Home / Agnese Codignola

Agnese Codignola

Agnese Codignola

giornalista scientifica

Mele e pesticidi: uno studio svela i metodi più efficaci per eliminare la maggior parte delle sostanze chimiche dalla superficie della buccia

Per ridurre la concentrazione di pesticidi presenti sulle mele il sistema più efficace è anche quello più semplice ed economico: immergere il frutto in una soluzione di bicarbonato. Questo sistema è sufficiente, secondo i test effettuati dai ricercatori dell’Università del Massachussett di Amherst, a rimuovere la quasi totalità dei prodotti chimici presenti. Negli esperimenti, di cui ha dato conto il …

Continua »

Benessere animale, gli impegni di McDonald’s e Nestlé per migliorare le condizioni di polli e galline ovaiole: addio alle gabbie, luce e spazio garantiti. Critiche alcune associazioni

polli

Buone notizie per i polli e le galline da allevamento: due colossi dell’agroalimentare si muovono per migliorare le condizioni di vita di questi animali, trascinando in questo nuovo approccio anche molte aziende che lavorano al loro servizio. La società più famosa è McDonald’s, che ha annunciato un grande piano, messo a punto con l’aiuto dell’esperta di benessere animale Temple Grandin, …

Continua »

Neonicotinoidi, storia degli insetticidi accusati della scomparsa delle api. Efsa e Epa vicine alla pubblicazione di nuovi rapporti su queste sostanze

Saranno mesi decisivi per i neonicotinoidi, gli insetticidi tra i più usati ma anche sotto accusa da anni per la scomparsa delle api e non solo. Nelle prossime settimane l’Efsa completerà il suo ultimo rapporto e darà indicazioni sull’opportunità o meno di vietarne l’impiego, ed entro il 2018 la US Environmental Protection Agency farà lo stesso. A partire da inizio anno, …

Continua »

Attenzione ai superfood. Le bacche di goji possono scatenare reazioni allergiche, anche di grave entità. L’appello degli allergologi francesi

Nella medicina cinese sono impiegate per il trattamento dell’infertilità maschile, come tonici, per le malattie respiratorie e per proteggere reni e fegato, nonché per stimolare il sistema immunitario e prevenire l’invecchiamento. In effetti contengono ben 18 aminoacidi, otto dei quali essenziali (cioè non prodotti dall’organismo), vitamine come la B1, la B2, la B6, la C e la E, oltre a …

Continua »

“Food evolution”: un film per capire gli OGM. Dalla “papaya rainbow” agli studi manipolati, viaggio tra i fatti e la disinformazione sulle piante transgeniche

Quando si parla di OGM, la maggior parte delle persone si immagina piante di granoturco e soia transgeniche, in cui è stato inserito il gene di un altro organismo, nate dai semi prodotti da colossi come Monsanto. In realtà negli ultimi 30 anni la ricerca nell’ambito delle biotecnologie agrarie si è mossa in altre direzioni e, con l’avvento dell’editing genetico, …

Continua »

Nuove etichette nutrizionali, gli americani le vogliono subito. Otto cittadini Usa su dieci desiderano più informazioni e trasparenza. Il sondaggio Thomson Reuters

Sulle etichette nutrizionali, l’opinione pubblica statunitense non la pensa come il suo Presidente e nemmeno come la Food and Drug Administration. La Casa Bianca ha già rinviato una volta l’entrata in vigore dell’obbligo di indicare la presenza di zuccheri, calorie e ingredienti OGM, previsto da Barack Obama per il luglio 2018. Ora la Fda ha proposto di aspettare ancora tra …

Continua »

Troppi antibiotici negli allevamenti, l’appello dei ricercatori su Science. Proposte, limiti e misure per ridurre l’uso e fermare l’avanzata dei superbatteri

farmaci veterinari

Negli Stati Uniti, circa l’80% degli antibiotici prodotti non viene usato nell’uomo ma negli animali da allevamento. Nel 2013 nelle stalle e nei capannoni di tutto il mondo sono state profuse 131 mila tonnellate di questi farmaci, un quantitativo triplo rispetto a quello utilizzato dagli umani, destinato a salire all’iperbolica cifra di 200 mila tonnellate entro il 2030, se non si …

Continua »

