico …