Home / Lettere

Lettere

Povera pasta: GranoSalus sbarca alla Camera dei Deputati con bufale e mezze verità. Le perplessità di un lettore

GranoSalus, l’associazione che nelle scorse tanto ha fatto parlare di sè per le accuse allarmistiche a diversi grandi marchi di pasta di usare grano estero contaminato (di cui Il Fatto Alimentare ha già parlato), il 16 marzo ha tenuto una conferenza stampa presso la Camera dei Deputati. Un lettore ci scrive per condividere le sue perplessità riguardo ad alcuni punti …

Continua »
chips

Ingredienti coperti da Copyright. I marchi registrati sono permessi nel settore alimentare? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Tra gli ingredienti su un sacchetto di patatine fritte di una nota marca italiana, leggo che vengono cotte in un mix di oli di cui in etichetta ne vengono riportati solo due, palma e girasole. La composizione totale di questo mix non è resa nota dall’azienda produttrice in quanto, avendogli dato un nome e avendolo giustificato come una scoperta nel settore, …

Continua »

Per la rivista Focus Junior sostenere che “L’olio di palma fa male e non è eco” è una bufala. La segnalazione di una lettrice che ricorda al giornale i pareri dell’Iss dell’Efsa

Una lettrice esprime qualche perplessità su alcune affermazioni relative all’olio di palma contenute nel dossier sulle bufale pubblicato su Focus Junior. Ecco la  lettera inviata in redazione. Buongiorno, vi scrivo perché sono rimasta davvero basita trovando sul n.158/2017 di Focus Junior, nell’articolo “Bufale: come riconoscerle?”, un trafiletto intitolato “La bufala del momento. L’olio di palma fa male e non è …

Continua »

Acqua Vera Nestlé: il residuo fisso è diverso a seconda della fonte. In Italia tre diverse acque minerali

Vorrei segnalare l’aumento del residuo fisso a 180°C dell’acqua Vera Naturae (naturale) della Nestlé. È passato da 162mg\l a ben 438mg\l! Al servizio consumatori mi hanno detto che la fonte è cambiata per cui anche il valore del residuo fisso è modificato. Con i nuovi valori è comunque rimasta nella categoria delle oligominerali? Non è stata effettuata nessuna comunicazione ai clienti! …

Continua »

Uova di Pasqua “senza olio di palma” è possibile? Certo, spiega l’avvocato Dario Dongo

La nostra azienda si accinge a promuovere uova pasquali di cioccolato (al latte e fondente), evidenziando in etichetta l’assenza di olio di palma. Abbiamo fatto questa scelta a seguito del parere scientifico dell’Efsa, che ha messo in evidenza i rischi per la salute dei bambini legati alla presenza di contaminanti pericolosi. Abbiamo però avuto notizia di opinioni discordanti dell’Associazione delle …

Continua »

Kinder Gransorpresa: l’uovo di Pasqua della Ferrero ha una denominazione complessa. Risponde l’avvocato Dario Dongo

Mentre spulciavo nel web notizie sulle uova di Pasqua ho ritrovato un vostro articolo con un nota sugli ovetti della Ferrero. Lasciando perdere ogni considerazione sui prezzi che in generale sembrano legati ai personaggi e alle sorprese, riguardavo l’etichetta dell’uovo Kinder Gran Sorpresa e mi chiedo se sia corretta la denominazione commerciale che compare sull’etichetta del prodotto: “uovo dolce con sorpresa …

Continua »

Pasta Barilla integrale: una porzione apporta il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre. Perché non compaiono nelle assunzioni di riferimento?

Gentile redazione, mi è capitata questa scatola di pasta Barilla integrale e vedo che sul retro hanno scritto il claim che una porzione fornisce oltre il 20% del fabbisogno giornaliero di fibre. Nella tabella nutrizionale il campo delle AR (Assunzioni di riferimento) per la fibra è vuoto. Cosa ne pensa il vostro avvocato? Viola Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di …

Continua »

È corretto evidenziare in etichetta un ingrediente presente in minima quantità? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Vorrei un vostro parere sulle etichette di due zuppe vegan bio senza glutine della Germinal. La prima è presentata come “Vellutata Zucca Carote con Semi di Amaranto”, la seconda “Vellutata Spinaci Ceci con Semi di Canapa”, però mi sembra che di questi semi ce ne siano pochissimi. Le due zuppe non costano neppure poco, quattro euro circa. Le sembra giusto? Elisa …

Continua »
vino uva vigneto

Solfiti nel vino biologico: scontro in Europa per stabilire i livelli. La lettera di Roberto Pinton di AssoBio spiega come si è arrivati alla normativa che regola il settore

Riceviamo e ripubblichiamo questa lettera di Roberto Pinton, segretaro di AssoBio, in merito all’annosa questione dell’aggiunta di solfiti nel vino biologico. Paesi produttori come Italia, Spagna, Portogallo e Grecia e quelli scandinavi (che non producono vino, ma ne bevono) sostenevano che il livello di solfiti nel vino poteva essere di gran lunga ridotto. Tuttavia altri Paesi, in particolare Germania e …

Continua »

Vino biologico, con o senza solfiti? L’avvocato Dario Dongo risponde ai dubbi di un lettore

Ho una domanda in merito al vino biologico che uso da anni. Cercando tra gli scaffali del supermercato mi sono imbattuto in una bottiglia con l’indicazione sull’etichetta della frase “contiene solfiti”. Non  pensavo che fosse possibile, è legale? Sergio Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto in diritto alimentare. Il  regolamento europeo (1) che ha introdotto la possibilità di designare il vino …

Continua »

Würstel vegetale con uovo: la dicitura è corretta? Il parere dell’avvocato Dario Dongo e dell’azienda

Vorrei segnalarvi una sospetta anomalia sulla confezione del “Würstel Vegetale Vita Leggera” prodotto dalla Principe di San Daniele S.p.A. Si evince a chiare lettere che dovrebbe trattarsi di un prodotto vegetale, quindi privo di proteine animali. Eppure fra gli ingredienti si legge “albume d’uovo”. Vorrei chiedervi se la cosa sia corretta e legale. Flavio Ecco la risposta dell’azienda Principe di …

Continua »

Il whisky scozzese venduto da Crai è imbottigliato a Brescia. Com’è possibile? Rispondono l’avvocato Dario Dongo e l’azienda

Questa mattina ho acquistato, presso il supermercato Prestofresco (del gruppo Crai) di via Troya a Torino, una bottiglia di whisky. L’etichetta è: Highland Blended Scotch Whisky, ma leggo, nell’etichetta posteriore della bottiglia: prodotto da Crai, imbottigliato nello stabilimento di via Vanzago 9/A di Paratico (BS). La domanda è semplice: ma è vero whisky scozzese?  Vi informo che il prezzo della bottiglia è di …

Continua »

Anidride solforosa negli alimenti: va sempre indicata tra gli ingredienti? Risponde l’avvocato Dario Dongo

Vi scrivo per conto dell’azienda in cui lavoro: in parecchi nostri prodotti non indichiamo tra gli ingredienti sull’etichetta, l’allergene “anidride solforosa”, in quanto presente in valori bassissimi (0,05 mg di SO2 per kg di prodotto), quindi abbondantemente sotto i 10mg/kg di limite. La presenza va comunque indicata in scheda tecnica e in etichetta? Ricordo di aver letto un articolo dell’avvocato Dario Dongo …

Continua »

Formaggio con olio vegetale e la scritta “basso colesterolo”! I dubbi di un lettore sull’etichetta. Risponde l’avvocato Dario Dongo

Ho trovato nel banco frigo di un supermercato PIM, a Roma, un formaggio di nome Trenta, della marca Westland, con la scritta “Basso Colesterolo” che presenta un’etichetta non facile da capire (vedi foto sotto). Vorrei avere un vostro parere e una spiegazione. Elsa Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare. Il prodotto in esame a ben vedere, pur trovandosi in …

Continua »

Alici di Cetara Zarotti prodotte in Albania: è una pratica corretta? Risponde l’avvocato Dario Dongo. Replica l’azienda

Ho comprato da Esselunga un vasetto di alici pubblicizzate come “Alici di Cetara” della ditta Zarotti. Peccato però che siano prodotte in Albania e non a Cetara, il noto comune di Salerno! Massima delusione. Francesca Risponde l’avvocato Dario Dongo, esperto di diritto alimentare. L’impiego del nome “Cetara” in caratteri cubitali sul fronte dell’etichetta induce sicuramente il consumatore a credere che …

Continua »