Home / Controlli e Frodi / Frodi dei prodotti DOP, IGP e STG. Mancano i controlli nelle fasi più a rischio: porzionatura, riconfezionamento ed etichettatura

Frodi dei prodotti DOP, IGP e STG. Mancano i controlli nelle fasi più a rischio: porzionatura, riconfezionamento ed etichettatura

mortadella prodotti dop
Un esempio di frode dei prodotti DOP

La Commissione europea ha di recente pubblicato il rapporto relativo ai controlli eseguiti sui prodotti DOP, IGP e STG, nel periodo 2012-2014, in otto Paesi aderenti (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Italia, Olanda, Slovenia, Repubblica Slovacca, Regno Unito).

Il regolamento (CE) n. 1151/2012 ha attribuito agli Stati membri la responsabilità primaria in ordine ai controlli pubblici ufficiali, nell’intero corso delle filiere, “from the farm to the fork”, dei prodotti agroalimentari tutelati come DOP, IGP e STG. Le amministrazioni nazionali dovrebbero pianificare tali controlli, in ottica di prevenzione delle frodi, al pari di quelli sulla sicurezza alimentare. Così almeno viene prescritto dal regolamento, ignorato dai governi nazionali, accettato dalla Commissione.

Le carenze più gravi si riscontrano proprio nella distribuzione finale ai consumatori  che diventano così vittime di frequenti frodi. La maggior parte degli Stati membri effettua i controlli prima che i prodotti siano immessi in commercio, senza indagare su porzionatura, riconfezionamento ed etichettatura.

mortadela mortadella frode
Un altro esempio di frode per la mortadella

Si perdono di vista i fondamenti della rintracciabilità, a partire dalla produzione agricola primaria. Al punto che sono solo due gli Stati membri ad aver previsto di estendere i controlli ai bilanci di massa, vale a dire al confronto tra quanto acquistato (es. x ton. di Parmigiano Reggiano) e quanto venduto (es. xx ton. di Parmesan).

L’Italia é il solo Paese a disporre di efficaci criteri per effettuare i controlli, e di appositi “database” con registri ed esiti dei controlli effettuati. I valori e i numeri della produzione italiana ben spiegano tale impegno. Ma il sistema non tiene forse anche a causa del comportamento troppo superficiale delle autorità che dovrebbero ostacolare tali fenomeni  (leggi approfondimento).

gift dario dongo
logo-fare

 

 

 

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Dario Dongo

Dario Dongo
avvocato, giornalista

Guarda qui

Sicurezza alimentare e controlli: il Ministero pubblica i dati 2015, ma nessuno sa quali sono le sanzioni e i provvedimenti adottati

Ogni anno viene pubblicato un ricco documento che riassume tutti i controlli e le ispezioni …

Un commento

  1. Perchè la didascalia della prima foto della “Mortadela” riporta “Un esempio di frode dei prodotti DOP” e la seconda “Un altro esempio di frode per la mortadella”?
    Mentre la “Mortadella Bologna” è un prodotto ad IGP registrato e tutelato, il solo termine “Mortadella” non è protetto e si può liberamente utilizzare.
    Dal momento che il prodotto della foto NON FA riferimento a Bologna, non si può parlare di “frode di un prodotto DOP” ma al limite, nel caso fosse prodotto all’estero, di un vago “Italian sounding” per via della bandierina tricolore.