Home / Richiami e ritiri / Revocato il richiamo dei malloreddus tradizionali I Cagliaritani. Le analisi smentiscono gli alti livelli di cadmio. L’errore nella comunicazione dei Nas

Revocato il richiamo dei malloreddus tradizionali I Cagliaritani. Le analisi smentiscono gli alti livelli di cadmio. L’errore nella comunicazione dei Nas

È stato revocato il richiamo del lotto di malloreddus tradizionali a marchio I Cagliaritani, pubblicato da Auchan nei giorni scorsi. Il prodotto era stato richiamato dall’azienda in via precauzionale per la presenza di alti livelli di cadmio, che in realtà erano nella norma. Il lotto coinvolto era il numero L1904 con scadenza al 19/08/2019.

Si è trattato di un errore di comunicazione da parte dei Carabinieri del Nas, quando hanno trasmesso all’azienda i risultati di un’ispezione svolta tempo fa. Dal verbale dei controlli era risultato un valore di cadmio superiore ai limiti di legge per il grano. Il pastificio aveva quindi deciso di attivare un richiamo volontario del lotto di pasta analizzato, per tutelare la salute dei consumatori.

Il Pastificio I Cagliaritani, in un comunicato a Il Fatto Alimentare, precisa che “Le analisi sono state smentite subito dopo dal rapporto di prova ricevuto dal laboratorio che ha eseguito le analisi. La nostra azienda ha fatto eseguire analisi di controprova che hanno dimostrato l’assenza del contaminante. La ASL territoriale non ha attivato alcuna allerta alimentare in merito al prodotto, in quanto è idoneo al consumo. La pasta può essere tranquillamente consumata.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

ostriche

Aggiornamento del 24/11: le analisi di Za.Mar sulle ostriche rilevano livelli di PSP sotto i limiti. SoGeGross e Basko richiamano ostriche per presenza di biotossine paralizzanti. Riscontrati livelli oltre il doppio del consentito. Il Ministero della salute richiama altri 22 lotti.

Aggiornamento del 24 novembre 2017: l’azienda Za.Mar informa Il Fatto Alimentare che “grazie all’effettiva rapidità del …