Home / Sicurezza Alimentare / Arsenico: anche l’ultimo farmaco usato come additivo nel mangime per animali è stato ritirato dalla FDA negli Stati Uniti

Arsenico: anche l’ultimo farmaco usato come additivo nel mangime per animali è stato ritirato dalla FDA negli Stati Uniti

arsenico mangimi pollo
Anche l’ultimo farmaco a base di arsenico aggiunto ai mangimi è stato ritirato

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha disposto il ritiro dal mercato, entro la fine dell’anno, dello Histostat, il cui principio attivo è il nitarsone, l’ultimo farmaco all’arsenico utilizzato come additivo nel mangime per il pollame, soprattutto tacchini, ancora in commercio negli Usa. Il nitarsone è utilizzato per prevenire l’istomoniasi o malattia della testa nera, causata da un parassita. Il ritiro è stato disposto perché il farmaco contiene arsenico organico, che può trasformarsi in arsenico inorganico, un noto cancerogeno.

 

Nel 2011, era stato ritirato dal mercato un farmaco analogo, il roxarsone, dopo che uno studio aveva trovato alti livelli di arsenico inorganico nei polli nutriti con questo additivo. Due anni dopo erano stati ritirati altri due farmaci all’arsenico utilizzati come additivi nei mangimi per animali: il carbarsone e l’acido arsanilico. Come riferisce Agri-Pulse, gli allevatori statunitensi di tacchini, riuniti nella National Turkey Federation, hanno contestato la decisione della FDA relativa al nitarsone, perché basata sullo studio relativo all’utilizzo sui polli di un farmaco analogo ma chimicamente differente, mentre nessuno studio specifico è stato condotto su eventuali effetti del nitarsone sui tacchini.

 

 Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

 

 

 

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati …