Home / Richiami e ritiri / Richiamata “Farina per pizza” Gran Mugnaio del Molino Spadoni per presenza allergene non dichiarato in etichetta

Richiamata “Farina per pizza” Gran Mugnaio del Molino Spadoni per presenza allergene non dichiarato in etichetta

I supermercati Auchan, Il Gigante, Simply e Coop comunicano che l’azienda Molino Spadoni Spa ha richiamato a titolo precauzionale un lotto di farina a causa della presenza dell’allergene soia non dichiarato in etichetta. Si tratta della Farina per pizza tipo “00” di grano tenero della marca Gran Mugnaio che è stata quindi ritirata dagli scaffali.

Il richiamo riguarda esclusivamente il lotto L.73103 con termine minimo di conservazione: 03/05/2018, venduto in confezioni da 1.000 g, e prodotta da Molino Spadoni Spa, Coccolia (RA). Il motivo del richiamo riguarda la presenza di un allergene (tracce di soia), non dichiarato in etichetta, riscontrato in un campione.

 Farina per pizza
Il richiamo della Farina per pizza riguarda esclusivamente il lotto L.73103 con TMC: 03/05/2018

Le persone allergiche o intolleranti alla soia, in possesso di una o più confezioni di Farina per pizza, se appartenenti al lotto richiamato, sono invitate a non consumare il prodotto e a riportarlo al punto vendita. Il consumo del prodotto è del tutto sicuro per le persone non allergiche. L’avviso è stato pubblicato sui siti internet dell’azienda Molino Spadoni e delle catene di supermercati Il Gigante, Iper e Sogegross, mentre non compare sul sito del Ministero della salute*.

Questo è il richiamo numero 34 del 2017 che Il Fatto Alimentare pubblica.

*Aggiornamento: l’avviso è stato pubblicato anche sul sito del Ministero della salute il 12 giugno.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamato salame prodotto dalla Macelleria Zanin Valentino per Salmonella. L’avviso del Ministero della salute

Il Ministero della salute ha pubblicato l’avviso di richiamo di un lotto di salame prodotto …

6 Commenti

  1. Mi sorge una domanda: dal momento che appare evidente che la presenza di allergene soia nelle farine è una possibilità concreta, se il produttore inserisse in etichetta la dicitura “può contenere tracce di soia”, in caso di controllo ufficiale (quindi non è questo il caso visto che si tratta di un provvedimento da parte dell’operatore) tale dicitura avrebbe evitato il ritiro dagli scaffali?

    • Se fosse dichiarato in etichetta “può.contenere tracce di soia” non c’è alcun motivo di fare un richiamo dal mercato.

  2. Ma una farina di frumento perchè ci dovrebbero stare tracie di soia? Se e frumento e frumento…. Se machinari lavorano il frumento basta

    • Forse perchè in molti casi non lavorano solo frumento

    • Le tracce di soia ci sono perché la soia può crescere in mezzo al grano e perché i silos portuali dei cereali possono aver contenuto soia in precedenza, perché i camion possono aver trasportato soia in precedenza… ne basta un chicco per una contaminazione crociata.

    • Francesco Rossi

      Condivido quanto scritto da Federico. Le contaminazioni normalmente sono contenute in “pochi” ppm.
      I kit analitici disponibili sono in grado di dare informazione di positività alla presenza di soia anche a 1 ppm; per semplificare 1 chicco di soia in 1 milione di chicchi di grano viene già misurato e segnalato come “grano che contiene soia”…