Home / Nutrizione / Gran Bretagna, gli esperti sollecitano il governo a incoraggiare la sostituzione del sodio con il potassio. Si ridurrebbe il rischio di ictus e attacchi cardiaci

Gran Bretagna, gli esperti sollecitano il governo a incoraggiare la sostituzione del sodio con il potassio. Si ridurrebbe il rischio di ictus e attacchi cardiaci

sodioIl governo britannico dovrebbe spingere i produttori alimentari a valutare la possibilità di sostituire parzialmente il sodio con alternative a base di potassio, perché questo avrebbe un impatto positivo sulla salute pubblica. Lo afferma un documento congiunto di due comitati consultivi di esperti britannici, il Scientific Advisory Committee on Nutrition (SACN) e il Committee on Toxicity of Chemicals in Food, Consumer Products and the Environment (COT) , secondo i quali sostituire tra il 15% e il 25% del sale (cloruro di sodio) negli alimenti con il cloruro di potassio aiuterebbe a ridurre in modo “significativo” il rischio di ictus e attacchi cardiaci e avrebbe conseguenze positive su una larga fascia di popolazione.

Secondo le linee guida del Public Health England, non si dovrebbero consumare più di sei grammi di sale al giorno, ma nel 2015 l’assunzione media giornaliera dei britannici era ancora di otto grammi. Secondo il documento SACN-COT, il principale rischio derivante da un incremento del potassio potrebbe essere un aumento della iperkaliemia, cioè a un eccesso di potassio nel sangue, nei soggetti con insufficienza renale cronica non diagnosticata. Secondo gli esperti, però, complessivamente i benefici della sostituzione di un quarto del sodio con il potassio sono maggiori dei rischi.

Nel 2013, l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato delle nuove linee guida sul consumo di sodio e potassio, secondo cui gli adulti dovrebbero consumare meno di 5 grammi di sale al giorno, pari a 2 mg di sodio, e almeno 3,51 mg di potassio. Elevati livelli di sodio e bassi livelli di potassio possono accrescere il rischio di un aumento della pressione sanguigna, con il conseguente incremento del rischio di malattie cardiache e ictus.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

sicurezza alimentare allerta 477116113

L’Europa? Un’alimentazione sana per tutti è ancora lontana, rivela un rapporto dell’Oms. L’articolo di OggiScienza di Cristina Da Rold

Cosa sta facendo di concreto l’Europa per combattere le piaghe dell’obesità e del diabete che …

4 Commenti

  1. Mettere spezie naturali o educare al gusto naturale no?

  2. Il sale non è solo usato negli alimenti come implementatore di “gusto” ma è un utilissimo elemento che serve per la conservazione dei cibi. Il sale definito come NaCl (contenente quindi sodio) non può essere eliminato perché il suo possibile sostituto il cloruro di potassio KCl, oltre a rendere l’alimento più amarognolo per il contenuto in potassio ha un ulteriore aspetto negativo molto importante. Il potassio è usato dai microrganismi come resistenza agli stress osmotici, annullando quindi l’effetto che avrebbe l’aggiunta di esso. Il mio consiglio (da teconologo alimentare) è di diminuire in tutti gli alimenti il contenuto in sale quando possibile e se si vuole utilizzare il KCl, farlo esclusivamente su prodotti non a rischio per lo sviluppo di microrganismi patogeni.

  3. Errata corrige: il sodio nel sale ed il fabbisogno di potassio sono in grammi e non in milligrammi.
    Ciò premesso sono pienamente d’accordo cin Francesco; i sali di potassio dovrebbero essere usati soprattutto in cucina ed a tavola, dove spesso, per insaporire, si commettono abusi.

  4. A parte che sulle patatine fritte il sale per conservare è una scemenza . Nella maggior parte dei casi nell industria alimentare è utilizzato il sale per migliorare il gusto e dare assuefazione a quel determinato prodotto . Ormai come conservante si usano acido citrico ecc.