Home / Pianeta / La lobby italiana dei dolci sta per investire 55 mila euro per convincere direttori di quotidiani e tv che l’olio di palma fa bene alla salute, non distrugge le foreste ed è eccellente!

La lobby italiana dei dolci sta per investire 55 mila euro per convincere direttori di quotidiani e tv che l’olio di palma fa bene alla salute, non distrugge le foreste ed è eccellente!

olio di palma
La lobby dei prodotti da forno  ha stanziato 55 mila euro per cercare di convincere i direttori di quotidiani e tv

Si chiama “Piano di comunicazione sul problema dell’olio di palma” e prevede un investimento di 55 mila euro. Stiamo parlando del progetto in discussione negli uffici di Aidepi (Associazione delle industrie del dolce e della pasta) per cercare di convincere direttori di giornali e tv che l’olio di palma è “eccellente”, fa bene alla salute e non distrugge le foreste tropicali. L’aspetto sconcertante è che dopo aver evitato di scriverlo espressamente in etichetta (compariva sotto la generica dicitura di “grassi vegetali”), adesso le aziende hanno deciso di promuoverlo a pieni voti attraverso ogni canale a disposizione.

Eppure si tratta di un grasso tropicale tanto poco presentabile da non essere venduto nemmeno nei discount. In compenso si trova in quantità rilevante nella Nutella e nella quasi totalità dei prodotti Mulino Bianco e Ferrero, oltre che in buona parte dei prodotti da forno. Presentare il palma come un ingrediente eccellente è quasi un atto di eroismo, visto che i pochi studi italiani sull’argomento sono stati finanziati dalla stessa Aidepi,  che la deforestazione è un dato incontestabile e che l’olio non presenta elementi interessanti dal punto di vista gastronomico.

 

olio palma
L’olio di palma è sempre stato nascosto dall’industria tanto che non era indicato in etichetta e si vende solo all’ingrosso

Per ovviare a questi inconvenienti e fronteggiare le oltre 140 mila firme raccolte dalla petizione promossa da Great Italian Food Trade e da Il Fatto Alimentare (indicato come un “sito militante” nel piano che dovrebbe essere affidato da Aidepi a un’agenzia di Roma) non basta la buona volontà. Occorre aprire il portafoglio e mettere in moto la lobby. I 55 mila euro previsti per i primi 6 mesi verranno utilizzati per “incontri conviviali (one to one)” con i top media (categoria che secondo il documento comprende direttori e capiredattori  di quotidiani e televisioni e giornalisti specializzati). Agli incontri dovrebbero partecipare “nutrizionisti autorevoli che diano credibilità ai messaggi soprattutto sul fronte della salute e nutrizione” ed esperti nel campo della sostenibilità “disponibili ad agire come endorser dei nostri messaggi sia verso i media sia verso pubblici istituzionali”. Non è ancora nota la lista degli illustri nutrizionisti e degli esperti nel campo della sostenibilità che dovrebbero partecipare alle colazioni con i direttori e fornire un supporto per gli aspetti collegati alla salute e all’ambiente. Il piano prevede anche una “relazione privilegiata con 30-50 top media e top blogger” oltre ai  “10 incontri one to one conviviali o in redazione” con i direttori. Poi ci dovrebbero essere 2 incontri a Milano e 1 a Roma destinati complessivamente a 30-35 giornalisti selezionati da Aidepi.

 

olio di palma mostra food
Il piano della lobby prevede incontri “one to one” con direttori e  redazioni

Forse 55 mila euro sono pochi ma gli effetti indotti dalle manovre lobbistiche, sono difficili da prevedere.  Ci possiamo solo augurare che i vari direttori e capiredattori, quando dovranno scrivere sull’olio di palma, mantengano un approccio critico e oggettivo, e non subiscano pressioni dal fatto che l’Aidepi raccoglie i più importanti investitori pubblicitari italiani del settore alimentare, che versano ogni anno agli editori, cifre milionarie.

 

olio di palma
15 catene di supermercati hanno aderito al nostro appello e hanno iniziato il processo di riduzione e sostituzione del grasso tropicale.

 

Vorremmo concludere questa nota con una buona notizia. In redazione aumentano le adesioni alla nostra petizione. Due aziende (Misura e Gentilini ) si sono affiancate ad Alce Nero dicendo addio al palma. Ma l’aspetto vincente è che 15 catene di supermercati hanno aderito al nostro appello iniziando il processo di riduzione e sostituzione del grasso tropicale. La lista comprende Coop, Esselunga, Carrefour, Iper, Despar, Primia con i marchi Basko, Poli, Tigros e Iperal, Crai, Ikea, Ld Market, Picard, MD discount, U2. Alcune hanno già sugli scaffali i primi biscotti e prodotti palma free, altre hanno avviato il progetto e dovrebbero concretizzare il cambiamento entro la fine dell’anno. Si tratta di una lista destinata ad allungarsi.

Firma anche tu la petizione clicca qui abbiamo raggiunto 140 mila firme

petizione olio palma
Clicca sull’immagine per leggere la petizione

 

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
giornalista, tecnologo alimentare

Guarda qui

Alimenti confezionati: gli acquisti nei paesi industrializzati superano quelli dei cibi freschi. I risultati dell’indagine Euromonitor in 54 paesi

Il mondo va pazzo per il cibo confezionato, e nei paesi più sviluppati gli acquisti  …

37 Commenti

  1. La minaccia da parte degli inserizionisti di tagliare i contratti di pubblicità sulle testate è molto preoccupante, specialmente oggi che molte riviste sono al limite della chiusura, proprio per i magri investimenti. C’è solo da augurarsi che direttori e capiredattori si limitino a “non” parlarne, anziché appoggiare l’impiego di olio di palma. E auguriamoci che Report riporti anche la notizia dell’iniziativa da parte delle lobbies.

  2. Per rispondere a Massimiliano:

    1) quale grasso usa per fare la nutella in casa?
    2) bene, ma non necessariamente produttore locale significa sicurezza e qualità;
    3) bene;
    4) non necessariamente vero.