Home / Richiami e ritiri / Unicoop Tirreno richiama bis di molluschi e cozze sottovuoto Euroittica per presenza di biotossine algali. Due i lotti coinvolti

Unicoop Tirreno richiama bis di molluschi e cozze sottovuoto Euroittica per presenza di biotossine algali. Due i lotti coinvolti

La catena di supermercati Unicoop Tirreno ha diffuso il richiamo di due lotti di molluschi a marchio Euroittica per la presenza di acido okadaico, una biotossina prodotta dalle alghe.

Il richiamo riguarda esclusivamente il lotto numero 1115A di cozze con codice EAN 8054934070020, e il lotto 132BIS250917 di bis molluschi (cozze e vongole veraci) con codice EAN 8054934070044. Entrambi i prodotti sono venduti in confezioni sottovuoto da 1 kg, preparate il 25/09/2017 con scadenza al 30/09/2017.

I consumatori in possesso dei prodotti coinvolti dal richiamo possono riportarli in nel punto vendita che provvederà al rimborso. L’acido okadaico è causa di sindrome diarroica da molluschi bivalvi (DSP).

Dal 1 gennaio 2017Il Fatto Alimentare ha segnalato 76 richiamiper un totale di 115 prodotti e 8 provvedimenti revocati. Per vedere gli altri clicca qui.

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali dei punti vendita almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di prodotti che possono nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. La questione riguarda grandi aziende come Barilla, Mars…, catene di supermercati che commercializzano migliaia di prodotti con i loro marchi (Esselunga, Coop, Carrefour, Auchan, Conad, Lidl, Eurospin…), e anche piccole e medie imprese. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori  interessati a ricevere l’e-book, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro  in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo in redazione all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Richiamato salame nostrale a marchio “La Bottega di Adò” per possibile presenza di Salmonella

Il Ministero della salute ha diffuso l’avviso di richiamo di un lotto di salame nostrale …

Un commento

  1. RASFF 2017.1505