Home / Packaging / Troppo piombo nelle scatole delle pizze. Si usa cartone riciclato che costa meno. Mancano i controlli nelle regioni del Sud

Troppo piombo nelle scatole delle pizze. Si usa cartone riciclato che costa meno. Mancano i controlli nelle regioni del Sud

cartone per pizza
Buona parte del cartone per pizza venduto nelle regioni del Sud Italia contiene cellulosa riciclata vietata dalla legge

Buona parte del cartone per pizza venduto nelle regioni del Sud Italia contiene cellulosa riciclata vietata dalla legge perché cede piombo e altre sostanze tossiche. E’ questo il parere di diversi addetti ai lavori secondo cui le analisi chimiche per accertare la presenza di piombo vengono fatte solo nelle regioni del Nord. Forse per questo motivo nella lista settimanale dei prodotti che il Ministero della salute segnala al sistema di allerta europeo non si trovano mai cartoni per pizza che cedono piombo, ma solo pentole, stoviglie e utensili da cucina cinesi che cedono cromo e altri metalli pesanti.

 

Pizza
La legge italiana, considerata una delle più severe in Europa, vieta l’uso di cellulosa riciclata nelle scatole per pizza

La legge italiana, considerata una delle più severe in Europa, vieta l’uso di cellulosa riciclata per gli imballaggi di cartone destinati ad alimenti “umidi”. Le scatole per pizza rientrano in questa categoria, visto che la temperatura interna raggiunge i 60/65°C favorendo la migrazione di piombo, ftalati e altri composti tossici abitualmente presenti nel cartone riciclato (*). Un altro divieto legislativo riguarda la presenza di scritte nella parte interna del contenitore per evitare la cessione di sostanze nocive presenti nell’inchiostro. Le foto a colori sulle scatole sono invece ammesse ma solo nella parte esterna. In Francia, Germania e altri paesi europei (tranne la Finlandia che ha regole simili alle nostre), le leggi sono più permissive, e i contenitori possono avere uno, due e anche tre strati di cartone riciclato, anche se per quello a contatto con la pizza la presenza o la migrazione di alcune sostanze deve rientrare entro certi limiti. L’argomento sarà affrontato anche dal programma Report di Milena Gabanelli in onda  su  Rai 3 domenica 5 ottobre 2014.

 

pizza
Sulla scatola deve essere presente il nome del produttore e il codice di tracciabilità

Come si riconoscono i contenitori a norma? Sul cartone deve essere presente il nome del produttore e il codice di tracciabilità per identificare il lotto. Su alcuni si trova il logo composto da un bicchiere e una forchetta, che però non ha alcun valore legale. Si tratta di un’autocertificazione che attesta la possibilità di utilizzare il contenitore per tutti i prodotti alimentari non distinguendo tra cibo secco o umido. Se l’imballo non è adatto a tutti gli alimenti, a fianco della forchetta e del bicchiere dovrebbero essere indicate le tipologie di alimenti (codificate dal decreto con un numero oppure dalla scritta “solo per alimenti secchi”) come pure eventuali limitazioni delle condizioni d’uso.

per_alimenti
La forchetta e il bicchiere possono anche non esserci sulle scatole

 

La forchetta e il bicchiere possono anche non esserci, quando ad esempio sulla scatola c’è scritto pizza oppure ci sono immagini che evocano la pizza. In questo caso però il produttore è tenuto a garantire l’idoneità alimentare. Se invece il simbolo della forchetta e coltello manca e non ci sono scritte o foto evocative della pizza, il contenitore in assoluto non è adatto per tutti gli alimenti. In una situazione abbastanza articolata, qualcuno propone un metodo metodo empirico ma efficace per valutare la qualità delle scatole. Basta mettere qualche goccia d’acqua sulla superficie interna e aspettare pochi minuti. Se la cellulosa è vergine le gocce non vengono assorbite facilmente, se è riciclata l’acqua viene assorbita in fretta.

