Home / Pubblicità & Bufale / Censurati gli spot di SanThé Sant’Anna. Secondo lo Iap potrebbero creare agli occhi dei bambini una rappresentazione stereotipata dei generi

Censurati gli spot di SanThé Sant’Anna. Secondo lo Iap potrebbero creare agli occhi dei bambini una rappresentazione stereotipata dei generi

Il Comitato di controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto lo spot di SanThé Sant’Anna diffuso sulle reti Rai nel maggio 2017, manifestamente contrario al Codice di autodisciplina. Secondo il Comitato i messaggi della campagna promossa per promuove il thè in bicchiere ai gusti di limone e pesca propongono un messaggio  stereotipato con una discriminazione di genere. La pubblicità articolata in uno spot di 30” e in altri di 15”, due differenti situazioni. Nella prima, un bambino in difficoltà con i compiti, beve Santhè Sant’Anna mentre una voce fuori campo recita “Se la matematica diventa incomprensibile, prova il gusto magico di Santhé”. A questo punto il bambino si trasforma in un piccolo Einstein.

Nel secondo spot la protagonista è una bambina indecisa su quali vestiti indossare fino a quando la voce fuori campo dice: “Se non riesci a trovare il look perfetto, prova il gusto magico di Santhé”. La bambina beve un sorso della bibita e trova abiti abbinati e la sua cameretta.

Sant'anna
Nello spot di Santhè Sant’Anna il bambino si trasforma in piccolo Einstein la bambina pensa al vestito

I due bambini, in ambienti già di per sé scontati (camera azzurra per lui, cameretta rosa per lei), vivono situazioni fortemente asimmetriche. Il  bambino è alle prese con un’attività mentale, i compiti di matematica, mentre la bambina ha una preoccupazione di tipo estetico, la scelta dei vestiti e dei giusti abbinamenti. Il Comitato di controllo contesta la banalizzazione della complessità umana, che vede la donna “frivola” e l’uomo “pragmatico”.

Spot di questo tipo veicolano contenuti che cristallizzano modelli non più attuali e comunque rigidamente restrittivi, suscettibili di urtare la sensibilità del pubblico, in quanto rappresentano ostacoli per una società moderna e paritaria. Il messaggio è fondamentalmente rivolto ai minori e, proprio in loro, potrebbe contribuire a creare un’immagine stereotipata della figura femminile e maschile.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Le bugie di Coldiretti su Repubblica.it. Come inventare dati allarmanti sul grano importato, citando anche i rapporti del Ministero della Salute

Oggi un articolo di Repubblica.it firmato da Cristina Nadotti sulla questione della guerra del grano …

10 Commenti

  1. Beh! Perché sicuro che son queste le cose che influenzano i bambini e danno loro una visione stereotipata del mondo. Che censurino ben altre cose come tutti quei programmi di cui la televisione é invasa. Questo é il solito pagliativo per dare l’illusione che si faccia qualcosa per tutelare il cittadino e i bambini.

    • Alcuni lo chiamno “benaltrismo”, di fatto non hai aggiunto nulla di utile alla conversazione parlando di altro.

  2. Stefano Zizzari

    Altro che 1984 di Orwell…

  3. Ma allora quella pubblicità in cui si vedono dei sederi che parlano o quell’altra in cui di fanno domande ai bambini su come di sentono dopo essere stati in bagno e puliti con la carta igienica. …….dovrebbero essere quantomeno censurati da tutte le TV mondiali!!!!

    • Cosa c’è di sbagliato in uno spot che parla di carta igienica? fortunatamente al bagno il sedere non ha problemi con le differenze di genere… quando non si sa cosa commentare, eh? 🙂

  4. Per fortuna ancora qualcuno che ragione c’è e anche questi, seppur minuscoli, passi serviranno a creare Donne e Uomini con una coscienza che, si spera, vada oltre il loro genere biologico.

  5. Ben fatto. Purtroppo a partire dalle ricette di cioccolata “per maschietti”e per “femminucce”,si sta cercando di tornare a stereotipi di genere. Il problema infatti non si pone tanto per gli adulti,che comunque hanno ancora coscienza di lunghe battaglie per l’emancipazione da tali modelli(maschili e femminili),ma proprio per i bambini, che non hanno tali conoscenze e stanno ore in televisione. In più, cosa che da tempo non sentivo, é il ritorno in certi programmi all’uso del termine vecchio e vecchia con toni dispregiativi. Attenzione a lasciar passare tali messaggi, sono intellettualmente ed eticamente regressivi. Il rispetto si inizia ad insegnarlo dalle piccole cose di tutti i giorni,anche in famiglia, non solo parlando dei massimi sistemi.
    Ciao

  6. Mi sto chiedendo se questo articolo sulla censura sia una bufala. Mi auguro che sia una bufala…se non lo è c’è da preoccuparsi seriamente. Si censura una cosa innocua, naturale, in cui tutti si riconoscono, un concetto facile, immediato, ironico e soprattutto vero. C’è immediata identificazione con l’immagine trasmessa, lo spot conosce bene questi meccanismi ed era uno spot vincente. Sai che bel messaggio pubblicitario se bere il the’ facesse diventare il bambino una bella baby dragqueen e la bimba una baby militare? più educativo?? Preoccupatevi gente preoccupatevi…vigiliate perchè siamo già su matrix.

    • Roberto La Pira

      Buongiorno, cerchiamo di fare il nostro mestiere con attenzione e le notizie che pubblichiamo sono verificate

    • Quindi ritieni *innocuo e naturale* comunicare messaggi stereotipati sul genere? certo, per le menti poco abituate al ragionamento è sicuramente *facile* dirgli che le femmine pensano alle cose frivole mentre i maschi sono pragmatici. Bolli come *bufala* una notizia che non ti trova daccordo, e giudichi *vero* un concetto stereotipato che in realtà non è necessariamente tale, magari generalizzandolo solo perchè *nel tuo vissuto* hai visto questo. è uno dei tanti sintomi di *analfabetismo funzionale*, altro che matrix, forse è troppo tardi per te 😉