La guerra al mercurio dell’Oms: via da tutti i prodotti. Ma il metallo è ovunque

Nella città giapponese di Minamata, tra il 1932 e il 1968, il rilascio costante di metilmercurio da parte dell’azienda chimica Chisso causa un’intossicazione acuta della popolazione, che ne assume quantità enormi attraverso la catena alimentare. Nel 2001 vengono riconosciute 2.165 vittime del mercurio (1.784 delle quali decedute)  e vengono accordati risarcimenti a oltre 10 mila abitanti della zona, mentre i …

Continua »

Pesci in provetta: come per la carne, allo studio sostituti del pesce creati in laboratorio. Negli Usa, un incidente libera 300 mila salmoni di allevamento

Anche se l’attenzione dei media internazionali è concentrata sui tentativi di mettere a punto sostituti accettabili della carne, qualcuno sta lavorando anche su quelli del pesce, visto l’inarrestabile impoverimento dei mari e i molti problemi generati dall’acquacoltura. Le centinaia di migliaia di salmoni atlantici fuggiti da un allevamento situato nelle acque del Pacifico, con le inevitabili criticità ce i danni …

Continua »

Salmoni, negli allevamenti la metà sono sordi. Secondo uno studio dell’Università di Melbourne la colpa è nella velocità di crescita

salmone

Un salmone di allevamento su due è sordo e, anche se in acqua i suoni possono essere pochi, il fatto è preoccupante per diversi motivi. Ma ora finalmente, dopo oltre cinquant’anni di ipotesi senza conferme, un gruppo di ricercatori dell’Università australiana di Melbourne ha capito perché, e indicato quindi la via per correre prima possibile ai ripari. I pesci in …

Continua »

Alcol e cancro: strategie di distrazione di massa, come per il tabacco e le soda. Le tecniche sono: negare, distorcere e distrarre

Negare, distorcere e distrarre: così si getta efficacemente fumo su ciò che i dati dimostrano senza possibilità di errore, e si continua a vendere, fin quando si riesce. Così hanno insegnato a fare le multinazionali del tabacco. Così hanno fatto fino a pochissimo tempo fa quelle delle bevande zuccherate. E così – è quanto emerge da un’accurata indagine appena pubblicata …

Continua »

Cani e gatti : il consumo di carne degli animali domestici americani equivale a quello della la quinta nazione al mondo. Come ridurre l’impatto dei pets sul pianeta?

Sono sempre di più, e la loro presenza è associata a significativi effetti benefici sulla salute degli umani. Ma cani e gatti, i più comuni animali domestici, mangiano anche un quantitativo di carne che probabilmente nessuno immagina, contribuendo non poco al consumo di risorse legato agli allevamenti intensivi. Per questo Gregory Okin, ricercatore dell’Università della California di Los Angeles, ha …

Continua »

Meatonomics: i retroscena economici del consumo di carne raccontati in un libro che ha fatto discutere negli Stati Uniti

I consumatori non sono messi nella condizione giusta per poter scegliere consapevolmente, a causa dell’insieme di messaggi sbagliati, normative accomodanti e tassazioni agevolate. Per questo continuano a mangiare troppa carne, a prescindere dalle conseguenze sulla salute e sul pianeta. E sono incoraggiati a mangiarne sempre di più: il consumo, secondo l’ultimo rapporto della Chatham House, aumenterà del 75% entro il …

Continua »

La CO2 minaccia la dieta: meno proteine, ferro e zinco nei vegetali se aumenta l’anidride carbonica nell’atmosfera. Colpiti riso, avena, orzo e patate

riso

C’è una conseguenza poco conosciuta dell’aumento di CO2 nell’atmosfera: l’impoverimento del contenuto proteico di molte piante tra le quali il grano, l’avena, il riso, le patate e l’orzo. E ciò significa che, se non verranno presi provvedimenti urgenti, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo saranno presto in uno stato di denutrizione. È allarmante lo studio pubblicato su …

Continua »

Il supersalmone arriva sulle tavole dei canadesi. Via libera definitivo alla commercializzazione del primo animale geneticamente modificato per l’alimentazione umana

Dopo 25 anni, il momento tanto atteso da alcuni e temuto da molti è arrivato: il supersalmone Aquabounty, geneticamente modificato (GM) e grosso il doppio della media, è arrivato sulle tavole dei canadesi, aspettando di conquistare anche quelle degli statunitensi. Dopo la prima autorizzazione del 2016 le autorità sanitarie di Ottawa hanno infatti dato il via libera definitivo alla commercializzazione …

Continua »