Home / Richiami e ritiri / India e Cina in testa alla classifica delle violazioni sulla sicurezza alimentare. I casi più frequenti riguardano pesticidi, agenti patogeni e igiene

India e Cina in testa alla classifica delle violazioni sulla sicurezza alimentare. I casi più frequenti riguardano pesticidi, agenti patogeni e igiene

Food Sentry paesi
Il grafico con i dieci paesi in cui è stato accertato il maggior numero di violazioni

Nel 2013 sono state 3.400 le violazioni delle norme sulla sicurezza alimentare, riguardanti i prodotti esportati da 117 paesi. È quanto riporta  una ricerca condotta dalla compagnia Food Sentry, sulla base di dati governativi e analisi di laboratorio. I dieci paesi in cui è stato accertato il maggior numero di violazioni sono, nell’ordine: India con 380, Cina con 340, Messico con 260, Francia con 190, Stati Uniti con 180, Vietnam, Brasile, Repubblica Dominicana, Turchia e Spagna.

 

Tutti questi paesi sono grandi esportatori di prodotti alimentari e quindi i lotti  spediti all’estero sono spesso oggetto di controlli da parte dei paesi importatori. I casi di violazioni più frequenti riguardano la presenza illegale o eccessiva da pesticidi; ne sono stati identificati più di 135 oltre a numerosi altri non specificati.

 

Altri fattori ricorrenti sono la contaminazione da agenti patogeni (22%), scarsa igiene  e condizioni insalubri (15,7%), eccessiva contaminazione da micotossine (10,2%), contaminazione oltre i limiti o illegale da additivi chimici (4,5%), eccessiva presenza di metalli tossici (3,4%) o di antibiotici (2,2%).

 

Food Sentry contaminanti
Le violazioni più ricorrenti riguardano pesticidi, agenti patogeni e sporcizia

Il 23,5% delle violazioni ha riguardato i frutti di mare, il 20% la verdura, il 13,8% la frutta, l’8,9% erbe e spezie, il 7,5% latticini, il 7,1% cereali, il 7% carne e il 6,5% noci e semi.

 

Food Sentry sottolinea che nessun paese controlla più del 50% del cibo  importato e la maggior parte ne ispeziona decisamente  meno. La stragrande maggioranza dei prodotti importati non viene  controllata. Gli Stati Uniti, ad esempio, effettuano verifiche su meno del due per cento degli alimenti .

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamato un lotto di salmone affumicato proveniente dalla Spagna per la presenza di Listeria monocytogenes. L’avviso del Ministero della salute

Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto di salmone affumicato …

Un commento

  1. Bello schifo… Spero in un vero bio a km zero (dove acquisto io), altrimenti che Dio ce la mandi buona…