Home / Archivio dei Tag: NESTLE

Archivio dei Tag: NESTLE

UK, le grandi marche di cereali da colazione non usano l’etichetta a semaforo per nascondere la quantità elevata di zucchero. Indagine di Action on Sugar

Una decisione “scandalosa”, così l’organizzazione britannica Action on Sugar definisce la scelta di diversi produttori di cereali per colazione, tra cui grandi marchi come Kellogg’s e Nestlé, di non utilizzare sulle confezioni l’etichetta nutrizionale con i colori del semaforo, adottata a livello volontario nel Regno Unito. L’etichetta li costringerebbe ad indicare con il colore rosso la quantità di zucchero presente,  …

Continua »

Nestlé richiama due lotti di latte per la crescita Nidina Optipro 3 per non conformità organolettiche. I prodotti distribuiti nei punti vendita Auchan e Simply di alcune regioni

Nestlé ha richiamato due lotti di latte per la crescita Nidina Optipro 3 per non conformità organolettiche. Nel prodotto interessato possono infatti verificarsi affioramenti di grasso in grumi sulla superficie. L’azienda precisa che comunque i lotti di latte per la crescita richiamati sono sicuri per il consumo e che il provvedimento è stato disposto in via volontaria e cautelativa perché …

Continua »

Nel Regno Unito, Nestlé ridurrà del 10% lo zucchero nei cereali da colazione entro il 2018. Secondo il governo britannico è un buon esempio ma non basta

In Gran Bretagna, entro la fine del 2018 Nestlé ridurrà del 10%, rispetto ai livelli del 2015, la quantità media di zucchero nei propri cereali da colazione. L’obiettivo non riguarderà i singoli prodotti ma il loro insieme e sarà raggiunto attraverso una loro riformulazione combinata con un aumento della quota dei prodotti con quote di zucchero più basse. Nestlé UK …

Continua »

Nutrition Foundation of Italy: fondazione scientifica o lobby finanziata dalle aziende? Dubbi su certe posizioni a proposito di alcol, zucchero e olio di palma. La replica di NFI

Nutrition Foundation of Italy (NFI) è un’organizzazione italiana no profit che fa da trait d’union tra “gli organi governativi, l’università e l’industria per contribuire allo sviluppo della ricerca scientifica, allo scambio di informazioni nel campo dell’alimentazione ed alla promozione di ricerche interdisciplinari”… La mission di NFI prevede un contributo “alla corretta informazione ed educazione alimentare dei consumatori, degli opinion-makers (es. media) e …

Continua »

Cereali da colazione: Nestlé propone i Fitness Delice anche in monoporzione. Comodi per i pasti fuori casa, ma poco convenienti

Fitness Delice di Nestlé è una marca di cereali per la prima colazione e snack ideati per un target giovane-adulto, tendenzialmente femminile, come appare evidente considerando soltanto l’immagine della silhoutte in etichetta. Come si era già detto (Il Fatto Alimentare ne ha parlato qui) i Fitness Delice presentano caratteristiche positive, se confrontati con altri presenti sul mercato, per la quantità di …

Continua »

Olio di palma e deforestazione, nuove accuse a Wilmar, il più grande fornitore mondiale. Nestlé si dichiara “molto preoccupata” e apre un’indagine

Nestlé si è dichiarata “molto preoccupata” dopo che un dossier dell’organizzazione statunitense Rainorest Action Network (RAN) ha accusato nuovamente uno dei suoi maggiori fornitori, Wilmar International, di essere coinvolto nella deforestazione illegale a Sumatra, in Indonesia, all’interno dell’ecosistema di Leuser, habitat naturale di orangutan, tigri, elefanti e rinoceronti. La distruzione di foresta pluviale, in violazione di una moratoria sulla deforestazione, avviene …

Continua »

10% di zucchero in meno nei dolciumi Nestlé entro il 2018, ma solo nel Regno Unito e Irlanda. Nessuna notizia per gli altri paesi

Nel Regno Unito e in Irlanda, Nestlé eliminerà il 10% dello zucchero dai  prodotti dolciari entro il 2018. Si tratta di circa 7.500 tonnellate di zucchero che saranno sostituiti con maggiori quantità di ingredienti già esistenti o di altri dolcificanti non artificiali. Fiona Kendrick, presidente e amministratore delegato di Nestlé UK and Ireland ha dichiarato: “I nostri marchi dolciari sono …

Continua »

Coca-Cola, Unilever, Nestlé, Mars verso l’approvazione delle etichette a semaforo per scongiurare altri provvedimenti come la soda tax

