Home / Pubblicità & Bufale / Ecco il divertente spot di Napoli in risposta alle campagne di McDonald’s, “Pizza a portafoglio n’euro, n’euro e cinquanta!”

Ecco il divertente spot di Napoli in risposta alle campagne di McDonald’s, “Pizza a portafoglio n’euro, n’euro e cinquanta!”

Napoli ha risposto con ironia allo spot di McDonald’s che attribuiva al bambino la voglia di Happy Meal al posto di una pizza.  Il filmato di 42 secondi  si trova su Facebook ed è stato prodotto dal blogger di Le avventure culinarie di Puok e Med. Guardatelo.

 

Antonio Pratesi, medico nutrizionista che collabora con il nostro sito ha confrontato in un articolo di pochi giorni fa un pasto salutare con un pasto di McDonald’s.

TabellaMcDonald's

Dalla tabella emerge che i due pasti hanno un peso in grammi abbastanza simile, ma quello del fast food fornisce il doppio delle calorie! Un’altra modalità utilizzata dalle catene che propongono hamburger e patatine che favorire il sovrappeso è la scelta di cibi “studiati” per garantire il massimo appeal sensoriale. Come scrive David A.Dressler, l’industria alimentare crea piatti in modo da toccare “i tre punti cardini”: gli zuccheri, i grassi ed il sale. Le infinite combinazioni tra questi tre ingredienti insieme ad aromi, emulsionanti e conservanti rendono il cibo “irresistibile”. Non è un caso se negli ultimi decenni l’industria alimentare si è sviluppata contemporaneamente all’obesità. La pubblicità di McDonald’s utilizza come testimonial un bambino, più sveglio dei genitori, che in una pizzeria richiede l’Happy Meal.

 

happy meal mcdonalds
Il bambino scaltro che preferisce l’Happy Meal alla pizza è un esempio di marketing aggressivo

Questo modello di marketing è molto insidioso perché mira a modificare abitudini radicate nella popolazione italiana. La pizza (quella fatta in Italia) è un alimento salutare. Ci possono essere delle varianti in base alla preparazione, al tipo di farina o agli ingredienti, alla quantità di sale e al tipo di cottura, ma in linea generale è un piatto unico che, se accompagnato ad un bicchiere di acqua, è ben bilanciato (pochi grassi, tanti carboidrati complessi).

Ma confrontare dal punto di vista nutrizionale la pizza con l’Happy Meal non è rilevante e può far perdere di vista due punti cruciali. Il primo è che lo spot influenza  i bambini che non hanno le capacità critiche per difendersi dalla pubblicità, il secondo riguarda il target dei bambini considerato da McDonald’s ideale, visto che la società si distingue per essere uno dei più grandi distributori di giochi al mondo.

 

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

Food blogger e pubblicità: un viaggio tra blog e siti di ricette per scoprire dove si nascondono i contenuti sponsorizzati

Nel mese di marzo, la Federal trade commission (Ftc) americana ha ammonito ufficialmente  45 persone, …

10 Commenti

  1. Randolph Carter

    Se è “aggressiva” la pubblicità del Mc, questo video è “reazionario”, perché ve ne compiacete?

  2. Un vero post di confronto sarebbe stato quello pizza contro happy meal anziché il pasto salutare, sarei curioso di sapere il risultato sebbene io tra le due sia per la pizza sempre e comunque.

    • Possiamo fare una stima confrontando una pizza margherita con l’Happy Meal*. In sostanza hanno le stesse calorie. L’Happy Meal ha più grassi (+10 g), proteine (+2,5 g), zuccheri semplici (+19 g) e meno carboidrati totali (-35 g).
      *
      Quindi considerando i grassi, gli zuccheri semplici e le proteine, che nelle diete occidentali sono in eccesso, e che possono favorire il sovrappeso, il profilo nutrizionale della pizza risulta migliore (anche se di poco). Ma in ambito dietetico piccole differenze ripetute molte volte, possono creare grandi differenze.
      *
      Quando si passa dall’Happy Meal che si presenta come una “confezione regalo”, “con la sorpresa (giocattolino)” per ammaliare il bambino, ai pasti tipici di un fast food per un adulto, allora le differenze diventano maggiori (vedi tabella sopra).
      Il pasto in un fast food rispetto ad una pizza ha in media più proteine, calorie, grassi, sale, zuccheri semplici, additivi e conservanti!
      *
      PS: si potrebbe obiettare che nell’Happy Meal o nel fast food in generale si possono scegliere le carotine, la mela e l’acqua. Ma quanti bambini o adulti in realtà fanno queste scelte? Le portate “salutari” nei fast food sono in genere degli specchietti per allodole per dare una parvenza di “healthy food” (alimentazione salutare).
      Oppure si potrebbe obiettare che potremmo prendere pizze molto elaborate (ad es. 4 formaggi), ma in generale la pizza offre molte opzioni salutari (verdure, peperoni, pomodorini rucola e grana…ecc).
      *
      * ho usato i dati del Dr. Giuliano Parpaglioni che nel suo blog ha confrontato la pizza margherita con l’Happy Meal (Hamburger/Patatine fritte/CocaCola/YogurtBio).

  3. beh.. come mai come “pasto salutare” non avete considerato proprio la pizza?
    che scelta…. bizzarra…

  4. Si vabbè ma poi proporre come modello nutrizionale riso integrale con piselli e verdure e da bere acqua mi sembra improponibile, specialmente per chi è in crescita, no agli eccessi ma nemmeno flagellarci.

    • Propongo due alternative più stimolanti.
      *
      Al posto del riso integrale e piselli (397 kcal) possiamo scegliere dei piatti più comuni tipo:
      *
      1) tagliatelle all’uovo 100 g (299 g cotte) + ragù 50 g = 418 kcal
      oppure
      2) spaghetti 110 g (275 g cotti) + sugo di pomodoro 70 g = 400 kcal
      *
      Come si può vedere il risultato nella sostanza non cambia.
      Il pasto in un fast food ha molte più calorie.
      *
      PS: attenzione chi è in crescita deve (dovrebbe) bere acqua! E’ la prima regola elementare per prevenire il sovrappeso nei bambini (e negli adulti).

  5. Attenzione: McDonald’s USA non è McDonald’s Italia, anche nei valori nutrizionali….

    • Per quanto ne so, e se sbaglio correggetemi, i negozi McDonald’s sono esercizi dati in franchising dalla McDonalds, che impone un “manuale di istruzione” molto rigido: un McBurger deve essere fatto nello stesso modo a New York, a Roma e a Tokio. Le uniche varianti possono essere in cibi che richiamano alimenti “locali” legati ai gusti della popolazione di una nazione, per attirare più clienti e abituarli … al “gusto” del McBurger.
      Per chi è curioso: super size me (un video istruttivo … credo che ci sia anche in italiano)

  6. Una pizza fatta con ingredienti nostrani è imparagonabile rispetto agli ingredienti poco sani della McDonalds! Quindi fare il confronto delle sole calorie, proteine e zuccheri è una furberia.
    Preferisco per bontà una pizza da 1000 calorie che un pasto da McDonalds di 1000 calorie che mi fa ingurgitare schifezze industriali a lunga conservazione.
    Poi confrontiamo la digeribilità di una buona pizza con quella di un qualsiasi prodotto di McDonalds: se io vado da McDonalds il panino lo digerisco dopo 6 ore se va bene e questi sono i tempi di digeribilità che sento tra la gente che non soffre di problemi intestinali od obesità.