Home / Nutrizione / Portogallo, il governo propone tassa su alimenti con troppo sale. Se approvata la legge, entrate pari a 30 milioni di euro

Portogallo, il governo propone tassa su alimenti con troppo sale. Se approvata la legge, entrate pari a 30 milioni di euro

 troppo saleIl governo portoghese ha presentato la proposta di bilancio per il 2018, inserendo una tassa sul sale in alcuni alimenti, come snack salati, patatine fritte, corn flakes, crackers e biscotti. La proposta prevede un’imposta di 0,80 euro al chilo per i prodotti che contengono più di un grammo di sale ogni 100 grammi.

La tassa proposta, che dovrebbe entrare in vigore dal prossimo luglio, è motivata dal governo con la volontà di promuovere la salute e prevenire le malattie, e a questo fine saranno investiti i proventi che ne deriveranno, stimati in 30 milioni di euro.

Alcuni degli alimenti con troppo sale che potranno venire tassati sono: snack salati, patatine fritte, corn flakes, crackers e biscotti

Intanto, il governo ha concluso un accordo con i produttori di pane, che s’impegnano a ridurre il contenuto di sale da 1,4 a 1,3 grammi per chilo a partire dal 2018. Seguiranno ulteriori riduzioni, sino ad arrivare a un grammo per chilo nel 2021. Quest’obiettivo finale è anticipato alla fine del 2018 per il pane fornito alle scuole statali.

Secondo i dati riportati dalla stampa locale, in Portogallo il consumo medio di sale giornaliero è di 7,3 grammi per persona, ben oltre i 5 grammi raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), mentre gli italiani ne consumano quasi il doppio: 9,5g gli uomini e 7,4 le donne.

Se approvata, la tassa sui cibi con troppo sale sarà il secondo intervento fiscale del governo portoghese in campo alimentare, per tutelare la salute. Infatti, all’inizio di quest’anno è stata decisa una tassa sulle bevande zuccherate, che dovrebbe far entrare nelle casse dello Stato circa 80 milioni di euro: 0,15 euro per le bevande che contengono fino a 80 grammi di zucchero per litro, 0,30 per quelle che ne contengono di più. Aumenteranno anche le tasse sugli alcolici: dell’1,5% sulla birra e dell’1,4% su spumanti e superalcolici.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Il 45% degli adulti statunitensi allergici sviluppa la sensibilità a un cibo in età adulta. Fenomeno in aumento sia nei bambini che negli adulti

Negli Stati Uniti, le allergie negli adulti sono in aumento, così come nei bambini. Inoltre, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *