Home / Pianeta / Gran Bretagna, zuccheri aggiunti nel 60% dell’acqua di cocco. 400 tonnellate sono state sequestrate o rimosse dal mercato

Gran Bretagna, zuccheri aggiunti nel 60% dell’acqua di cocco. 400 tonnellate sono state sequestrate o rimosse dal mercato

In Gran Bretagna, un’inchiesta della Food Standards Agency (FSA) sull’acqua di cocco ha scoperto la presenza di zuccheri aggiunti nel 60% dei campioni analizzati, nonostante in etichetta dichiarassero che la bevanda era pura e senza additivi.

La National Food Crime Unit ha intercettato le partite di acqua di cocco di importazione nel porto di Felixstowe all’inizio dell’anno, e ha analizzato diversi campioni di 12 marche, sette delle quali sono risultate contenere sostanze a base di zucchero aggiunte come amido, canna da zucchero e mais. Tre campioni riportavano sulla confezione anche indicazioni nutrizionali e relative alla salute non autorizzate, attribuendo per esempio improbabili proprietà antiossidanti.

400 tonnellate di acqua di cocco sequestrate in Gran Bretagna per la presenza di zuccheri aggiunti non dichiarati in etichetta

Come riferisce The Grocer, che nell’agosto 2016 aveva effettuato un’indagine evidenziando  l’adulterazione delle acque di cocco, lo zucchero aggiunto è stato trovato dalla Food standard agency (Fsa) in campioni firmati: Chi, Foco, Go Coco, Tropical Sun, Suncrest, Yaco e Pearl Royal. Quasi 400 tonnellate di acqua di cocco sono state sequestrate, anche se non presentavano rischi per la salute.

Tropical Sun ha assicurato che nessuna delle confezioni adulterate, bloccate dalla FSA  avrebbe raggiunto gli scaffali, perché l’azienda effettua analisi in proprio e avrebbe scoperto la frode. Il consumo di acqua di cocco è in forte crescita negli ultimi anni e la maggior parte proviene dal Brasile e da quattro paesi asiatici: Thailandia, Filippine, Indonesia e Sri Lanka.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Ridurre gli imballaggi e dare una seconda vita agli oggetti: gli obiettivi della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

La nona edizione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti che si svolge dal …

2 Commenti

  1. Mi piacerebbe sapere cosa ce li mettono a fare gli zuccheri se le aziende importatrici non li vogliono.

  2. La notizia è molto grave, considerando che gli eccessi dizuccheri possono essere la causa primaria di molte malattie “occidentali” (obesità, diabete, etc)