Home / Archivio dei Tag: spot

Archivio dei Tag: spot

Pubblicità Coca-Cola: la mamma che serve a pranzo la bibita al suo bambino non è scorretta! Ecco la curiosa tesi del Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria

Un mese fa abbiamo inviato al Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria una richiesta di censura per lo spot della Coca-Cola. Il fimato mostrava una mamma in cucina mentre prepara la pasta al suo bambino e  subito dopo la serve su una tavola apparecchiata dove troneggia una bottiglia di Coca-Cola. Nell’ultima parte dello spot la mamma impugna la bottiglia …

Continua »

Il Mulino Bianco di Barilla può macinare solo olive e non grano. Distrazione o faciloneria del marketing?

Da quattro anni diciamo a Barilla che il mulino ad acqua dove Antonio Banderas gira gli spot è fasullo. Si tratta di un falso storico, di una rappresentazione scenografica totalmente errata che lo staff aziendale del marketing non vuole modificare. Basta sfogliare un qualsiasi libro, o visitare uno dei tanti musei della civiltà contadina per rendersi conto che la macina …

Continua »

L’obesità infantile è un problema da risolvere. Eliminare gli spot e tassare il cibo spazzatura. Il parere di Francesco Branca OMS

Il problema della obesità infantile esiste per più di otto famiglie su dieci e va affrontato in maniera decisa. Il primo passo da compiere, secondo i tre quarti dei genitori inglesi, è rappresentato dal divieto degli spot che promuovono il consumo di alimenti poco salutari prima delle nove di mattina. Ovvero nella fascia in cui i bambini sono seduti a …

Continua »

Investimento milionario per la pubblicità dell’olio di palma su tv e giornali per frenare l’emorragia di consumatori che dicono no ai prodotti con l’olio tropicale

Gli spot dell’olio di palma sulle reti televisive Rai e Mediaset sono iniziati il 28 febbraio 2016 e proseguiranno per tre settimane. Il budget rimane una notizia riservata ma deve ammontare a qualche milione di euro, visto che il programma prevede anche due settimane di inserzioni a tutta pagina sui giornali e altre tre settimane di banner in rete (vedi video …

Continua »

Calo degli spot di dolci e junk food? Le promesse sono state disattese e i bambini hanno visto ancora più pubblicità di prima

I solenni impegni assunti dalle aziende americane per limitare e via via ridurre ì le pubblicità di dolci e junk food rivolte ai bambini sui canali specializzati sono miseramente falliti. Si tratta di un risultato  andato oltre le più pessimistiche previsioni, che dovrebbe spingere  le parti in causa a un ripensamento globale del problema. Di più: le pubblicità, dal 2007, …

Continua »

Ecco il divertente spot di Napoli in risposta alle campagne di McDonald’s, “Pizza a portafoglio n’euro, n’euro e cinquanta!”

Napoli ha risposto con ironia allo spot di McDonald’s che attribuiva al bambino la voglia di Happy Meal al posto di una pizza.  Il filmato di 42 secondi  si trova su Facebook ed è stato prodotto dal blogger di Le avventure culinarie di Puok e Med. Guardatelo.   Antonio Pratesi, medico nutrizionista che collabora con il nostro sito ha confrontato in …

Continua »

Il bambino preferisce l’Happy Meal alla pizza, ma l’hamburger di McDonald’s è preparato con anteriore di carne di vacca. Un taglio di mediocre qualità, e la catena di fast food cosa dice?

Lo spot del bambino che preferisce l’Happy Meal di McDonald’s alla pizza ha varcato i confini arrivando sulle pagine dei giornali inglesi. Dopo la richiesta di censura all’Istituto di autodisciplina Pubblicitaria e all’Antitrust un’associazione di pizzaioli ha inviato un esposto all’Agcom e oggi anche su Change.org Alfonso Pecoraro Scanio ha avviato una petizione contro la pubblicità di zio Mac. In …

Continua »

Pizza o Happy Meal? La nuova pubblicità di McDonald’s scredita la pizza in favore del fast food. Un pasto da evitare dicono i nutrizionisti

