Home / Richiami e ritiri / Esclusiva. Cameo ritira budino Muu Muu Mini alla vaniglia in decine di supermercati con acqua ossigenata, probabile incidente isolato

Esclusiva. Cameo ritira budino Muu Muu Mini alla vaniglia in decine di supermercati con acqua ossigenata, probabile incidente isolato

cameo budino allerta 312180
Riritato dagli scaffali di 120 supermercati il budino Cameo Muu Muu mini alla vaniglia

Cameo ha ritirato dagli scaffali di 120 supermercati di tutte le catene sparse sul territorio (Esselunga, Iper, Bennet, Coop, Crai, Pam Panorama, Metro, Unes, Gs…) il budino “MUU MUU MINI BUDINO VANIGLIA CON MACCHIE AL CIOCCOLATO, per la presenza di acqua ossigenata. Il lotto contaminato è il n° 27.02.2014  22:01 022 con scadenza 27-02-2014. Secondo l’azienda sono state distribuite circa 31.000 confezioni. La notizia è stata anche segnalata nel Sistema di allerta europeo Rasff visto che il dessert è stato prodotto in Germania.

 

Secondo le fonti de Il Fatto Alimentare problema è stato evidenziato quando un consumatore dopo aver mangiato il budino ha avvertito forti bruciori alla gola. L’Asl ha condotto le analisi confermando la presenza di acqua ossigenata in 2 vasetti sui cinque rimasti. Cameo precisa che sono stati fatti altri controlli su campioni dello stesso lotto senza riscontrare alcun problema e di aver proceduto immediatamente al ritiro del prodotto dal mercato, prima ancora dell’attivazione dell’allerta.
L’azienda ha spiegato che l’acqua ossigenata viene utilizzata per disinfettare i vasetti prima dell’utilizzo e che tutti  i lotti limitrofi sono stati controllati senza riscontrare alcuna contaminazione.
Considerando l’occasionalità dell’incidente si è proceduto al ritiro del lotto e si è deciso di non avvisare i consumatori con una campagna di richiamo.

 

 Sara Rossi

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

arachidi

Arachidi tostate a marca “Fuori dal guscio”. I supermercati Tuodì ritirano il prodotto dagli scaffali (aflatossina B1 superiore ai limiti di legge)

È stato ritirato dagli scaffali il prodotto Arachidi tostate della marca “Fuori dal guscio” nella confezione ...

5 Commenti

  1. “Considerando l’occasionalità dell’incidente si è proceduto al ritiro del lotto e si è deciso di non avvisare i consumatori con una campagna di richiamo.”

    ma questa non è una palese violazione del 178?

    p.s. avevo già lasciato un commento simile ma non appare. ci sono problemi al sito?

  2. Suona strano anche a me, ma si presume che sia stata una decisione presa di concerto con la ASL…
    L’unica spiegazione che mi viene in mente (e non so se sia verosimile) è che questo tipo di contaminazione non venga considerato un rischio dal punto di vista della sicurezza alimentare…

  3. mia figlia ed io abbiamo consumato quello al cioccolato con il rif.036 con scadenza il 23. 03. 14 021:53 07

    fatemi sapre grazie.ACQUISTATO AL BENNET.

  4. Per chi conosce il confezionamento “igienico”, o “asettico” in vasetti presanificati con acqua ossigenata ed asciugati in linea prima del dosaggio protetto dell’alimento, è chiarissimo che il rischio di residui è praticamente inesistente su interi lotti. Può essere eventualmente limitato ad alcuni momenti temporali ristrettissimi (pochi secondi) se vengono rispettate certe procedure precauzionali di scarto alle ripartenze dopo sosta della confezionatrice, ed anche in tal caso eventuali tracce si decompongono in ossigeno ed acqua in tempi brevi compatibili con quelli di produzione e magazzinaggio. Il caso deve essere un incidente veramente limitato ad una infinitesima frazione di lotto. Corretta e larghissimamente precauzionale la procedura di ritiro del lotto. Nessun pericolo per i consumatori.