Home / Supermercato / In Irlanda, decolla la banca virtuale del cibo. FoodCloud mette in collegamento i supermercati con le agenzie che distribuiscono pasti ai poveri

In Irlanda, decolla la banca virtuale del cibo. FoodCloud mette in collegamento i supermercati con le agenzie che distribuiscono pasti ai poveri

app foodcloud
Attraverso un’applicazione per gli smartphone a fine giornata i supermercati possono caricare i dettagli sulle donazioni

In Irlanda ogni giorno finisce nei rifiuti un milione di tonnellate di cibo ancora commestibile. Su un altro fronte, il 10% degli irlandesi è in condizioni economiche di povertà tali da rendere difficile l’acquisto quotidiano del cibo necessario.

Due giovani irlandesi, Iseult Ward e Aoibheann O’Brien, laureate rispettivamente in economia e in scienze ambientali, hanno deciso di mettere in collegamento una potenziale offerta sprecata e un bisogno insoddisfatto, creando FoodCloud, una banca alimentare virtuale, lanciata nell’ottobre 2013 e poi decollata grazie a un programma di sostegno alle start-up. Recentemente, la rivista Time ha inserito le due giovani tra i sei segnalati come “Next Generation Leaders”.

 

FoodCloud, che è un’impresa sociale senza fini di lucro, mette in collegamento innanzitutto i supermercati, le cui scorte sono più gestibili in termini di sicurezza, ma anche i panifici, con le agenzie che distribuiscono cibo ai poveri. Attraverso un’applicazione per gli smartphone di semplice utilizzo, alla fine della giornata i supermercati e i panifici iscritti a FoodCloud possono caricare i dettagli sugli alimenti che intendono donare. Agli enti di beneficenza viene inviato un messaggio di testo a cui, se interessati, possono rispondere e passare poi a ritirare il cibo. Attualmente, FoodCloud facilita la donazione di oltre una tonnellata di eccedenze alimentari al giorno e della sua rete irlandese fanno parte 77 supermercati della catena Tesco, la principale della Gran Bretagna, che ha stipulato con FoodCloud un contratto annuale, che prevede il versamento a FoodCloud di 250.000 euro. Dal prossimo febbraio parteciperanno alla rete di FoodCloud, che ora conta quattro dipendenti, tutti i 146 supermercati Tesco presenti in Irlanda, mentre sono in corso contatti con altre due grandi catene di supermercati.

Info-foodcloud-how-it-works

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Video: la beffa dei sacchetti ecologici del supermercato che si pagano cari e si rompono subito

A tutti è capitato almeno una volta di fare la spesa al supermercato e, per …

Un commento

  1. bellissima idea, e mi pare che sia stato realizzato qualcosa del genere anche a Torino, da dei ragazzi che hanno ideato un’applicazione per i prodotti deperibili di giornata (es brioche o pizze) con cui i produttori informano delle rimanenze della giornata e riescono a vendere all’ultimo minuto, chiaramente scontate.