Home / Nutrizione / Quante calorie in quella tazza! Si aggiungono troppi zuccheri e grassi nel caffé e nel té. I risultati di uno studio americano

Quante calorie in quella tazza! Si aggiungono troppi zuccheri e grassi nel caffé e nel té. I risultati di uno studio americano

te
Secondo uno studio gli americani assumono troppe calorie vuote da tè e caffa

Gli americani assumono molte calorie dalle bevande che amano di più, tè e caffè, e probabilmente non se ne rendono conto. Ma ora uno studio condotto dai nutrizionisti dell’Università dell’Illinois e pubblicato su Public Health chiarisce l’entità di questo apporto poco necessario, nella speranza di convincere le persone a ridurre o, se possibile, eliminare questa fonte di zuccheri e grassi.

Gli autori hanno utilizzato i dati della grande indagine nazionale sull’alimentazione chiamata National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), durata più di 12 anni. Tra le tante informazioni, la ricerca ha raccolto anche quelle relative a oltre 13.100 persone che bevono regolarmente caffè e oltre 6.200 partecipanti amanti del tè, in rappresentanza del 51% di americani che assume sempre caffè, e del 26% di consumatori quotidiani di tè. Secondo i dati circa due terzi degli amanti del caffè e un terzo di quelli del tè aggiunge alla bevanda zucchero, panna liquida, aromatizzanti (quasi sempre dolci), miele o altre sostanze ricche di calorie. Può sembrare un quantitativo energetico piccolo – commentano gli autori– ma se si tiene presente che è prolungato per anni, alla lunga anche queste calorie contribuiscono in misura non trascurabile a far lievitare il peso. Inoltre,  questi dolcificanti in genere hanno pochissimi benefici nutrizionali. Per esempio, il latte assicura in media un apporto di calcio pari a una ventina di milligrammi giornalieri, quando il fabbisogno consigliato è superiore ai 1.000.

Le calorie aggiunte da zuccheri e grassi a caffè sono superiori in media quelle aggiunte al tè

L’apporto di calorie si vede anche facendo banali confronti. Il valore calorico dei  bevitori di caffè nero senza zucchero è il 69% in meno rispetto alle tazzine di  chi lo preferisce macchiato o dolcificato in vario modo. La situazione è leggermente migliore per quanto riguarda il tè. Ch lo dolcifica assume in media 43 calorie in più, l’85% delle quali arriva da zuccheri.

Probabilmente le persone a bere queste bevande dolcificate o aromatizzate non si rende conto delle calorie extra. Gli autori suggeriscono di abituarsi, se possibile, a non aggiungere nulla o a limitare al massimo zuccheri e grassi.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Etichette a semaforo: per la Francia e la Gran Bretagna sono uno strumento utile per i consumatori. L’Italia delle lobby dice no, ma intanto si diffondono

In Francia, dopo alcuni mesi di sperimentazione, il Ministero della salute ha approvato un sistema …

4 Commenti

  1. Ma perché insistete a rifilarci “notizie” americane? Cosa ce ne frega, in Italia?

  2. Purtroppo certi stili alimentari, poco salutari, in particolare americani, si diffondono rapidamente anche in Italia, meglio informare.

  3. Dobbiamo ammettere a noi stessi che gli “americani” sono avanti a noi di un decennio in quasi tutti i settori, sia nel bene sia purtroppo anche nel male.
    Perché quello che accade oggi negli USA, accadrà sicuramente anche da noi nei prossimi anni.
    Esserne ben informati ci da il vantaggio di sapere in anticipo cosa arriverà e scegliere possibilmente il meglio, rigettando il peggio. Trattati ed ignoranza nostrana permettendo.