Home / Richiami e ritiri / Richiamato lotto di filetti di sgombro in olio di girasole Puros per possibile presenza di corpi estranei. L’azienda tranquillizza: “Prodotto già rintracciato e ritirato dalla vendita”

Richiamato lotto di filetti di sgombro in olio di girasole Puros per possibile presenza di corpi estranei. L’azienda tranquillizza: “Prodotto già rintracciato e ritirato dalla vendita”

Il Ministero della salute ha pubblicato sul portale dedicato alle allerta alimentari il richiamo di un lotto di filetti di sgombro in olio di semi di girasole a marchio Puros. Il provvedimento si è reso necessario per la possibile presenza di corpi estranei nel prodotto.

Oggetto del richiamo è il lotto di filetti di sgombro numero 135A, in confezioni da 125 grammi e con scadenza al 31/12/2020.

Il prodotto è confezionato in Marocco, importato in Italia da Generale Conserve (Olbia) e commercializzato con il marchio Puros, linea di conserve di pesce di Italy D (Bologna).

L’azienda tiene a tranquillizzare i consumatori e Mirco Pincelli di Italy D fa sapere a Il Fatto Alimentare che “Il prodotto è stato immediatamente rintracciato e ritirato dalla vendita, la presenza di corpi estranei è stata segnalata da un consumatore, il controllo effettuato su altre partite dello stesso lotto è risultato regolare, ma per via precauzionale abbiamo effettuato il reso immediato. La presente per rassicurare i Clienti che tutti i prodotti Italy D sono sottoposti a continui controlli di filiera e assicurano uno standard qualitativo e di sicurezza elevato.

Questo è il richiamo numero 44 segnalato da Il Fatto Alimentare nel 2017.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. La questione riguarda grandi aziende come Barilla, Mars…, catene di supermercati che commercializzano migliaia di prodotti con i loro marchi (Esselunga, Coop, Carrefour, Auchan, Conad, Lidl, Eurospin…), e anche piccole e medie imprese. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori che hanno fatto una donazione riceveranno in omaggio il libro “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

farina di nocciole life copertina richiamo

Richiamata farina di nocciole Life per aflatossine oltre i limiti. Coinvolti i supermercati Auchan, Simply, Coop e Basko

Auchan, Simply, Coop e Basko hanno diffuso il richiamo di un lotto di farina di …

Un commento

  1. Mirco Pincelli

    Con la presente sono a tranquillizzare i consumatori in merito al ritrovamento di corpi estranei nel lotto numero 135A, filetti di sgombro, in confezioni da 125 grammi e con scadenza al 31/12/2020.
    il prodotto è stato immediatamente rintracciato e ritirato dalla vendita, la presenza di corpi estranei è stata segnalata da un consumatore, il controllo effettuato su altre partite dello stesso lotto è risultato regolare ma per via precauzionale abbiamo effettuato il reso immediato. La presente per rassicurare i Clienti che tutti i prodotti Italy d sono sottoposti a continui controlli di filiera e assicurano uno standard qualitativo e di sicurezza elevato .
    lMirco Pincelli
    Amministratore Delegato Italy D.