La polemica sulla pubblicità di McDonald’s che invita a preferire un Happy Meal alla pizza continua. Nelle scorse ore Il Fatto Alimentare ha richiesto la censura dello spot all’Agcom e all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (vedi articolo) e la storia è finita sulle prime pagine di molte testate. La scena si svolge in una pizzeria cupa. Al tavolo siedono padre, madre …

Continua »

Flauti Mulino Bianco: la pubblicità non piace, il messaggio è diseducativo. La risposta di Barilla: cambieremo

“Buongiorno, ho un dubbio. Da mesi vedo la pubblicità dei Flauti Mulino Bianco titolata “Con i Flauti si diventa amici” (vedi sotto), quella dove un bambino, per essere accettato dalla “banda” di ragazzini che hanno la casa sull’albero, deve pagare la “tangente” (i flauti)! Trovo che questo sia un messaggio molto diseducativo che comunichi alle persone, soprattutto bambini e giovani, che bisogna essere accettati …

Continua »

Red bull negli USA rimborsa 13 milioni di dollari ai clienti: non “mette le ali” come dice la pubblicità! In Italia la società ha collezionato diverse censure

Red Bull ha accettato di pagare 13 milioni di dollari (circa 10 milioni di euro) per evitare una class action contro lo spot della bibita resa famosa dallo slogan «Red Bull ti mette le ali». Secondo i consumator la pubblicità «induce in errore con unoo slogan che implicitamente promette un aumento delle prestazioni», quando in realtà una lattina della  bevanda …

Continua »

Activia non è vero yogurt come lascia intendere la pubblicità di Alessandro Borghese! È un latte fermentato risponde Danone

Gentile redazione, sono rimasta colpita dalla nuova  pubblicità di Activia con Alessandro Borghese. Ho visto lo spot in televisione e sono andata a guardarmi il sito, a questo link  www.activia.it. La cosa che mi ha stupito è che nello spot televisivo Activia viene proposto in sostituzione dello yogurt : “yogurt, brava, ma quale yogurt?“ chiede Borghese all’attrice che interpreta una consumatrice di …

Continua »

Stop alla pubblicità in TV di bibite, merendine, dolci: il Messico interviene nelle fasce orarie dedicate ai bambini

Il governo messicano ha deciso di vietare la pubblicità televisiva di bibite, merendine, dolciumi e cioccolato nelle ore in cui è più facile trovare  i bambini davanti alla tv. Si tratta  di due intervalli, dalle 14,30 alle 19,30 dei giorni feriali e dalle 7,30 alle 19,30 nei week-end. Secondo il Ministro della sanità messicano, la decisione  comporterà una riduzione del …

Continua »

In Gran Bretagna, bambini bombardati dalla pubblicità di junk food tra le otto e le nove di sera

In Gran Bretagna i piccoli telespettatori sono bombardati da pubblicità di junk food nei programmi a loro specificamente dedicati tra le 20 e le 21, ossia nella fascia televisiva di maggior ascolto familiare e di più alta presenza di bambini davanti allo schermo. Un quarto delle pubblicità riguarda prodotti alimentari e almeno undici spot l’ora promuovono cibi non salutari da …

Continua »

Usa, fallisce l’autoregolamentazione sugli spot alimentari rivolti ai bambini che nell’84% dei casi pubblicizzano prodotti ricchi di grassi e zuccheri

Il valore nutrizionale degli alimenti e delle bevande pubblicizzate negli Stati Uniti nei programmi televisivi per bambini è peggiore rispetto a quello dei prodotti presentati negli altri programmi. Una ricerca della University of Illinois a Chicago, pubblicata dalla rivista Childhood Obesity, ha esaminato dal 2009 per la prima volta gli spot nei programmi per bambini con uno share di audience …

Continua »

“Ognuno di noi butta via 76 kg di cibo l’anno”. Un assurdo spot contro lo spreco finanziato dall’UE. Qualcuno dà i numeri

“Quasi la metà degli sprechi alimentari viene generata nelle nostre case, dove ognuno di noi butta via 76 kg di cibo all’anno e quasi 60 euro al mese …….compriamo troppo” …  e la nostra spesa va a finire nel cesso. Questo è il testo dello spot realizzato per una campagna contro lo spreco alimentare promossa dall’associazione Oikos e finanziata dall’UE. …

Continua »