Home / Richiami e ritiri / Simply richiama salame Santangiolese e salsiccia secca del Salumificio Geminiani per possibili residui di farmaci veterinari. Coinvolti tre punti vendita in provincia di Pesaro-Urbino

Simply richiama salame Santangiolese e salsiccia secca del Salumificio Geminiani per possibili residui di farmaci veterinari. Coinvolti tre punti vendita in provincia di Pesaro-Urbino

Simply ha richiamato un lotto di salame Santangiolese del Salumificio Geminiani

Simply Market ha diffuso il richiamo di due lotti di salsiccia secca e salame Santangiolese marchio Salumificio Geminiani Sauro e figli srl, per la possibile presenza di residui di farmaci veterinari nella carne suina usata per realizzare i prodotti.

I lotti richiamati sono il numero 238 di salsiccia secca “Il torrione” da 100 grammi, prodotto il 30/05/2017 e con scadenza al 29/07/2017, e il numero 236 di salame Santangiolese S.L. tipo fabriano, prodotto il 29/05/2017 e con scadenza al 28/11/2017.

Simply precisa che i prodotti richiamati sono stati distribuiti solo nei punti vendita di Montelabbate, Sant’Angelo e Pesaro Ponchielli in provincia di Pesaro-Urbino (Marche). Si raccomanda ai consumatori che abbiano comprato questi prodotti di non consumarli e riportarli al punto vendita d’acquisto dove verrà sostituito.

Simply ha richiamato anche un lotto di salsiccia secca del Salumificio Geminiani

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare il numero 0721490593

Questo è il richiamo numero 50 segnalato da Il Fatto Alimentare nel 2017.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. La questione riguarda grandi aziende come Barilla, Mars…, catene di supermercati che commercializzano migliaia di prodotti con i loro marchi (Esselunga, Coop, Carrefour, Auchan, Conad, Lidl, Eurospin…), e anche piccole e medie imprese. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore. Fai una donazione e ricevi il libro in omaggio.

 

I lettori che hanno fatto una donazione riceveranno in omaggio il libro “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Penny Market richiama trance di verdesca congelate “Gran Mare” per possibile contaminazione chimica

Penny Market ha diffuso il richiamo a scopo precauzionale di un lotto di trance di …

Un commento

  1. scusate comè possibile esistano diverse denominazioni santagiolese?