Quando la prima etichetta semaforo apparve sui prodotti in Inghilterra, per identificare a colpo d’occhio gli alimenti con tenori eccessivi di grassi saturi, zuccheri e sale (i cosiddetti HFSS, High Fats, Sugars and Sodium), si registrarono varie perplessità. I tempi sono cambiati e ora, a sorpresa, le stesse industrie che criticavano il sistema ne promuovono l’utilizzo. Domani 9 marzo 2017, è …

Continua »

Acqua Vera Nestlé: il residuo fisso è diverso a seconda della fonte. In Italia tre diverse acque minerali

Vorrei segnalare l’aumento del residuo fisso a 180°C dell’acqua Vera Naturae (naturale) della Nestlé. È passato da 162mg\l a ben 438mg\l! Al servizio consumatori mi hanno detto che la fonte è cambiata per cui anche il valore del residuo fisso è modificato. Con i nuovi valori è comunque rimasta nella categoria delle oligominerali? Non è stata effettuata nessuna comunicazione ai clienti! …

Continua »

L’acrilammide nei biscotti per bambini molto piccoli può essere drasticamente ridotta. I risultati delle analisi di tre associazioni francesi indicano che, però, non tutti lo fanno

In Francia, tre organizzazioni per la tutela dei consumatori hanno fatto effettuare delle analisi indipendenti sulla quantità di acrilammide presente in 25 marche di biscotti per bambini molto piccoli, dopo che a metà dicembre alcuni marchi erano stati ritirati dal commercio in Croazia, Ungheria, Bulgaria, Slovacchia e Slovenia. Il richiamo, annunciato anche dal sistema di allarme rapido dell’Ue (RASFF), evidenziava …

Continua »

Grecia, minacce di avvelenamento contro Coca-Cola, Nestlé e Unilever. Ritirati per precauzione molti prodotti nella zona di Atene

In Grecia, Coca-Cola, Nestlé, Unilever e la compagnia alimentare greca Delta hanno deciso di ritirare alcuni prodotti nella regione Attica, in cui si trova la capitale Atene, dopo che un gruppo aderente alla rete anarchica Fai/Irf ha minacciato di mettere sugli scaffali nel periodo natalizio alcuni prodotti, avvelenati con cloro e acido cloridrico. ì Il gruppo ha specificato che l’obiettivo …

Continua »

Acqua minerale Nestlé Vera Naturae: quei sassolini precipitati sul fondo non sono vetri ma sali di calcio spiega Sanpellegrino

Gentile Redazione, vi scrivo per segnalare il rinvenimento di numerosi residui trasparenti,  presumibilmente vetro, nella bottiglie in pet da due litri di acqua minerale naturale Vera, lotto numero 6162842201 scadenza 06/2017, bar code 8 005200  106561. L’anomalia è stata segnalata il giorno nove novembre al servizio consumatori di Nestlè-San Pellegrino tramite il portale dedicato. Allego foto del prodotto. Leonardo Risponde …

Continua »

Delice, un nuovo prodotto nella linea dei cereali per la prima colazione Fitness di Nestlé. Il confronto con i Choco Krave di Kell’ogg’s

E’ recente il lancio di un nuovo cereale per la prima colazione nella linea Fitness di Nestlé. Si tratta di Delice, “cereali croccanti con cuore morbido al cioccolato”, prodotto indirizzato ad un consumatore adulto, prevalentemente femminile, ma che bene si adatta, per gusto e consistenza, anche ai più giovani. Il nuovo prodotto di Nestlé è simile ad un altro “cereale …

Continua »

Cibo, cinema e televisione: come ci influenzano film e serie tv? Un viaggio tra importazioni gastronomiche, mode e inserimenti pubblicitari

Quando pensiamo all’influenza che hanno cinema e televisione sulle nostre scelte alimentari, ci viene in mente quasi sicuramente la pubblicità. Certo, è innegabile che i messaggi pubblicitari abbiano una grandissima influenza sulla nostra alimentazione, soprattutto su quella dei bambini, e ne abbiamo parlato più volte (per esempio qui). Eppure anche programmi televisivi, cinema e serie contribuiscono in maniera importante a modellare le  …

Continua »

L’eccessiva dipendenza dalle proteine della carne espone a rischi finanziari, sociali e ambientali

Un gruppo di 40 investitori che gestiscono asset pari a 1.250 miliardi di dollari, tra cui il fondo della compagnia assicuratrice britannica Aviva, diversi fondi pensione statali svedesi e investitori etici, ha scritto a sedici grandi aziende alimentari, sollecitandole a cambiare la fonte di approvvigionamento delle proteine dei loro prodotti, passando dalla carne ai vegetali, per contribuire a ridurre i …

Continua »