Home / Pubblicità & Bufale / Uliveto e Rocchetta la pubblicità è ingannevole, 130 mila euro di multa. Le “acque della salute” non esistono. Lo slogan già censurato nel 2004 e nel 2013

Uliveto e Rocchetta la pubblicità è ingannevole, 130 mila euro di multa. Le “acque della salute” non esistono. Lo slogan già censurato nel 2004 e nel 2013

uliveto-rocchetta-logoFinalmente la pubblicità dell’acqua minerale Uliveto e Rocchetta è stata censurata dall’Antitrust che ha  anche deciso una multa di 100 mila euro alla Co.ge.di International proprietaria del marchio. Altri 30  mila euro di multa sono stati assegnati alla Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG) che ha supportato con il logo i messaggi pubblicitari. Il messaggio  censurato è ha totalizzato 150 uscite su  diversi quotidiani come il Corriere della sera, La Repubblica, Il Messaggero, oltre a innumerevoli spot su diverse radio e il manifesto è stato affisso in centinaia di studi medici. Per capire meglio di cosa stiamo parlando basta dire che Uliveto e Rocchetta vendono da 400 a 500 milioni di bottiglie ogni anno, anche grazie a questa pubblicità martellante e ingannevole.

 

La sentenza ricorda alcuni di questi slogan abbinati alla  bottiglia di Uliveto presentata come  un’acqua “per la salute digestiva e la reidratazione” che  “aiuta la digestione grazie ai suoi preziosi minerali”, “aiuta a combattere la stipsi”, “aiuta a combattere l’osteoporosi” e “ristabilisce l’equilibrio idrico minerale alterato dopo l’attività fisica”  e ancora  “digerisci meglio e vivi in forma”, “aiuta a prevenire la calcolosi urinaria”, “aiuta a mantenere i reni puliti”…

 

uliveto medici poster

Accanto alla bottiglia di Rocchetta vengono riportati i seguenti claim “aiuta la diuresi perché mantiene puliti i reni e potenzia la loro azione di filtro”; “amica della depurazione perché contrasta l’accumulo di scorie e tossine dovuti a  stili di vita scorretti”; “previene la ritenzione idrica perché bere almeno un litro e mezzo al giorno di acqua aiuta a eliminare i liquidi in eccesso”; “effettua un vero lavaggio interno perché libera l’organismo dalle impurità e migliora l’elasticità e la luminosità della cute”; “previene la calcolosi urinaria perché la sua leggerezza (basso residuo fisso, basso contenuto di sodio, leggermente alcalina) aiuta a contrastare la formazione di calcoli”.

 

Anche l’affiancamento con la Federazione Italiana Medici di Medicina Generale è severamente censurata dall’Antitrust,perchè  il richiamo alla figura del medico a accredita una superiorità  inesistente delle due acque minerali rispetto ai prodotti concorrenti. Si tratta di una censura  severa che però giunge tardiva e anche la multa forse non è adeguata.

 

acqua salute rocchetta ulivetoLa  realtà è che lo slogan “le acque della salute” abbinato a un’associazione di medici va avanti da 10 anni. La frase è stata giudicata ingannevole in una sentenza del Giurì del 2004, perché attribuiva alle due minerali un requisito di superiorità inesistente rispetto alle altre marche. I distratti manager di Rocchetta e Uliveto hanno però continuato ad utilizzarlo  togliendo l’articolo “le”.  La furberia è stata smascherata dopo la segnalazione inviata al Giurì della pubblicità da Il Fatto Alimentare. La  sentenza è servita a poco visto che le campagne sono andate avanti ( sul quotidiano La Repubblica del 7 ottobre  Rocchetta fa nuovamente riferimento ai benefici per la salute: “depura, stimola la diuresi e contrasta la ritenzione idrica“, nella campagna di Uliveto in occasione del  mese della digestione  – novembre 20013 – succede la stessa cosa).

 

La conclusione della vicenda è triste. Da dieci anni gli spot ingannevoli di Rocchetta e Uliveto convincono milioni di persone a bere acqua minerale che dovrebbe apportare benefici. Chi dirà a queste persone che sono state ingannate? Una multa di 130 mila euro potrà rimediare a tante bugie? L’unica cosa da fare è obbligare Co.ge.di International a  destinare il 10-20 % del budget investito nella campagna censurata, in messaggi sui quotidiani e radio per dire chiaramente ai consumatori che sono state raccontate un sacco di bugie.

 

Roberto La Pira

© Riproduzione riservata

  Roberto La Pira

Roberto La Pira

Giornalista; dr in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Le bugie di Coldiretti su Repubblica.it. Come inventare dati allarmanti sul grano importato, citando anche i rapporti del Ministero della Salute

Oggi un articolo di Repubblica.it firmato da Cristina Nadotti sulla questione della guerra del grano …

5 Commenti

  1. Secondo me, i medici che si sono venduti devono essere sospesi/radiati dall’Ordine.
    Succederà?…

  2. È meno male ma usiamo lo stesso metro per tutte le pubblicitá povero Delpiero sará disperato e il povero passerotto che fine fará????

  3. Cosa volete cher sia una sanzione di 130.000 euro, quando spendono in pubblicità tanto di più? 130.000 euro gli fa un baffo! Perchè la magistratura non chiude l’attività per un certo periodo e applica le sanzioni penali per pubblicità ingannevole?

  4. Mi meraviglio che vi meravigliate!! Siamo in Italia, una delle nazioni con la peggiore considerazione dei propri simili, dove lo Stato è forte con i deboli e debole con i forti, devo aggiungere altro?
    Scusatemi ma l’amarezza avanza con l’età e con la consapevolezza che purtroppo nulla cambia……in tutti i campi.

    • Sono stato pubblicitario di professione e anche committente della medesima come dirigente marketing negli anni a cavallo fra i 60 e fine secolo e ricordo bene sia il codice deontologico che la censura preventiva della SACIS per conto della RAI. Da quando abbiamo le “tv libere”, spesso fuorilegge loro stesse per ragioni di frequenze, la correttezza nei confronti dei consumatori si è affievolita come anche molte altre conquiste sociali del passato. Una brutta Italia consegniamo ai nostri nipoti