Home / Lettere / Il potere della pubblicità sui bambini. E su mamma e papà. Il caso Kellogg`s Miel Pops

Il potere della pubblicità sui bambini. E su mamma e papà. Il caso Kellogg`s Miel Pops

Gentile Redazione, ho letto con interesse la Vostra opinione sulle pubblicita’ di pseudo-cereali rivolti ai bambini sui loro canali tv, in risposta alla lettera Kellogg’s e Nestlè reclamizzano i loro prodotti nei programmi Tv per bambini: è corretto?

Vorrei segnalarvi un altro caso, quello degli spot commerciali camuffati da cartoni animati. Simpatiche api che sguazzano e scivolano nel miele, e celebrano il “dolce piacere” che prende forma nei Kellogg’s Miel Pops.

Lei ha accennato al fatto che si dovrebbe rispettare l’autorità genitoriale nelle scelte delle spese alimentari, ma crede che sia facile negare a una creatura di 3-4 anni il prodotto che gli viene propiziato ogni volta che vede la tv?

Io sono stata fortunata: la mia bimba, dopo avermi praticamente costretta all’acquisto dei Miel Pops, li ha trovati troppo dolci e appiccicosi, e non ne ha più voluto sapere. Ma se il bombardamento di spot è cosi intenso, c’è da credere che funzioni.

Due esempi di trasmissione di questa pubblicità: domenica 6 marzo alle 6 di sera, prima dei “Tele-tubbies” e lunedi 7 marzo alle 8 di mattina, tra “Pingu” e un cartone di Richard Scarry, target 2-4 anni, entrambi su RaiSat Yo-Yo.

Laura Bianchi, Milano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Guarda qui

Origine del grano duro e produzione della pasta “made in Italy”: un approfondimento su alcuni passaggi della filiera

Pubblichiamo di seguito il commento di un nostro lettore al tema molto dibattuto dell’origine del …