Home / Sicurezza Alimentare

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Piano del ministero della Salute per contrastare la resistenza agli antibiotici. Obiettivo di riduzione del 30% di questi farmaci negli allevamenti entro il 2020

Per contrastare l’antibiotico resistenza, cioè lo sviluppo di super batteri in grado di resistere anche ai più potenti antibiotici, il ministero della Salute ha presentato un Piano nazionale, che si ispira a un approccio unitario per combattere il cattivo uso di questi farmaci nell’uomo come negli animali. Il piano prevede anche di monitorarne la presenza anche negli alimenti e nell’ambiente, …

Continua »

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati dai terreni contaminati da Pfas, sostanze perfluoroalchiliche riconosciute come interferenti endocrini correlati a patologie riguardanti pelle, polmoni e reni. L’inquinamento, scoperto nel 2013, interessa una sessantina di Comuni nelle province di Vicenza, Verona e Padova, e probabilmente è in corso da decenni dato che la principale fonte sospettata …

Continua »
te

Test sul tè nero e verde: bene quelli bio, male gli Earl Grey Twinings e Lipton: troppi contaminanti. Il confronto fatto in Francia da 60 Millions

Il tè è una delle bevande calde preferite dai consumatori. Per questo il magazine francese 60 Millions des consommateurs ha portato in laboratorio 16 confezioni di Earl Grey (tè nero al bergamotto) e 10 di tè verde alla menta, le varietà più vendute nei supermercati francesi. Dalle analisi è emersa una presenza diffusa di contaminanti, naturali e anche artificiali, che …

Continua »

Sicurezza alimentare e made in Italy non sempre vanno a braccetto. I controlli sono tanti ma si può ancora migliorare

I motivi per cui scatta un’allerta alimentare sono tanti: ci può essere un errore in etichetta, un allergene non dichiarato, un documento di accompagnamento non valido… oppure un problema in grado di provocare serie ripercussioni sulla salute dei consumatori, come una contaminazione batterica o la presenza di metalli pesanti oltre i limiti consentiti. Quando una di queste problematiche interessa un …

Continua »
frusta uova cucinare

Gran Bretagna, dopo 29 anni revocato l’allarme salmonella per le uova crude o poco cotte, purché certificate. Polemiche su decenni di diffusione di paura nei confronti di uno degli alimenti naturali nutrizionalmente migliori

Al termine di una consultazione pubblica, la britannica Food Standards Agency (FSA) ha rivisto la sua precedente posizione assunta nel 1988, che sconsigliava il consumo di uova crude o poco cotte a gruppi di persone vulnerabili, come donne incinte, bambini e anziani. Secondo un rapporto di esperti sul rischio microbiologico degli alimenti, la sicurezza delle uova in Gran Bretagna è notevolmente migliorata e …

Continua »

Attenzione ai superfood. Le bacche di goji possono scatenare reazioni allergiche, anche di grave entità. L’appello degli allergologi francesi

Nella medicina cinese sono impiegate per il trattamento dell’infertilità maschile, come tonici, per le malattie respiratorie e per proteggere reni e fegato, nonché per stimolare il sistema immunitario e prevenire l’invecchiamento. In effetti contengono ben 18 aminoacidi, otto dei quali essenziali (cioè non prodotti dall’organismo), vitamine come la B1, la B2, la B6, la C e la E, oltre a …

Continua »

Occhio alle zucche, non tutte si possono mangiare! In Francia 350 intossicazioni in cinque anni. Le raccomandazioni dell’Anses

L’autunno è la stagione delle zucche, che con la festa di Halloween invadono i banchi di negozi e supermercati. Ma non tutte le zucche in commercio sono commestibili. Lo ricorda l’Anses – l’agenzia nazionale francese per la sicurezza e la salute degli alimenti, dell’ambiente e del lavoro – in un articolo pubblicato sul proprio magazine, VigilAnses, che punta il dito …

Continua »

Istamina nel tonno dovuta a problemi di temperatura nella catena di approvvigionamento. Il rapporto Efsa su 30 segnalazioni del Rasff