 

pizza
L’uso di scatole con cellulosa riciclata è molto diffuso perchè fa rispamiare 0,06 centesimi di euro per ogni pezzo

La presenza eccessiva di piombo è vietata e i cartoni per pizza ottenuti con cellulosa riciclata vanno ritirati dal commercio, ma è importante chiarire che la migrazione nella pizza di piombo e altri composti non deve intendersi come un problema immediato. I limiti sono stabiliti considerando l’insieme di tutte le sostanze nocive con cui veniamo a contatto attraverso il cibo e l’ambiente sulla base del TDI (tolerable daily intake).  Purtroppo il malcostume di usare cartoni per pizza preparati con cellulosa riciclata è legata a motivi economici. La scatola formato standard (32,5 x 32,5 cm) di cellulosa riciclata costa circa 0,09 centesimi, quella di cellulosa vergine arriva a 0,15 centesimi. Per il consumatore sono cifre ridicole, ma per chi importa o commercializza 100 mila pezzi al giorno non è così.

 

(*) La normativa fissa per il piombo il limite massimo di 3 microgrammi per decimetro quadrato e si tratta di un valore facilmente superabile quando si usa cellulosa riciclata.

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264  indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

Materiali a contatto con gli alimenti: il Parlamento europeo chiede norme più severe. Approvata una risoluzione per regolamentarli

Una risoluzione non vincolante approvata dal Parlamento europeo con 559 voti favorevoli, 31 contrari e …

6 Commenti

  1. Se al Sud vengono utilizzate scatole per pizza in cartone riciclato è perchè qualcuno le produce, in netta violazione delle norme; a questo punto potremmo anche aspettarci che ci sia chi falsifica il logo di autocertificazione sulla scatola, tanto che gli frega di una violazione in più?

  2. Mi verrebbe da dissentire sulla nota in chiusura circa i 6 cent di differenza fra una scatola in cartone riciclato ed una in cellulosa, che, come scrive La Pira, “sono cifre ridicole, ma per chi importa o commercializza 100 mila pezzi al giorno non è così”, tuttavia il mio punto di vista è senz’altro viziato dal fatto che lavoro in un’azienda di produzione (non di cartoni) e che sebbene si sia sempre alla ricerca di limare sul prezzo finale è altresì vero che essendo persone serie si agisce sempre nel rispetto della legge così come del buonsenso.
    *
    Buonsenso che peraltro abbiamo anche quando compriamo, anche se che nel nostro campo la differenza tra un articolo di qualità a norma di legge ed uno illegale e tossico, ballano ben più di 6 cent.
    *
    Resta il fatto che la pizza che sarà in quei cartoni, tossici, sarà mangiata anche da amici e parenti dei produttori o dei pizzaioli che le usano consapevolmente.
    *
    Così come per chi seppellisce rifiuti tossici nei terreni in cui abita e vive, sotto le scuole dove andranno figli e nipoti, oppure li brucia accanto ai campi agricoli, anche in questo caso l’importante è il fatturato, altro che la salute…

  3. Vorrei far notare che nella trasmissione di ieri si diceva che in tutt’Italia si utilizzano cartoni per pizza riciclati. Vi consiglio di riguardarla per chiarirvi meglio le idee, la potete trovare sul sito della rai.

  4. Ho scoperto che la pizzeria in cui vado spesso per una ottima pizza di asporto (lunga lievitazione, materie prime di qualità, forno pulito) utilizza scatole di cartone riciclato: a domanda esplicita al gestore la risposta è stata: “Si, utilizziamo cartone riciclato perché siamo tirchi, così risparmiamo”.
    Vorrei segnalare la cosa ai NAS (oltre ad essere contro la legge, mi sembra folle risparmiare su una cosa che può provocare ripercussioni sulla salute dei consumatori), ma ho serie difficoltà a capire come fare una segnalazione. In internet non ci sono indicazioni chiare su quale sia l’iter da seguire. Qualcuno può aiutarmi?
    Grazie mille