Home / Etichette & Prodotti / Sant’Anna Karma Buono: una nuova bevanda zuccherata che richiama alle filosofie orientali. Il prezzo non è zen

Sant’Anna Karma Buono: una nuova bevanda zuccherata che richiama alle filosofie orientali. Il prezzo non è zen

Sant’Anna, marca leader nelle acque minerali, ha lanciato di recente la nuova linea Karma Buono in tre gusti. Il concetto base (per l’azienda) è “Bevi bene e fai del bene a te stesso!”. Il Karma citato è proprio quello che nelle filosofie orientali rappresenta “l’agire” in funzione di un “fine”; in questo caso il prodotto sarebbe legato all’azione positiva – di bere bene – che genera reazioni positive – fare bene a se stessi.

A ciò si aggiunge la diversificazione in tre gusti legata ad altrettanti chakra (un concetto desunto dalla tradizioni religiose dell’India che, semplificando molto, rappresenta i centri energetici del nostro corpo). Ogni tipo è rappresentato da un colore: Karma Verde è legato al 4° chakra Anahata, connesso all’empatia e all’espansione dell’amore, Karma Giallo è ispirato al 3° chakra Manipura, connesso all’ottimismo e allo sviluppo del potere personale infine Karma Rosso è ispirato al 1° chakra Muladhara, connesso alla stabilità e alla gioia di vivere il proprio radicamento.

Ulteriori approfondimenti condurrebbero in un ambito complesso e, per i profani, difficile da comprendere, soprattutto se si è in procinto di acquistare semplicemente una bevanda dissetante e non di intraprendere un percorso di meditazione! Dal karma e dai chakra si passa poi agli ingredienti e qui il discorso è più semplice.  Karma verde contiene mela, cetriolo, estratto di carciofo e zenzero, Karma Giallo contiene ananas, zucca, aloe vera, e salvia, infine Karma Rosso contiene pomodoro, arancia rossa e basilico (vedi tabella sotto). Sulla confezione, un bicchiere di plastica monodose da 200 ml con cannuccia, viene riportata la “simbologia” della frutta e della verdura utilizzata. Per esempio dall’etichetta di Karma Giallo si scopre che la salvia è simbolo d’identità, l’ananas di trasformazione, l’aloe di armonia e la zucca di abbondanza.

Tutte e tre le versioni sono a base di Acqua Sant’Anna integrata con circa il 20% di succhi di frutta e verdura ottenuti da concentrato abbinata a estratti,aromi naturali e acidificanti. Si tratta di una nuova bevanda zuccherata con estratti e succhi ma senza alcun apporto nutrizionale particolare. Un bicchiere di Karma Buono contiene 58-64 calorie con 14 g di carboidrati, di cui la quasi totalità sono zuccheri (12,6-13,6g). Gli zuccheri contenuti in un bicchiere di Karma Buono rappresentano circa il 15% delle assunzioni di riferimento (vedi tabella sotto).

A fronte di un approccio così impegnativo, considerando il karma, i chakra e la simbologia dei vegetali, la confezione riporta elementi ironici (come per esempio l’omino che indica di gettare il bicchiere nel cestino con un movimento ginnico), è vivace, colorata e rappresenta gli ingredienti sia con le parole sia con le immagini.

Suggerimenti ironici su come buttare il bicchiere vuoto

Questo nuovo prodotto propone una commistione di elementi concreti e altri aleatori, e si presenta come u una bevanda moderna declinata al mondo del trascendentale. Da sempre il consumo di alimenti e bevande ha un contenuto anche simbolico, ad esempio Karma Buono è un prodotto che promette tanto, forse troppo considerando gli ingredienti e le funzioni che si dovrebbero attivare.

Infine il prezzo: 1,59 euro a confezione, quindi 80 centesimi a bicchiere, è una cifra abbordabile ma decisamente superiore rispetto ad altre bevande dissetanti nello stesso formato.

Karma Buono

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Valeria Torazza

Valeria Torazza
analisi di mercato

Guarda qui

Arriva nei supermercati l’olio di semi di girasole alto oleico “consigliato da MasterChef” che può fare concorrenza all’extra vergine di oliva. La nota di Teatro Naturale

Arriva nei supermercati un nuovo prodotto a fare concorrenza all’olio extravergine di oliva, un olio …

Un commento

  1. Fino a qualche anno fa c’era un marchio che pubblicizzava “SANTE’ SANTAL”, ora S. Anna lo ha praticamente copiato. A qualcuno sembra corretto? Cosa ne dice il giurì della Pubblicità, e l’Antitrust?