L’autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha pubblicato un rapporto sulle centinaia di casi di intossicazione alimentare causati dall’eccesso di istamina nel tonno proveniente da fornitori spagnoli e messicani, che negli ultimi anni hanno colpito consumatori europei, in particolare in Spagna, Italia, Francia, Croazia e Danimarca. L’assistenza scientifica dell’Efsa nell’indagine sulle cause di queste contaminazioni era stata richiesta dalla …

Continua »

Il Belgio concede deroghe alle temperature e alla durata di conservazione di alcuni alimenti. Circolare dell’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare

In Belgio, l’Agenzia federale per la sicurezza della catena alimentare (Afsca) ha deciso alcune deroghe alle temperature stabilite dalla legge del 2014 per la conservazione di alcuni prodotti alimentari nel commercio al dettaglio e contemporaneamente ha fissato la temperatura e la durata di conservazione per alcuni prodotti che non erano regolamentati. Le regole valgono per tutte le fasi del commercio …

Continua »
pesce pescheria

Microsensori biodegradabili per misurare la temperatura degli alimenti freschi: si potranno ingerire insieme al cibo. I risultati di una ricerca del Politecnico di Zurigo

Un gruppo di ricercatori del Politecnico di Zurigo ha messo a punto dei microsensori ultrasottili, biocompatibili e biodegradabili, da applicare sugli alimenti per misurare la temperatura dei prodotti alimentari freschi lungo la filiera.  I sensori sono in grado di trasmettere i dati via Bluetooth a un computer in un raggio di 20-30 metri. Ma la vera novità è che possono …

Continua »
farmaci veterinari

Troppi antibiotici negli allevamenti, l’appello dei ricercatori su Science. Proposte, limiti e misure per ridurre l’uso e fermare l’avanzata dei superbatteri

Negli Stati Uniti, circa l’80% degli antibiotici prodotti non viene usato nell’uomo ma negli animali da allevamento. Nel 2013 nelle stalle e nei capannoni di tutto il mondo sono state profuse 131 mila tonnellate di questi farmaci, un quantitativo triplo rispetto a quello utilizzato dagli umani, destinato a salire all’iperbolica cifra di 200 mila tonnellate entro il 2030, se non si …

Continua »

Sicurezza alimentare e comunicazione del rischio: il Ministero della salute vuole fare di meglio. Obiettivi e impegni destinati a rimanere sulla carta?

Capita di frequente che il rischio percepito dai consumatori nell’ambito alimentare non corrisponda al rischio sanitario reale. Questa percezione sbagliata genera sfiducia e porta anche a sottovalutare i rischi reali legati alla sicurezza alimentare. La maggioranza delle persone ad esempio si preoccupa dei contaminanti chimici presenti nel cibo come la diossina, ma tende a sottovalutare i rischi microbiologici causati da …

Continua »

OGM negli alimenti: i risultati dei controlli nel 2016. Rapporto del ministero della Salute, che dà una valutazione positiva

Il ministero della Salute ha pubblicato i risultati, relativi al 2016, del Piano nazionale di controllo ufficiale sulla presenza di organismi geneticamente modificati negli alimenti. Le verifiche sono state effettuate da tutte le regioni e sono stati analizzati 682 campioni, rispetto al minimo stabilito di 628. Di questi 579 riguardano il circuito convenzionale e 103 quello biologico. Poi ci sono 123 …

Continua »

La guerra al mercurio dell’Oms: via da tutti i prodotti. Ma il metallo è ovunque

Nella città giapponese di Minamata, tra il 1932 e il 1968, il rilascio costante di metilmercurio da parte dell’azienda chimica Chisso causa un’intossicazione acuta della popolazione, che ne assume quantità enormi attraverso la catena alimentare. Nel 2001 vengono riconosciute 2.165 vittime del mercurio (1.784 delle quali decedute)  e vengono accordati risarcimenti a oltre 10 mila abitanti della zona, mentre i …

Continua »

Amazon ha venduto per sei mesi del burro di soia richiamato. Quale attenzione dell’e-commerce verso la sicurezza alimentare?

Amazon.com ha continuato a vendere un prodotto alimentare ritirato dagli scaffali dei supermercati americani per sei mesi dopo la data del provvedimento. La notizia è riportata da Food Safety News. Al centro delle polemiche c’è il burro di soia, un sostituto del burro di arachidi, a marchio I.M. Healthy prodotto da Dixie Dew Products Inc. I Centers for Disease Control …

Continua »