Home / Sicurezza Alimentare / Cosa fare con il pollo in cucina? Le raccomandazioni contro salmonella e campylobacter in un video dell’Istituto tedesco per la valutazione dei rischi

Cosa fare con il pollo in cucina? Le raccomandazioni contro salmonella e campylobacter in un video dell’Istituto tedesco per la valutazione dei rischi

Chicken breast meat on wooden board
È possibile evitare la contaminazione incrociata attraverso alcuni accorgimenti in cucina

La mancanza di igiene nella manipolazione del cibo è una delle cause principali della diffusione dei focolai d’infezione di origine alimentare. Per questo motivo, l’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BfR) ha pubblicato un video di due minuti, in inglese e tedesco, dal titolo Cosa fare con il pollo?, che fornisce suggerimenti da adottare in cucina, per evitare la contaminazione incrociata, cioè il trasferimento di germi da un alimento, di solito crudo, ad altri cibi pronti da mangiare.

 

Qualsiasi contatto tra il pollo e  altri cibi deve essere evitato. La carne  va asciugata con carta assorbente, da cestinare subito dopo nella pattumiera. Quando si maneggia il pollo crudo e prima di toccare stoviglie o altri cibi, è necessario lavarsi le mani con acqua tiepida. Taglieri e coltelli utilizzati nella preparazione vanno lavati subito o messi nella lavastoviglie. Nel secondo caso, le mani vanno nuovamente lavate. Per tutti gli altri alimenti bisogna vanno utilizzati taglieri e coltelli distinti.  Queste regole vanno seguite quando si maneggiano uova, pollame e carne. Un altro  appunto importante è quello di  tenere  separati i  cibi nel frigorifero

 

Il Campylobacter e la Salmonella sono i batteri più comuni, che provocano infezioni di origine alimentare, causate da carne di pollame non cotta a sufficienza o che è entrata in contatto con altri alimenti prima di finire in padella. Uno studio condotto in Germania nel 2011 ha rilevato che il 31,6% dei campioni di carne di pollo analizzati era contaminato dal Campylobacter e il 6,3% dalla Salmonella.

 

Beniamino Bonardi

foto: istockphotos.com

© Riproduzione riservata

 

Il Fatto Alimentare e Great Italian Food Trade hanno lanciato una petizione online su Change.org per fermare l’invasione dell’olio di palma nei prodotti alimentari.

Abbiamo già raccolto 98 mila firme e cinque catene di supermercati hanno deciso di eliminare il grasso di palma dai loro prodotti !

Per sottoscrivere clicca qui

stop olio di palma petizione schermata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Epatite E, la carne di maiale cruda o poco cotta è la principale fonte di infezione in Europa. Oltre 21 mila casi in 10 anni

Sono oltre 21 mila i casi di epatite E segnalati nell’Unione europea negli ultimi 10 …

3 Commenti

  1. L’ozono è un ottimo disinfettante anche per gli alimenti.

  2. Buongiorno,

    Avete mai visto un macellaio lavarsi le mani prima di tagliare le bistecche dopo aver toccato il pollo ? – Io no !!!!

    Saluti

  3. nel video(al punto 1′,20″)c’è un errore: il cesto dei rifiuti andrebbe aperto tramite un pedale, altrimenti alla prossima apertura ci si ri-contamina la mano