Home / Sicurezza Alimentare / Cosa sono gli energy drink? Secondo uno studio danese, bambini, adolescenti e genitori sono poco consapevoli dei rischi

Cosa sono gli energy drink? Secondo uno studio danese, bambini, adolescenti e genitori sono poco consapevoli dei rischi

Student solving hard math problems
Troppa caffeina può portare a insonnia, irrequietezza, palpitazioni, irritabilità e ansia

Gli energy drink sono determinanti nel superamento della dose giornaliera raccomandata di caffeina in molti bambini e adolescenti. Lo indica uno studio condotto dal National Food Institute della Technical University of Denmark, da cui emerge che il 20% dei ragazzini compresi tra i 10 e i 14 anni, quando beve energy drink, anche in quantità moderata, eccede nell’assumere la dose massima giornaliera consigliata di caffeina, che è di 2,5 milligrammi per kg di peso. Quando la caffeina viene anche da altri alimenti, come cioccolato e Cola, la percentuale sale e nei ragazzi tra i 15 e i 17 anni supera il 33%.

 

Il consumo eccessivo di caffeina espone al rischio di effetti collaterali, come insonnia, irrequietezza, palpitazioni, irritabilità e ansia. Questi effetti sono stati sperimentati dal 42% dei consumatori di energy drink che hanno partecipato alla ricerca danese, che ha coinvolto 3.682 persone di età compresa tra i 10 e i 35 anni.

 

caffeina energy drink 178876776
In Danimarca, tra il 2010 e il 2013 il mercato degli energy drink è quasi triplicato

In Danimarca, tra il 2010 e il 2013 il mercato degli energy drink è quasi triplicato, passando da quattro a circa undici milioni di litri. I ricercatori evidenziano come non siano solo i ragazzi ad avere scarsa conoscenza del contenuto delle bibite energetiche e dei possibili rischi, ma anche i genitori, che servono energy drink alle feste di compleanno dei figli e ne consentono il consumo in connessione alle attività sportive.

 

Secondo Jeppe Matthiessen, del National Food Institute, “sembra che ci sia stato un cambiamento nella percezione del tipo di bibite che le persone considerano normale bere. Tra i consumatori più giovani, gli energy drink hanno ora lo stesso status che prima avevano le bibite analcoliche. Sia l’uso, sia l’atteggiamento nei confronti delle bevande energetiche, fanno prevedere che il  consumo aumenterà nei prossimi anni e questo rende necessario fornire più informazioni ai bambini e agli adolescenti, e anche ai genitori”.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari.

Per sottoscriverla clicca qui.

petizione olio palma

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Sicurezza alimentare e made in Italy non sempre vanno a braccetto. I controlli sono tanti ma si può ancora migliorare

I motivi per cui scatta un’allerta alimentare sono tanti: ci può essere un errore in …