Home / Sicurezza Alimentare / Bambini: il cibo è tra le principali cause di soffocamento. I consigli del Ministero della salute a genitori ed educatori. Raccomandazioni anche per industria e ristorazione

Bambini: il cibo è tra le principali cause di soffocamento. I consigli del Ministero della salute a genitori ed educatori. Raccomandazioni anche per industria e ristorazione

Il soffocamento rimane una delle principali cause di morte per i bambini sotto i tre anni, in particolare con il cibo

Ogni anno in Europa muoiono soffocati 500 bambini e il soffocamento rimane una delle principali cause di decesso per i bimbi sotto i tre anni di età. Nel nostro paese sono mille gli incidenti che ogni anno richiedono l’ospedalizzazione, mentre il numero di eventi che non richiedono l’intervento medico risulta vicino agli 80 mila. Tra le principali cause di soffocamento in età pediatrica c’è il cibo. Per questo motivo il Ministero della salute ha pubblicato nuove linee guida, redatte da un gruppo multidisciplinare di esperti coordinato dalla Direzione generale per l’igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione (DGISAN).

Secondo i dati del registro SusySafe, che classifica gli  incidenti causati da corpi estranei nei minori da zero a 14 anni, un terzo dei casi di soffocamento è imputabile a piccole ossa di pollo e lische di pesce (32%), seguiti da noccioline (22%) e semi (16%). Non sono comunque questi gli alimenti più pericolosi, cioè quelli che si associano più spesso a esiti fatali: sono invece i würstel i più letali secondo lo studio.

Gli esperti concordano sul fatto che i cibi che più frequentemente causano incidenti abbiano alcuni elementi comuni. Sono pericolosi sia gli alimenti di piccole dimensioni (come semi e noccioline), che possono finire interi nelle vie aeree, sia quelli troppo grandi, che i bambini piccoli faticano a masticare. Anche il  cibo dalla forma rotonda (uva, ciliegie, pomodorini) e cilindrica (carote, würstel) si presta a bloccare le vie aeree. Sono pericolosi pure gli alimenti duri e fibrosi, difficili da masticare per la dentatura di un bambino, ma anche quelli appiccicosi, difficili da rimuovere se aspirati, e quelli comprimibili (come i marshmallows), che, se deglutiti interi, possono prendere la forma delle vie aeree e bloccarle completamente.

bambina mangiare
L’alimento che più spessa causa incidenti fatali è il würstel, per la sua forma e la sua consistenza

Il consiglio per le famiglie e gli educatori non è di evitare questi alimenti (con alcune eccezioni), ma di prepararli nel modo migliore per ridurre al minimo il rischio di soffocamento. Si raccomanda di tagliare gli alimenti in pezzi piccoli, di sezionare in quarti quelli tondi e predisporre listarelle per quelli cilindrici. Si consiglia anche di eliminare tutte le nervature e i filamenti in grado di ostacolare la masticazione e cuocere i cibi fino a quando non diventano morbidi. Gli alimenti appiccicosi vanno invece spalmati sul pane in strati sottili e non somministrati a cucchiaiate.

Fino ai quattro o cinque anni, però, sarebbe meglio evitare alcuni alimenti. Si tratta di frutta secca e semi, come le arachidi e le noccioline che possono essere facilmente aspirate. La stessa cosa vale per le caramelle dure. Stop anche a marshmallow, gelatine e gomme da masticare, dalle consistenze gommose, e a popcorn e patatine che possono ostruire le vie aree se aspirati interi o in pezzi.

Gli esperti consigliano anche alcune regole di comportamento durante il pasto per ridurre il rischio di soffocamento

Dato che la maggior parte degli incidenti si verifica in presenza di adulti, gli esperti consigliano anche alcune regole di comportamento per ridurre il rischio di incidenti. Il bambino dovrebbe mangiare in un ambiente tranquillo, seduto a tavola con la schiena dritta, evitando il più possibile distrazioni come giochi e cartoni animati. Inoltre è bene incoraggiare il piccolo a masticare bene prima di deglutire, evitando grossi bocconi. Allo stesso modo non bisogna forzare se non ha fame o non gradisce il piatto. Infine, è fondamentale che il piccolo non mangi da solo: solamente in questo modo è possibile intervenire tempestivamente se un boccone va di traverso.

Il documento contiene anche raccomandazioni per l’industria alimentare e la ristorazione. All’industria si consiglia di progettare gli alimenti in modo da minimizzare il rischio di soffocamento. Quando ciò non è possibile gli esperti consigliano di segnalare il pericolo in etichetta. Per la ristorazione che fornisce i pasti a scuole e asili si ipotizza di introdurre l’obbligo di seguire queste regole nella preparazione degli alimenti più pericolosi e garantire la presenza di operatori formati sul rischio in modo da riconoscere i segnali di soffocamento e intervenire al più presto.

© Riproduzione riservata

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati …