Home / Allerta / Cartoni per pizza al piombo: scatta l’allerta alimentare in 30 pizzerie della Valle d’Aosta (Revocata dopo 6 mesi)

Cartoni per pizza al piombo: scatta l’allerta alimentare in 30 pizzerie della Valle d’Aosta (Revocata dopo 6 mesi)

pizza cartone
Aggiornamento luglio 2013: l’allerta è stata revocata.
Sul sito della Regione si legge: “In riferimento agli esiti conformi della revisione d’analisi dei campioni comunicati dalla S.C. Igiene degli alimenti e della nutrizione dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta in data 19/06/13, si comunica che l’allerta in oggetto viene revocata”. (Per maggiori dettagli cliccare qui)

 

Il sistema di allerta alimentare della Valle d’Aosta segnala il ritiro dal mercato di due lotti di cartoni per pizza e calzone. Il motivo è un possibile eccesso di piombo nella cellulosa impiegata come materia prima. Secondo quanto riferito dall’allerta entrambi i lotti sono in corso il ritiro o già ritirati da 30 pizzerie localizzate nella regione.

 

Ogni giorno in Italia oltre 1,5 milioni di pizze vengono preparate e trasportate in confezioni di cartone, che per legge devono essere realizzate con cellulosa vergine. La legge italiana è una delle più severe in Europa e vieta l’impiego per i contenitori delle pizze di materiale riciclato e anche la presenza di scritte all’interno. Queste precauzioni sono necessarie al fine di evitare qualsiasi contaminazione di un alimento come la pizza che essendo umido e ricco di grassi  è in grado di estrarre dal cartone sostanze sgradite soprattutto quando viene impacchettata calda. Stiamo parlando di piombo, ftalati e altre sostanze tossiche presenti nel cartone riciclato.

Nel contenitore di cartone la temperatura può raggiungere i 60/65°C  e le pizze appena uscite dal forno restano all’interno per diversi minuti. Si tratta di condizioni ideali a favorire la migrazione.

 

Valeria Nardi

 

Prodotto

Lotti

Tipo di rischio

Ditta produttrice /distributrice

Punti vendita della Valle d’Aosta dove è stato distribuito

Data di notifica al servizio

Provvedimenti / Esito accertamenti

Cartoni per pizza mod. 40x30x5

Lotto: n. prod. 18

 

rischio chimico (presenza di piombo)

Ditta produttrice:

Cartotecnica Casali S.r.l.,

Corso Torino, 118/19, 27029 Vigevano (PV)

Ditta distributrice:

Caseificio Valdostano S.r.l.,

Loc. Autoporto, 14/T 11020 Pollein (AO)

Elenco esercizi interessati

18/01/2013

in fase di ritiro e/o già ritirato

Cartoni per calzone

Lotto: n. prod. 366

Elenco esercizi interessati

 

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Sliced salami on a wood board

Listeria in salame italiano e tetrodotossina in ostriche dai Paesi Bassi… Ritirati dal mercato europeo 72 prodotti

Nella settimana n°26 del 2016 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per ...

Un commento

  1. Con tutte le certificazioni che vengono chieste a tutte le aziende produttrici di qualsiasi prodotto vedi iso 9001 etc.,come e’ possibile che cartoni trattati con cellulosa non vergine arrivino nelle pizzerie.E’ difficile da capire perche vengono spesi tanti soldi dietro questi sistemi di qualita’ e compagnia cantante ma le pecche vengono sempre fuori e spesso da paesi anche piu’ all’avanguardia dell’Italia.