X Chiudi
CARO LETTORE,
Il Fatto Alimentare è un sito indipendente che non pubblica finti articoli scritti per compiacere le aziende. Le entrate provengono da inserzionisti che per contratto non possono intervenire nelle scelte redazionali. Non ospitiamo pubblicità di bibite gassate, acque minerali e cibo spazzatura. Le entrate pubblicitarie coprono solo il 60% dei costi. Per questo motivo chiediamo a tutti i nostri lettori di donare anche pochi euro. Se ritieni Il Fatto Alimentare un sito utile e sei d’accordo con la nostra politica editoriale partecipa alla raccolta fondi e condividi il progetto.
Grazie

Pagamenti sicuri
Prezzi

Prezzi esagerati o offerte strabilianti? Le barrette Kellogg`s costano solo 13 ?/kg. Un`occasione o una furberia del marketing

Ma quanto costano le barrette di cereali? Sul cartellino del supermercato c’è scritto 40% di sconto e uno pensa si tratti di un vero affare. Osservando con attenzione si scopre che l’offerta riguarda gli Special Kellogg’s da 120 g nei tre differenti gusti (riso e frumento, cioccolato fondente e mirtilli rossi), venduti al prezzo stratosferico di 22 euro al kg, che diventano 13 con lo sconto.

 

Il prezzo al chilo non scontato equivale a quello di un kg di fiorentina, o se preferite di 17 litri di latte alta qualità, oppure di 8 kg di pane. Certo la confezione è efficace e il totem rosso allestito nei supermercati dalla Kellog’s per promuovere le barrette con la scritta  “Fai una pausa speciale per la tua forma” non passa certo inosservato.

 

 

Qualcuno può dire che il riferimento al prezzo al chilo è un’evidente forzatura, perchè la scatolina da 120 g costa solo 2,7 euro (1,6 con lo sconto) e siamo di fronte ad un importo non esorbitante, in linea con i prezzi delle barrette di cereali proposte da altre marche. E’ vero, la cifra è abbordabile, ma è proprio questa la furberia del marketing: proporre un piccolo formato a un prezzo contenuto, nascondendo il listino esagerato. È una tecnica molto usata soprattutto nei momenti di crisi. Per rendersi conto di quanto sia sproporzionato pagare 22 euro per delle barrette, basta dire che il costo della materia prima raggiunge a stento un ventesimo del listino. 

 

Il 40% di sconto è comunque un’offerta interessante, ma forse è meglio non farsi prendere da facili entusiasmi e lasciare le barrette dove sono.

 

Per saperne di più sulla qualità delle barrette, leggere l‘articolo di Paola Emilia Cicerone su  un test realizzato dalla rivista inglese Which?

Roberto La Pira

Foto: Kelloggs.it

2 Commenti

  1. Stefano hatto detto:

    Chiedetevi anche se fanno bene alla salute però: contengono molti zuccheri semplici che provocano picchi glicemici soprattutto per chi fa sport.