Home / Pubblicità & Bufale / Webeers: censurato un post dell’azienda. Secondo lo Iap il messaggio è diseducativo per il pubblico

Webeers: censurato un post dell’azienda. Secondo lo Iap il messaggio è diseducativo per il pubblico

Webeers
WeBeers è il portale dedicato alla vendita online di birra artigianale

Il Comitato di controllo dello Iap ha censurato il post dell’azienda WeBeers “Ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere”, apparso su Facebook il 19 maggio 2017 perché in contrasto con il Codice di autodisciplina pubblicitaria. La  scritta “Ho letto che bere fa male, ho smesso di leggere” abbinata anche alla possibilità di usufruire di un buono sconto, sembrerebbe esortare il pubblico al consumo di birra, trascurando il fatto che la comunicazione commerciale di bevande alcoliche deve fare riferimento ad assunzioni consapevoli e responsabili.

Il tema dell’alcol è estremamente delicato, per le implicazioni sociali e individuali che comporta. A prescindere dall’eventuale intento ironico che WeBeers voleva presumibilmente veicolare, si ritiene che la comunicazione in oggetto trasmetta un messaggio fortemente diseducativo per i destinatari, in particolare i giovani. Il pubblico sembrerebbe spinto a non dare peso al fatto che un consumo eccessivo di alcol sia pericoloso, ma piuttosto a chiudere gli occhi davanti alle evidenze e continuare a farlo.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Roberto La Pira

Roberto La Pira

Giornalista; dr in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Le bugie di Coldiretti su Repubblica.it. Come inventare dati allarmanti sul grano importato, citando anche i rapporti del Ministero della Salute

Oggi un articolo di Repubblica.it firmato da Cristina Nadotti sulla questione della guerra del grano …

2 Commenti

  1. La pubblicita’ era “spiritosamente” (sic) ironica. Pero’ se la vietiamo (considerando il pubblico NON in grado di interpretarla criticamente) allora dovremmo essere coerenti ed applicare agli alcolici lo stesso trattamento riservato ai tabacchi, con il “nuoce gravemente alla salute” ben stampato sulle bottiglie.

  2. La pretesa di “educare” implica l’arrogarsi il diritto di ritenere le persone incapaci di discernere.
    Deeprimente.